Interistiorg

Il sito che vi amerebbe tutti, se solo ne avesse il tempo

Tu vuò fa l’indonesiano.

Una volta ho mandato a fare in culo mio padre.

Si discuteva di alcune vicende politiche, quando ancora trovavo il tema interessante, oltre venticinque anni fa, e mi aveva zittito in malo modo. Sebbene fra me e lui esistesse una precisa gerarchia, se non altro perché stavo sul suo libro paga famigliare, non mi era piaciuta quella mancanza di rispetto.

Recentemente, alcuni fra i lettori di questo sito mi hanno rinviato un certo disappunto per aver espresso scarsa adesione alle ragioni del tifo per una squadra che non mi esalta. Non accetterò l’invito a darmi fuoco, che pure mi è stato rivolto, ma non perché abbia paura delle fiamme: non lo farò perché questo è soprattutto uno spazio mio (nostro, per la verità, anzi più suo che nostro, ma bando ai dettagli) e dunque mi sento pienamente autorizzato a scriverci quel che mi pare.

Non è per questo motivo però che torno ad esibirmi. Voglio annoiarvi di nuovo perché pretendo rispetto, da chi ha messo piede nelle mie passioni pensando di farla da padrone. Ad ascoltare alcune voci, infatti, pare che si debba essere grati ad Eric Thohir perché si è accollato i debiti della precedente gestione. Manco per niente: il tycoon di Jakarta ha scelto di prendere questa squadra con manifesti intenti di business, in piena consapevolezza della disastrosa situazione patrimoniale, e avendo un piano di sviluppo basato sulla maggior commercializzazione del marchio all’estero, manco fossimo la Lada Motors.

Se le intenzioni sono queste, non sono affatto sorpreso che voglia riportare l’Inter nell’Europa che conta in tre anni, con tutta calma. Del resto, per cominciare ha avvallato una campagna acquisti di stampo trumaniano: va bene tutto, purché abbia costo zero.

Beh, non mi sta bene.

Intanto perché una squadra di calcio non è un asset come un altro, che puoi decidere di valorizzare là dove la sua redditività è migliore: bisogna avere cura della sua storia, e del folklore che le gira intorno. Ho letto che nelle filippine, dove sembra che abbiamo un ampio bacino di potenziali affezionati, la percentuale di daltonici è la più alta del mondo: perché non cambiare i colori sociali in bianco e nero, già che ci siamo, per andare incontro alle aspettative di quel target?

Inoltre, non mi sta bene perché l’Inter siamo noi, non lui. I presidenti passano, i tifosi restano e sono il solo patrimonio del calcio. Il progetto che mi attendo dal presidente della mia squadra dura al massimo un anno e prevede un impegno di risorse pari al livello della mia passione. Se non è d’accordo, farò tutto quel che posso per manifestargli la mia contrarietà, cioè facendo analoga economia di tempo e denaro.

Per questo, dopo aver vissuto sugli spalti un Helsingborg, un Alaves, un derby con risultato tennistico, un cinque maggio e svariate altre amarezze precedenti, ho infine deciso di disertare San Siro. Quelle squadre, ancorché sconfitte, trasmettevano emozioni ed erano zeppe di giocatori capaci di entusiasmare. Questa, invece, è il nulla, nel bene e nel male.

Ci sarebbe anche da mandarla affanculo, se non fosse che le sono ancora troppo affezionato.

Lorentz

165 risposte a “Tu vuò fa l’indonesiano.

  1. bringbackorrico 07/09/2014 alle 11:50 pm

    Domenica Amarcord
    1984-1985

    Zenga
    Bergomi
    Baresi
    Ferri
    Collovati
    Mandorlini
    Bini
    Marini
    Causio
    Sabato
    Muraro
    Brady
    Rummenigge 18 gol
    Altobelli 25 gol

  2. josesavethequeen 07/09/2014 alle 11:34 pm

    Gli insulti per discriminazione territoriale di origine mazzarriana era qualcosa che mi mancava.
    E come al solito condivido al 100% le parole del Re.

  3. Marco Chiapparini 07/09/2014 alle 11:14 pm

    …aspettate qualche giorno che vi dico la mia su mazzarri. giuro che scateno una guerra nucleare.

  4. bringbackorrico 07/09/2014 alle 11:04 pm

    È tutta colpa del Lorenz che incita alla violenza 🙂 Comunque, seriously, mi sa che Mazzarri comincia a stare sul pisello anche a coloro che come me gli avevano dato una chance per redimersi, che a quelli che non l’hanno mai sopportato non può stare sul pisello oltre. Detto questo, sotto con altri sette gol al Sassuolo!
    AJ, apparecchia che arrivo!!!

  5. cipe4ever 07/09/2014 alle 10:50 pm

    La tensione NATO – Russia è una barzelletta rispetto al clima che si sta creando qui dentro.

  6. a.j 07/09/2014 alle 10:38 pm

    bringbackorrico molto volentieri.
    Vedo che e’ una domenica tranquilla all’insegna dell’amore.

  7. Marco Chiapparini 07/09/2014 alle 10:12 pm

    la toscana è sotto il Po.
    cosí, per completezza d’informazione… se borghezio leggesse certi commenti si ribalterebbe nella tomba. è morto, vero?!

  8. Chrigi Zu 07/09/2014 alle 9:52 pm

    Mi sono sempre stati sul cazzo i toscani senza sapere perché. Poi è arrivato Mazzarri e ho iniziato a capire. Poi è arrivato Jack Caz e i dubbi sono spariti. Sarai anche un tifoso dell’Inter, ma resti una merda!

  9. biz1965 07/09/2014 alle 9:47 pm

    @Jack,
    difatti ha l’accento da pirla come i toscani. Oltre al cervello si mangia pure le C.
    Vai a ricagare, va..
    Anche Lippi e` Toscano.

  10. Jack Cat 07/09/2014 alle 9:35 pm

    @ biz1965
    vai a cagare tu e mazzarri

  11. ilreditonga 07/09/2014 alle 9:21 pm

    Se venite a Tonga passate a trovare pure a me

  12. bringbackorrico 07/09/2014 alle 8:38 pm

    AJ:
    A Barquisimeto non mi sono mai fermato, la prossima volta che sono in Venezuela ti vengo a trovare!

  13. bringbackorrico 07/09/2014 alle 8:33 pm

    http://www.dailystar.co.uk/sport/football/398488/Mauricio-Pochettino-lining-up-bid-to-bring-Inter-Milan-star-to-Tottenham

    Adesso capisco perché tutta sta telenovela su Guarin.. un giorno va via, un altro resta… il comandante dei cacciucci dice che è il management a volerlo spedire via mentre il rappresentante del giocatore ha sempre detto che lui vuole rimanere all’Inter. Io ci credo poco a sta storiella di Guarin che vuole rimanere, è lui che vuole andare via, quando c’è dietro un club come il Tottenham o addirittura il Real, alzi la mano chi è così fesso da non volerci andare??? I colombiani stanno sfondano ovunque, Falcao e James sono solo i più famosi ma la Colombia ha uno squadrone della madonna, quindi il Madrid (dove troverebbe James) o la Premier significherebbe raggiungere la fama in forma quasi istantanea, che poi è il sogno di tutti.

  14. a.j 07/09/2014 alle 7:53 pm

    bringbackorrico Caracas a parte, non frequento molto ne Bolivar ne Apure. Io vivo a Barquisimeto. In ogni caso i pesci li cucino. Per lavoro.

  15. ilreditonga 07/09/2014 alle 7:24 pm

    …forse così non si offende nessuno…

  16. ilreditonga 07/09/2014 alle 7:24 pm

    Mazzarri è valdostano dentro

  17. biz1965 07/09/2014 alle 7:15 pm

    TheLorentz,
    d’accordo con te su tutta la linea !!!!

    Jack Cat, vai a cagare tu e il tuo conterraneo: noi Meridionali mettiamo ci sentiamo offesi ad essere paragonati a questa merda di allenatore. Non a caso e` Toscano come Allegri..

  18. Giuseppe Valenti 07/09/2014 alle 6:50 pm

    magari non saro’ pacato ma almeno scrivo la verita’, non come altri che difendono il merdoso reggino vigliacco scrivendo”non ha gli uomini adatti per il suo gioco” gioco ahahhaha ma quale gioco? qualcuno dica ai poveracci pennivendoli prostitute intellettuali di stocazzo che il vigliacco piangina dimmerda non ha la benche’ minima idea di cosa sia IL GIOCO DEL CALCIO gli auguro l’infarto ad ogni istante

  19. Francesco Ibz 07/09/2014 alle 6:41 pm

    …amico del blog, leggendo gli ultimi commenti potrei consogliarti solo di scappare! meriti di piu’

  20. cipe4ever 07/09/2014 alle 6:36 pm

    Sempre equilibrati e soft i commenti di Giuseppe Valenti.
    Se domenica contro il Sassuolo dovesse andare male, preparate i rifugi antiatomici.

  21. Giuseppe Valenti 07/09/2014 alle 6:26 pm

    Una squadra che somiglia a marrazzi deve per forza essere(ed infatti lo e’) una squadra sciatta, monotona, noiosa, squallida, provinciale, cagasotto, meschina e vigliacca

  22. Jack Cat 07/09/2014 alle 6:25 pm

    mazzarri è di livorno ma è terrone DENTRO
    questo prima che ve la prendiate troppo con noi toscani

  23. bringbackorrico 07/09/2014 alle 5:37 pm

    AJ:
    A Caracas.
    Vado anche spesso nell’Apure e nel Bolívar a pescare Peacock bass, un tipo di spigola particolarmente tipico di queste zone, non so se ti interessi di pesca.
    Sicuramente, mi farebbe molto piacere incontrarci e vedere una partita insieme, imbottiti di Maalox come dicevo…

  24. a.j 07/09/2014 alle 5:06 pm

    bringbackorrico se ti capita di venire da queste parti fatti sentire. Magari ci vediamo una partita insieme. Dove vai quando vieni in Venezuela?

  25. bringbackorrico 07/09/2014 alle 4:09 pm

    AJ:
    Quando vuoi organizziamo, con piacere. Conosco bene i Caraibi ed anche il Venezuela dove vivi, ci vado spesso. Salutoni e mi raccomando mai dimenticare il Maalox, vedrai che anche il 9-0-1 sarà perfettamente digeribile.

  26. Antonino Foti 07/09/2014 alle 10:49 am

    quoto totalmente MCE…io non ho molti rimpianti dei 6 a 0 dei Roberto Carlos venduti perchè non sapevano difendere e dei 5 maggio (solo quello del 2002 perchè quello del 2010 è stato il sole dell’avvenire) e poi e poi…ma che cazzo dite…romanticismo? qui ci dobbiamo confrontare con società che fatturano il triplo rospetto alla nostra…e non basterebbe nessun Moratti (che Dio lo benedica) a poter competere con loro…oggì è così…oppure quando al Chelsea quando è arrivato Abramovich si son fatti venire l’allergia? noooo…hanno goduto come non avevano goduto mai…ora posto che eravamo sull’orlo del fallimento (e quindi della scomparsa) questo (riketto) ci consente oggi di avere una squadra decente che potrà dire la sua in Italia ed in Europa e con un fatturato che ha ricominciato a crescere (notizia di oggi) oppure era meglio quando si incassava 220 milioni e 230 erano di stipendi tanto poi papà Massimo integrava? allora si poteva fare e lo faceva con tutto il cuore…adesso non ci farebbero entrare nemmeno dalla finestra per giocare…

  27. ilfumattiamubarak 07/09/2014 alle 10:38 am

    Con un Ventura (o uno Stramaccioni) e questa rosa puoi arrivare quinto come decimo. Allenatori migliori ci sono, ma non verrebbero all’Inter adesso.
    I gobbi vivono perennemente in quella condizione, a loro basta vincere, da cui il nome.
    Nessuno mette in dubbio che Thohir voglia riportarci a livelli dignitosi, ma mi sembra che per lui non sia essenziale vincere, bensi’ essenziale reggiungere il livello programmato nel tempo programmato.

  28. Calooleft (@calooleft) 07/09/2014 alle 10:26 am

    Mazzarri al corriere dello sport: “vi confermo che vedrete un’Inter che alternerà il 3-5-2, il 3-4-2-1, il 4-3-2-1 e il 4-3-1-2”. “L’acquisto di Medel, nell’ottica dell’utilizzo della linea a quattro, è importante”.

    Cosa vuol dire? Difesa a 4 con medel basso basso a fare il terzo centrale in fase di non possesso? Una cosa del genere?

    4-3-1-2
    ————————— Handanovic
    ————– Naga – Ranocchia – Vidic – Dodo’
    ——————————- Medel
    ———————– Hernanes – Mvila
    —————————— Kovacic
    ————————– Palacio – Icardi

    Con questi 11 in effetti sono fattibili tutti e 4 i moduli indicati da mazzarri… 4-3-2-1 spostando palacio sulla stessa linea di kovacic, 3-5-2 spostando medel in difesa, 3-4-2-1 spostando medel in difesa e palacio sulla stessa linea di kovacic. Con buona pace di jesus

    3-5-2
    ————————— Handanovic
    —————— Ranocchia – Vidic – Medel
    ———Naga – Hernanes – Mvila – Kovacic – Dodò
    ————————- Palacio – Icardi

  29. Marco Chiapparini 07/09/2014 alle 2:42 am

    adesso mi tocca anche essere paragonato ai gobbi.
    volete proprio farmi andare a letto incazzato…

  30. interclubqingdao 07/09/2014 alle 12:35 am

    Però, quando la Juve di Moggi-Giraudo si auto finanziava sbertucciando gli Agnelli, nessuno tifoso juventino pensava che “mancava la scintilla”, Tutti gli juventini pensavano: “Siamo i più fighi in campo e fuori dal campo”.
    Sembra che se non abbiamo un presidente che si sputtana i soldi non ci possa essere il sentimento.
    Per quello che mi riguarda, sono interessato a che il demente toscano, con una rosa da terzo posto, non si faccia inculare da Di Francesco con una rosa da sedicesimo posto.
    Altrimenti mi scatta il sentimento da pulizia etnica dei toscani.

  31. gaber7striker 07/09/2014 alle 12:27 am

    Thohir è in effetti poco seducente quando afferma che ha un progetto mirante a riportarci ai livelli che ci competono.
    Sarebbe meglio Audrey Bitoni presidentessa, che con body painting nerazzurro d’ordinanza, alla conferenza stampa grida al microfono “INTERISTI VI FARO’ GODERE!”, prima di far scomparire il medesimo.

  32. Marco Chiapparini 07/09/2014 alle 12:25 am

    in america sono tutti grassi

  33. interclubqingdao 07/09/2014 alle 12:24 am

    Cioè, Mazzarri garantirebbe il massimo risultato con il minimo sforzo economico? E alllora Ventura chi è che con una rosa che vale un terzo ha pareggiato solo per merito di Handanovic?
    E vedremo con il Sassuolo se il pluribocciato alle elementari non cambia registro.

  34. realsbatibalovic 07/09/2014 alle 12:24 am

    “premetti” e “rinfrazio”. Abatantuono mi fa una pippa.

  35. realsbatibalovic 07/09/2014 alle 12:23 am

    Qualche volta mi viene il dubbio di non riuscire a spiegarmi bene. Premetti che rinfrazio Mubarak per la spiegazione, o per la parziale spiegazione di ciò che vuol fare Thohir – far alzare il prezzo delle azioni in Asia e poi rivendersele cedendo l’Inter a chi però?

    A parte questo, io non ho detto che non accetto che il calcio possa diventare un carrozzone privo di emozioni, partecipazione, umanità, coinvolgimento. Dico solo che se diventa quella roba lì non vedo il perché bisognerebbe continuare a seguirlo, e non parlo dell’Inter, ma proprio del calcio in generale. Se non mi c’è emozione e coinvolgimento ma diventa una specie di Spa per affaristi disinteressati a tutto, che lo seguo a fare???

  36. CafèColombia (@antonionpltn) 07/09/2014 alle 12:05 am

    e forza Inter, porca quella zozza, FORZA INTER, FOOOORZAAAA INTEEEEEEEEEEEEEEEEEER

  37. a.j 06/09/2014 alle 11:58 pm

    bringbackorrico magari un giorno organizziamo un incontro iorg qui nel caribe. In fondo vedere la Beneamata in riva al mare, sdraiato su un’amaca, con un margarita in mano riesci anche a sopportare il 3-6-1 di Mazzarri.

  38. bringbackorrico 06/09/2014 alle 10:13 pm

    AJ:
    Ma va laaa…. Apri la finestra così ci salutiamo… Vieni a bere una margarita!

  39. a.j 06/09/2014 alle 8:16 pm

    bringbackorrico quindi sei un dirimpettaio.

  40. ilfumattiamubarak 06/09/2014 alle 7:40 pm

    @real
    Il marchio Inter verrà quotato in borsa in Asia tramite una società vettore di cui non ricordo il nome e Thohir ci farà un po’ di soldi (tanti), rientrando degli investimenti (pochi). A quel punto non so per quanto terrà le sue quote. Ecco perchè è meglio dire che l’obiettivo è l’Europa League e raggiungerlo, piuttosto che puntare al terzo posto o allo scudetto arrivando poi sesti, la borsa vuole che si mantengano le promesse; ecco il perchè di una rosa abbastanza solida ma senza acuti, e della conferma di Mazzarri, che ti garantisce comunque il massimo risultato con il minimo sforzo economico (in termini di calciatori).

  41. Jack Cat 06/09/2014 alle 5:48 pm

    Thohir è il mio presidente
    Mazzarri è il mio allenatore
    Inter è la mia squadra
    Juvemerda nella buona e nella cattiva sorte

  42. bringbackorrico 06/09/2014 alle 5:19 pm

    Caccia aperta e subito chiusa, ha indovinato AJ. Miami. 🙂

  43. acecc@kramer (@AceccKramer) 06/09/2014 alle 4:55 pm

    caro Lorentz

    Mi è capitato di seguirti ultimamente e devo ammettere che scrivi pezzi acuti, simpatici e romantici nel loro genere. Però permettimi di farti un appunto , così in amicizia da tifoso a tifoso.
    Continuare a scrivere su un blog interista che vive 24 ore al giorno di Inter che la squadra non ti suscita più emozioni, che la seguirai distrattamente disertando stadio e san siro , che addirittura la ignorerai risparmiando tempo e denaro non solo è poco credibile e coerente ma quasi grottesco , comico e se vogliamo autoironico.
    Come continuare a scrivere a una ex ragazza che non pensi più a lei , che non ti provoca più alcun emozioni e continuerai ad ignorarla “da lontano , distratto “.
    Ovviamente scrivendole pezzi accorati come quello sopra 🙂
    Si chiama tifo , non scelta razionale.

    con affetto
    Kramer

  44. Distinti Saluti (@distintisaluti) 06/09/2014 alle 3:01 pm

    I-org è una comunità virtuale scoppiata.

  45. a.j 06/09/2014 alle 2:08 pm

    Ok. Inizia la caccia a dove vive Bringbackorrico. Il nuovo gioco dell’estate. Mare, sole e fagiane. Da quello che ho capito si parla inglese e scrive nei miei stessi orari. Io azzardo un Miami, Florida. Ho vinto qualche cosa?Chi si butta?

  46. Marco Chiapparini 06/09/2014 alle 1:25 pm

    Mi pare che sia passato inosservato il commento di Bringbackorrico… mare, sole e fagiana… ci vorresti mica dire di dove sei???

  47. crusherant 06/09/2014 alle 12:48 pm

    leggo interistiorg da quando c’erano le pagelle..
    poi ho cominciato a leggere anche i commenti e ho visto che erano “galli” e poi sono diventati “+ galli” fino a che la redazione ha deciso di dedicare addirittura un posto d’onore in alto a destra per il + gallo di tutti… (interisti alter sport
    ho scritto poco, ma spesso ho ricordato con nostalgia nei miei commenti quanto era bello questo sito per l’ironia e genialità dei suoi frequentatori e quanto non amassi la troppa serietà tecnico/tattica/amministrativa nella quale si è andati degenerando..
    ma, of course, ognuno è padrone di vivere il calcio a modo suo, figurarsi dei propri commenti…

    la redazione ha, fortunatamente, per lo più mantenuto l’atteggiamento scanzonato dei bei tempi con lampi di genio che mi fanno ancora adorare questo sito…
    ora però leggo anche da parte loro i papiri che se non sono di analisi tecnico/tattica/amministrativa, sono cmq riflessioni profonde e malinconiche lontane dal vecchio spirito Iorg…
    il sito è vostro e ne avete tutto il diritto, è chiaro, non c’era neanche bisogno di scriverlo,
    ma anch’io vivo il sito a modo mio e volevo dirlo…

    Noi siamo i goombadi e il sito è della eminentissima Redazione

    Noi siamo l’INTER e l’Inter è di Thoihr

    io non cambio e non perdo la fede, anche se l’entusiasmo cala, l’inter è un sentimento, e come tale rimane e rimarrà per sempre
    Crush

  48. elganassa 06/09/2014 alle 12:08 pm

    “Essere interisti è un segno di eccellenza”

    Ecco, io mi aspetto che il mio presidente conosca questa frase, da chi è stata pronunciata e che sia sempre il suo faro illuminante.
    Poi possono capitare stagioni buone e meno buone, campioni e bidoni, buoni allenatori di calcio e cattivi allevatori di gabbiani, ma a mio parere chi ha a che fare con l’Inter non può accontentarsi.

  49. alinghi2 06/09/2014 alle 11:53 am

    A proposito.
    Altro merda di giocatore e’ stato Ganz.
    Uno che una domenica baciava la maglia sotto la nord e quella dopo baciava la maglia sotto la sud.
    Uno che con la maglia del Milan ci ha fatto perdere 2 punti fondamentali in un derby con un tuffo alla Inzaghi.

  50. alinghi2 06/09/2014 alle 11:50 am

    A me spiace Real che ti insorga il malessere,ma la realta’ e’ questa.
    Poi e’ chiaro che pure io preferisco avere nelle fila i Ronaldo,i Rummenigge ,i Mattheus etc etc e tutti gli altri che ci hanno fatto vivere momenti da sogno anche se poi non vincevamo nulla.
    Perche’ passare da Maicon al gabbiano o a Nagatomo e’ ovvio che e’ un insulto.
    Ma anche con Moratti si passava da Roberto Carlos a Pistone.
    Ma come scrivevo prima,oggi Erik e’ il mio presidente.
    E come scrive Mce ,che appoggio in pieno,ha un piano e lo porta avanti.
    Senza cambiare idea ogni 24 secondi.
    Non e’ indolore,ma io lo reputo necessario.
    Poi tra 2/3 anni vedremo,e potremo anche giudicare.
    Se il progetto regge,se ha dato risultati oppure e’ stato un buco nell’acqua.

  51. MCE (@SLTD_fan) 06/09/2014 alle 10:22 am

    Goombadi,

    vi voglio bene. E mi state sul cazzo. Ma questo e’ il sunto dell’essere neroassurri.
    I picchi di lugubrita’ degli ultimi papiri ricordano le tinte fosche dei quadri romantici di fine 800. Roba fina, che i casciavit mai potrebbero apprezzare, dato che il massimo dell’espressione artistica dei gonzi e’ Abatantuono.

    Pero’.

    A me va bene tutto. Capisco lo sfogo ultra’ di chi non vede motivi per gioire. Ero in curva al 6-0, in tribuna coll’Helsinborg, e chiuso nel parcheggio di C.na Gobba durante il secondo tempo di Lazio-Inter il 5 maggio, perche’ non vederla in diretta era troppo. Sono anche quello che fece NY JFK-Milano-NYJFK nello stesso weekend per non perdersi i caroselli dello scudo 2009.

    Pero’.

    Non si puo’ dire che improvvisamente alla societa’ non freghi un cazzo della Beneamata, perche’ sono dei vili procacciatori di soldi. Semplicemente perche’ CHECAZZONESAPETEVOI.

    A me Thohir m’ispira. Ecco, l’ho detto.

    Mi ispira perche’ non sara’ neroassurro, ma ha la cazzimma. E’ uno che ha usmato le fregatura su Guarin-Juve e ha fatto saltare il banco, facendo sbroccare occhibelli. Ve la ricordate l’ultima volta che avevamo fatto sbroccare qualcuno di quelli? Calciopoli. Triplete.

    M’ispira perche’, CHECCAZZONESAPETEVOI, perche’ a differenza di quando c’era il Moratti (ti amo, Massimo, e ti ho odiato quando ti facevi prendere per il culo), le P.I. non sanno che pesci pigliare, perche’ nessuno fa uscire piu’ un cazzo dalla societa’. Prima, QUELLICHEAMAVANOLINTER raccontavano TUTTO al primo Nando Sanvito del cazzo.

    M’ispira perche’ ha un’idea di cosa cazzo vuole, e non ha cambiato idea 12356 volte. Si e’ trovato Mazzarri, e ha deciso di lasciargli tempo. Se fara’ cagare, come sembra, ne trarra’ le conseguenze. A me Mazzarri fa cagare, ma se siete vissuti attraverso Tardelli e Hogdson non potete stracciarvi le vesti.

    Vuole gente giovane, e l’eta’ media e’ calata di brutto. Il monte ingaggi pure. Ha un’idea. Ha scelto gente in cui crede, e quello che vuole sta accadendo. Tra quegli obbiettivi c’e’ tornare a essere competitivi. Vedarem, ma finora quello che ha promesso sta accadendo.

    Ma veramente vi serve un giocatore della Madonna per emozionarvi davanti all’Inter? Vi serve il gioco spumeggiante? Vi serve il tocco di prima?

    Io appena sento l’odore dell’erba di S Siro vado in adrenalina. Mi agito, cazzo. Piscio 3 volte prima del fischio d’inizio. Ho ricordi stupendi di partite oscene vinte con gol osceni di gente oscena che adesso probabilmente fa le punte alle matitine dell’IKEA.

    Fate come cazzo vi pare, ma scegliete. O siete quella roba la’, che aspetta la festa con Ronaldinho e le ballerine ad Agosto, o siete Neroassurri, e la vivete in vena con tutte le bestemmie, gioie, rumori e odori della vita.

    [END OF PAPIRO]

  52. interclubqingdao 06/09/2014 alle 10:13 am

    Real, le tue affermazioni sono sensate, ma sei più ragioniere “di tutti noi messi insieme”. Il tuo post trasuda ROI e Business Plan. Sapevilo.

  53. realsbatibalovic 06/09/2014 alle 3:25 am

    Leggere commenti di tifosi che fanno i ragionieri mi dà da sempre un senso di sottile malessere. Il calcio è poesia, passione, emozione: se ha ragione chi dice che non è più così, che questi elementi non contano più o quasi, in effetti viene da chiedersi perché seguire ancora il calcio, più che chiedersi perché seguire ancora l’Inter.
    A me piace il gelato, ma se sapesse di plastica smetterei di mangiarlo, dopo un po’.

    Secondo punto: va bene il progetto di risanamento e quant’altro, ma a parte che le società di calcio – quelle che vincono – sono sempre state fabbrche di debiti più o meno mascherate, aspetto sempre che qualcuno mi spieghi da dove dovrebbero venire gli introiti se:
    1. La squadra è mediocre e gioca da schifo, quindi scordati di aumentare granché le vendite di marketing o di sollevare entusiasmi- Non basta certo fare le maglie simili a quelle del baseball per sfondare in Oriente. Te li vedi? “Dai, compliamo la malietta di quella squadla che alliva sesta in Italia e fa semple zelo a zelo! Che sbullo!”.
    2. Non arrivano risultati quindi non si incassa dalla CL’s.
    3. Non si costruisce lo stadio, quidni niente incassi anche da lì.
    4. Non si investe su un parco giocatori da far crescere di talento e di valore davvero importante, quindi non ci si può aspettare nemmeno di incassare granché da una rosa che salvo poche eccezioni continua a svalutarsi (se gli ingaggi scendono da 140 a 70, d’altronde…).
    5. Non si sceglie un allenatore carismatico che se non altro attiri attenizione con il bel gioco e valorizzi i giovani giocatori da rivendere in seguito.

    Insomma, sti bilanci come pensiamo di migliorarli, ora che i tagli sono praticamente esauriti, la rosa è ridotta all’osso, gli ingaggi sono ai minimi storici e il mercato è a costo zero??? Non si può più risparmiare su niente o quasi. E adesso?

  54. bringbackorrico 06/09/2014 alle 2:30 am

    In compenso ci hanno regalato una enne di troppo per scrivere il Kalle, maledetti correttori che non servono a un pisello.

  55. bringbackorrico 06/09/2014 alle 2:26 am

    Bring back Pellegrini and Rummennigge! I want my Inter back! Ce l’hanno rubata!

  56. blackandblue78 06/09/2014 alle 1:39 am

    Il sito che vi amerebbe tutti, solo se avesse il tempo.
    Il nostro è finito

  57. interclubqingdao 06/09/2014 alle 12:53 am

    Mazzarri The Lorentz ti ha salvato, però solo fino al Sassuolo. Sarà meglio che ti dia da fare.

  58. bringbackorrico 06/09/2014 alle 12:02 am

    @Francesco ibz (Ibiza?)

    Condivido il tuo consiglio, anch’io faccio così, in Italia non sono mai vissuto, sono nato all’estero (lontano) da madre milanese e padre fidentino, non ho mai vissuto l’ansia del pallone (e soprattutto l’odio becero e schifoso che si vive in Italia tra tifosi di squadre diverse), get a life è la prima cosa che mi viene da dire, che va anche bene sfottersi e divertirsi ma odiare una persona per colpa di un pallone francamente non fa per me. Ciò non implica che non mi scocci i marroni quando vedo la mia squadra senz’ anima ne core come si direbbe, perché va be che c’è anche la fagiana dove vivo (e ce n’è anche molta), e c’è pure una pesca favolosa ed un clima ed un mare stupendo, ma l’Inter è un sentimento troppo forte e fa male sapere che siamo in mano ad un Indonesiano che di calcio può anche capirne ma che di certo non mi rappresenta ne rappresenta l’Inter ne rappresenta il tifo che sentiamo milioni di interisti nel mondo. Io non mi identifico con un indonesiano che tra l’altro parla l’inglese che fa pietà, lo parla meglio il mio cane. E quindi capisco lo sfogo del padrone di questo meraviglioso sito.

  59. dyd (@dydsix) 05/09/2014 alle 10:05 pm

    i sentimenti a volte non conoscono vie di mezzo e capisco cio che prova Lorenz, ma non lo condivido.
    Si pone la questione su due colori contrapposti che non nomino, ma noi siamo un po di piu’, dobbiamo essere capaci anche di cogliere le sfumature, non solo quando non vincevamo niente pero almeno eravamo una squadra simpatica..
    ma sul serio vogliamo metterla su questo binario?
    Ritengo che non aver comprato la seconda punta forte, sia stato un enorme autogoal, perche’ questo campionato sara’ profondamente diverso da quello scorso.
    La Juve ha Allegri e la Roma la Cl, due handicap, sicuramente. Il Napoli gia sta facendo harakiri e la Fiore ha gia riperso Pepito Rossi.
    Le difese di Napoli Fiore e Inter si equivalgono, la differenza la fanno gli attaccanti e gli allenatori, per questo c’e’ da mangiarci le mani.
    Comunque siam la squadra che ha comprato piu “titolarabili” degli altri, inserirlo tutti ci vorra’ del tempo.

  60. Roberto Rovedatti 05/09/2014 alle 9:58 pm

    Il problema è che il calcio non è più quello di 30 anni fa, ora una squadra per rimanere ad alti livelli ha bisogno di una gestione intelligente portata avanti da gente capace perchè il lato economico, piaccia o no, è fondamentale. Come per tutto il resto, non solo per il calcio, in Italia abbiamo gestito le cose alla cazzo e in europa ci hanno superato in 20. Con tutto il rispetto per un presidente che ci ha dato gioie incredibili, io non voglio, o non pretendo di avere un ricco scemo che butta 1 miliardo di euro in 15 anni e non pensa di ammodernare appiano gentile, io voglio qualcuno che costruisca un progetto, anche di lungo termine, che porti dei benefici duraturi e non gioie incredibili ma brevi (poi oh se arrivano anche quelle tanto meglio).

    Può essere Thohir? Booooooh. Sicuramente un problema da gestire nel breve è che a guardare l’inter degli ultimi 2 anni tendo ad assopirmi verso il 20mo del primo tempo. Ecco, essendo un progetto a quel che ho capito di lungo periodo l’unico errore commesso finora è non aver preso Zeman imbottendo la squadra di giovanotti. A parità di risultati mi divertirei decisamente di più …

  61. ilfumattiamubarak 05/09/2014 alle 9:20 pm

    Solo lui potrebbe sconfiggere Gigan:

  62. lordpeto 05/09/2014 alle 9:08 pm

    Lorentz,
    discorso comprensibile, che non condivido, ma comprensibile.
    Quello che non mi sta bene, per quel che puo’ importare, e’ la premessa. Non c’e’ un rapporto padre figlio qui, e tantomeno trovo accettabile il discorso sulla proprieta’ dello spazio su cui altre persone convivono da anni. Vado per analogie. Se il sito e’ uno spazio tuo e quindi puoi scriverci quel che vuoi, fregandotene -anzi, rimanendo pure stizzito – delle reazioni degli utenti, allora allo stesso modo il proprietario di una squadra di calcio puo’ gestirla come vuole, infischiandosene del tuo parere, cosi’ come il padrone del pallone puo’ prenderselo sotto braccio e andarsene a casa senza curarsi degli amici che vorrebbero finire la partita.
    Con una premessa del genere quello che scrivi dopo passa la voglia di leggerlo…ma l’ho letto. Sempre per analogia, se i tifosi vanno rispettati perche’ i tifosi sono l’Inter, allora anche i commenti degli utenti vanno rispettati perche’ gli utenti sono iorg. Uno puo’ scrivere quello che gli pare nel “suo” spazio, ma se sotto a quello che scrive c’e’ una casella blu con scritto “commento all’articolo”, questi non si puo’ poi lamentare se chi commenta non la pensa come te (con eccezione per le frasi offensive o malauguranti che ho trovato esagerate e di cattivo gusto).
    Ovviamente nulla di personale (capisco il tuo punto di vista), ci tenevo solo a esporre anche io i miei two cents in quanto, seppur se non “mio”, tengo a questo posto, anche se le prestazioni attuali magari non sono gloriose come quelle degli anni passati. Pero’ son sempre qui.

  63. Francesco Ibz 05/09/2014 alle 8:58 pm

    …mandali tutti in culo, anche tuo padre e anche l’inter. pensa meno al calcio e di piu’ alla gnocca. ne guadagnerai in salute(forse). e’ tutto comprato e tutto venduto,anche il nostro mitico triplete.
    comunque thoir non e’ scemo come pensano in molti. sicuramente e’ piu’ furbo dei moratti che si sono fatti infinocchiare alla grande da un sistema di ladri mafiosi. lo dimostra il fatto che non ha tirato fuori una lira. la squadra non e’ male se guardiamo la mediocrita’ del nostro campionato. l’allenatore e’ quello che e’, ma non e’ peggio di altri. il problema che continua negli anni sono sti cazzo di tifosi interisti bauscia di merda che rompono sempre i coglioni per qualsiasi cosa. non capiscono un cazzo di niente ma vogliono dire la loro su tutto. mi sono sempre stati sul cazzo, e’ per questo che non vado piu’ allo stadio. l’ultima partita e’ stata la finale persa in casa contro lo schalke 04. vattene da milano rifatti una vita in un paese tropicale e l’inter guardala ogni tanto, ma cosi’ di sfuggita. vedrai che poco a poco inizierai a sentirti meglio fino a quando ti sarai completamente disintossicato dal calcio e quando leggerai qualche blog che parla di inter ti verra’ un sottile sorriso nel vedere sti’ bauscia a rodersi il fegato.
    forza inter , gobbi merda
    un milanese

  64. valdiviak 05/09/2014 alle 8:36 pm

    Se avessimo avuto 430 milioni di debiti ma giocavamo in premier di acquirenti meno pezzenti ne avremmo trovati eccome, è il campionato italiano che è di un imbarazzo assurdo! Detto ciò anche se c’hai i conti in merda almeno un paio di giocatori che ti fanno sognare doveva prenderceli.
    A me dopo il triplete di vincere non frega un cazzo posso pazientare per un po’ ma almeno vorrei vedere dei giocatori che ti fanno emozionare!

  65. cipe4ever 05/09/2014 alle 7:43 pm

    Per sintetizzare la situazione finanziaria dell’Inter sono costretto mio malgrado a citare il neo CT della nazionale con gatto in testa: “non si può andare a mangiare in un ristorante da 100 € con 10 € in tasca”.
    Il problema è che in tasca non abbiamo neanche i 10 €.

  66. buffalo (@buffaloman89) 05/09/2014 alle 7:19 pm

    scusate una domanda, ma stiamo veramente giudicando e disprezzando una proprietà che è attiva da nemmeno 1 anno? cosa avrà mai fatto di così male Enrichetto per meritarsi cotanto malessere?
    forse a qualcuno non è andata giù la cacciata di quella larva umana di Branca? forse non è piaciuta la malsana idea di piazzare gente competente al posto giusto in società? o l’agghiacciante prospettiva di voler aumentare il fatturato ed espandere il brand? ma soprattutto, è possibile ragionevolmente sospettare che questo essere maligno assetato di denaro e di ricavi abbia scelto come sua “sposa” una società con 430 milioni di debiti?

  67. bringbackorrico 05/09/2014 alle 7:13 pm

    Florentino dice che il Real Madrid ha fatturato 600 mm di euri quest’anno ed è il club che fattura più di tutti per dieci anni di fila. Ma quanti pigiamini dobbiamo vendere noi per poter competere col Real??? La verità è che abbiamo venduto all’unico tycoon povero al mondo. Questo qua non sa che per fatturare a questi livelli bisogna spendere, investire su giocatori che danno un ritorno al capitale in breve tempo. In più mette uno come Mazzarri a guidare la revolution del futuro, uno che non sa nemmeno cosa sia vincere. Mi sa che questo Thohir è uno di quei classici figli di papà cui hanno messo a disposizione un po’ di soldi di famiglia ma è un po’ bolso e non lo farebbero mai trovare vicino al patrimonio della famiglia. Non so, ho questa impressione.

  68. Prozio 05/09/2014 alle 6:52 pm

    Firefox è impazzito. Quando visita interistiorg mi dà un segno di spunta verde che nella legenda corrisponde a : “this site is safe”.
    Quelli vivono in mezzo alle tigri.

  69. alinghi2 05/09/2014 alle 6:31 pm

    Reditonga.
    E’ vero.Noi siamo sempre stati orgogliosi,perche’ abbiamo avuto sempre personaggi come i Fraizzoli,i Pellegrini,i Moratti,i Prisco.Questo ci ha portato a distinguerci dalla massa.
    E’ chiaro che mi sento piu’ legato a quei nomi rispetto a quelli di oggi.
    Ma oggi la situazione e’ tale che ci devono fare andare bene pure gli Indonesiani.
    Se Moratti ,allo stremo delle forze economiche,ci avrebbe portato al fallimento,meglio l’indonesiano ed il suo pool di manager se ci tira fuori dalle sabbie mobili.
    E te lo dice uno che ha lavorato un anno in Paolo Sarpi e si rifiutava di andare a far colazione e a mangiare a mezzogiorno dai cinesi.

  70. Angelo Farina 05/09/2014 alle 6:15 pm

    parliamo di cose ultraserissime: dopo la presunta esplosione di zaza in nazionale chissà quali tormenti il nostro mitico gobbo sta patendo; starà preparando la nuova difesa a quattro cioè quattro stopper più due presunti terzini e duei mediani… chissà quante squadre batteranno quest’anno il sassuolo a sansiro, sarà difficile per tutte prendere punti a sansiro contro il sassuolo.

  71. mrdeliorossi 05/09/2014 alle 6:11 pm

    come al solito il Re dice la cosa giusta, che cercai di esprimere anch’io senza riuscire ad eguagliarne chiarezza ed autorevolezza.
    caro Re, mi consenta: da quando non ha più ruoli operativi ha acquistato una terzietà che le conferisce una limpidezza di giudizio che è un faro per i poveri interisti orfani del Presidente Socio Azionista Unico.

  72. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 05/09/2014 alle 5:51 pm

    venerdì, piove, we senza campionato e con visita suoceri…quando manca a lunedì?

  73. ilreditonga 05/09/2014 alle 5:46 pm

    No, il problema di Konrad e di molti di noi non è nella capacità e nella possibilità di allestire uno squadrone o meno.
    Il problema è nel riconoscersi o meno in un club in cui, a quegli 8 o 10 individui che sono nella stanza dei bottoni, a nessuno è mai fregato un cazzo dell’Inter, se non in questo loro preciso momento professionale e per questioni esclusivamente personali e professionali.
    Sono persone a cui non frega una sega se l’Inter vince una partita, se non per il fatto che la vittoria dovrebbe (in teoria) far vendere più magliette in Asia, e una sconfitta di meno. Ma badate bene che questi due fatti non sono legati in maniera assoluta, altrimenti l’arcano non sarebbe tale.

    Il problema è: se sia meglio una società gestita da manager più o meno bravi, ma di sicura fede (Moratti, Pellegrini, Fraizzoli, Facchetti, Mazzola, Prisco, fate voi…) oppure una guidata da manager probabilmente più bravi (Thohir, Bolingbroke, Lewis, fate voi…), ma attenti solo al bilancio e ad eventuali dividendi.
    Se non guardassimo ai risultati è ovvio che la prima soluzione sarebbe quella da preferire, ma siccome il tifoso è molto sensibile al responso del campo è chiaro che molti di noi (il Re in primis) sarebbero disposti a sorbirsi anche un padrone turkmeno con due teste, in cambio di qualche scudetto e di un triplete.
    Il problema è che, indipendentemente dai risultati e dalle ambizioni del momento, sarà sempre più difficile appassionarsi per una società senza un Moratti, Pellegrini, Fraizzoli, Facchetti, Mazzola, Prisco, fate voi…
    E l’altro problema è: i manager con la M maiuscola saranno di sicuro più bravi di quelli “tifosi”?

  74. alinghi2 05/09/2014 alle 5:43 pm

    Massimo rispetto per tutti,compreso goombade maximum Lorentz.
    Ma oggi Thohir e’ il mio presidente.Posso criticarlo,posso non concordare con alcune mosse,ma questo abbiamo e questo ci dobbiamo tenere.E questo ho deciso di rispettare come mio presidente.
    Potevamo cascare meglio?Forse,ma chi?Intanto bisogna trovare uno che paga 300 milioni per prendersi una societa’ con 400 milioni di debiti.Non mi sembra che ce ne siano moltissimi.
    Non ho mai pensato in 15 mesi di tornare ai livelli del 2010.Ci vorranno anni.
    Anche perche’ la priorita’ e’ il bilancio.Se non si riassesta quello,tra 3 anni giochiamo col Monza.

  75. aurus73 05/09/2014 alle 5:34 pm

    tutto giusto, condivisibile, romantico e appassionato…
    .. se fosse un post del 1999… purtroppo per rimanere pazzi, innnamorati e competitivi o troviamo un emiro folle, oppure facciamo anche noi un sforzo e passiamo da interista 2.0 a interista 3.0
    cioè troviamo un modo di trovare il romanticismo in questo calcio o ciò che ne rimane e rinnoviamo l’innamoramento per l’Inter, oppure se non siamo disposti a cambiare modo di amare la squadra cambiamo sport (non credo che ne troveremo di ancora romantici) oppre coltiviamo altre passioni… il modellismo è abbastanza romantico…

  76. Silvester Adiwolf 05/09/2014 alle 5:32 pm

    Come faccio a pubblicare una foto che ho fatto per il sito qui nei commenti come ha fatto Macriachi ???

    Le tue parole mi fanno Felice 100x100fanti … grazie

  77. a.j 05/09/2014 alle 5:32 pm

    Sempre detto che le pause delle nazionali fanno male…

  78. furiabuia 05/09/2014 alle 5:19 pm

    nel rispetto di tutti, dirò solo che io seguirei le partite dell’inter anche se in squadra ci fossero 11 stronzi comandate da un coglione. situazione che per altro a pensarci bene sembra attuale. però se parliamo di passione per me è così. è l’inter. poi comunque si parla di punti di vista e ognuno la pensa come vuole, però insomma io non ce la faccio a girarmi dall’altra parte perchè non mi piace la formazione. sono d’accordo con la frase “i tifosi restano”, esattamente: restano, non è che vanno e vengono a seconda degli investimenti. oh poi magari sono io che non capisco come ci si comporta…
    un saluto a tutti.

  79. Ventice' 05/09/2014 alle 5:17 pm

    Applaudo micciacorta

  80. Ventice' 05/09/2014 alle 5:15 pm

    Meglio un’Inter ingrigita come quella odierna, o un’Inter fallita che riparte dalla C?
    La vera questione è se c’era davvero una terza opzione. A detta dei più, tra i ben informati, no.

  81. elmichetta 05/09/2014 alle 5:12 pm

    Lorentz,

    il 14/09 andiamo a trote??
    chi viene??

  82. micciacorta 05/09/2014 alle 5:00 pm

    a me pare un papiro pieno di banalità. E mi pare che dietro i soliti “la squadra siamo noi tifosi” e “bisogna rispettare la nostra storia” si nasconda semplicemente un “Tohir pezzente vattene vogliamo un emiro che cacci la grana”.
    A parte mazzarri, che mi fa venire l’orchite, per la prima volta da secoli mi pare che si intraveda un progetto un po’ più strutturato dello “speriamo che quel minchione di Moratti cacci cento milioni pure quest’anno”… cosa che tra l’altro aveva smesso di fare. Non si regalano più i giovanissimi, non si vendono più i possibili talenti, si sfanculano vecchie glorie che, al di là della riconoscenza dovuta, avevano fatto il loro tempo… Mi sembra insomma che si stia provando a ritornare grandi grazie a una società sana che funziona e non in virtù dei “capricci” di un miliardario Russo (o della “generosità”, se si parla di Moratti, a cui tutto si poteva imputare tranne che non fosse un tifoso più sfegatato di tutti noi).
    E’ vero, non si comprano più i campioni veri (come nei bei tempi dell'”interista, chiaccherone, sogna sotto l’ombrellone”). Ma siamo solo al primo anno della ristrutturazione… serve pazienza. E se non mi sento certo di ringraziare Tohir (magari lo farò tra un paio di anni se il progetto andrà a buon fine) non me la sento certo di mandarlo affanculo perché non butta nel cesso milioni per tenere a galla un carrozzone come era diventata l’inter del post triplete.
    Oltretutto questo blog è molto più divertente quando l’inter gioca di merda… sarà che siamo campioni di autoironia.

    Con immutata stima vostro,

    Chissà

  83. Calooleft (@calooleft) 05/09/2014 alle 4:54 pm

    Comunque io quest’anno sono molto preso da questa nuova inter, mi ha riacceso la passione per questi colori (in realtà mi si era solo un pò affievolita soltanto nell’anno di disgrazia 2011-12 col duo gasperini&ranieri e l’anno scorso al primo anno di mazzarri). Sono molto fiducioso, e ciò non mi accadeva da quando non si ruppero tutti i pezzi al buon stramaccioni, gennaio-febbraio 2013.
    Ne sentivo la mancanza

  84. facciadaperno 05/09/2014 alle 4:46 pm

    Ah, e se Enrichetto ci riporta ‘Pazza Inter’,una cosa buona l’avrà fatta….

  85. bulldozer55 05/09/2014 alle 4:43 pm

    – “Scendete o spacco tutto, avanti fuori!”
    – “Come ha detto?”
    – “Ho detto scendete!”
    – “Non vedo il perché”
    – “Perché se non scendete subito spacco tutto!”
    – “Scusi, ma perché vuole spaccare tutto?”
    – “Perché si, fuori!”
    – “Che ha detto?”
    – “Ha detto perché si”
    – “Non mi pare una risposta convincente”

  86. facciadaperno 05/09/2014 alle 4:33 pm

    Dimenticavo : ‘Safari, la scarpa giovane che non ha pari’.

  87. Gabrilito 05/09/2014 alle 4:33 pm

    rispetto al massimo lorentz

  88. 100x100fanti 05/09/2014 alle 4:30 pm

    “ma mi piace pensare che il biscione come ogni serpente che si rispetti prima o poi tornera’ a cambiar pelle, e che la nostra vecchia amata Inter tornera’ nuovamente ad essere se stessa.” Silvestro Adilupo, questa me la tatuo. Chapeaux.

  89. doggolo 05/09/2014 alle 4:27 pm

    Lorenz rispetto Massimotz

  90. facciadaperno 05/09/2014 alle 4:26 pm

    ‘Questo e’ essenzialmente uno spazio mio’ . Allora mettici un cazzo di cartello con i prezzi per entrarci o tieni la porta chiusa e fai entrare solo chi ti dice che sei un campione.

  91. attraverso 05/09/2014 alle 4:18 pm

    Massimo rispetto Lorentz!

  92. attraverso 05/09/2014 alle 4:17 pm

    Massimo rispetto Lorenz

  93. cuci9 05/09/2014 alle 4:16 pm

    Comunque la questione “cambiamo i colori sociali in bianco e nero per andare incontro alle aspettative del target dei daltonici filippini” non poi tanto campata in aria.
    Il nuovo presidente malese del Cardiff, due anni fa, dopo cent’anni e passa di storia, gli ha fatto cambiare la maglia da blu a rossa perché è il colore fortunato in Asia.

  94. Silvester Adiwolf 05/09/2014 alle 4:12 pm

    Un post davvero profondo, bellissimo, oserei definirlo struggente, perche’ si sente lontano chilometri che sono le parole di un innamorato tradito che vede l’oggetto del proprio amore ormai svilito, mutato, trasformato, al punto di diventare irriconoscibile. E il tutto non e’ riferito alle vittorie mancanti. Siamo stati interisti innamorati anche e soprattutto nelle sconfitte piu’ dolorose e infamanti. Il problema non e’ non vincere piu’, il problema e’ non essere piu’ l’Inter.
    A iniziare dalle divise sociali, dall’essersi assuefatti a posizioni, allenatori, dirigenti, dichiarazioni e progetti da centroclassifica, dal non avere piu’ neanche la bruttacopia di un giocatore che sappia accendere la nostra fantasia e farci sognare, e per finire dal pianificare una lentissima e incerta risalita verso quelle posizioni e quell’importanza che per cento e passa anni di storia invece sono state il nostro pane quotidiano.
    Lo condivido parola per parola interamente, e sono felice che un paio di giorni fa avevo anche io qui espresso il mio sdegno e il mio sconforto per l’attuale politica a costo zero della nuova societa’.
    Da noi inguaribili sognatori interisti, questa drastica mutazione genetica non potra’ mai essere metabolizzata, e questo tuffo nella normalita’ per noi pazzi e anormali per definizione non potra’ mai essere accettato, ma mi piace pensare che il biscione come ogni serpente che si rispetti prima o poi tornera’ a cambiar pelle, e che la nostra vecchia amata Inter tornera’ nuovamente ad essere se stessa.

  95. francorossitornadalmare 05/09/2014 alle 4:12 pm

    Comunque Eric Thohir è una conseguenza del cambiamento del mondo, non l’artefice. Se non hai i ricavi, il FPF ti condanna agli Schelotto (che dovremmo peraltro considera risalente al periodo di pazza Inter). Ti pone un tetto agli stipendi e al calciomercato. Altroché. Tze Tze, altro che baggianate.

    Le gestioni Morattiane sono quelle che oggi, purtroppo, ci avrebbero portato ad essere una Ginori qualunque, che fallisce, e tutti versano la lacrimuccia e un secondo dopo dicono “ma il mondo va avanti” anche senza quelle fottute deliziose PORCELLaNE (questa serve per far leggere il mio pensiero a tutti quelli che distrattamente leggeranno “porcellone”. Nelle mani di managers che fanno gli stracazzi loro, e ti portano delle ciofeche di giocatori.

    Inoltre io alla storia del grande cuore di moratti non credo da quando:
    – ha cessato Bum Bum Zamorano nel silenzio totale
    – ha venduto il Ciolo
    – non ha scatarrato in faccia ad Agnelli quando ha dipinto il 30 su staminchia.

    Cazzo tette culo

  96. Angelo Farina 05/09/2014 alle 4:08 pm

    vivaddio lorentz adesso hai centrato l’argomento. non si può comprare la casa di moda “armani” e imitare Zara

  97. francorossitornadalmare 05/09/2014 alle 4:03 pm

    Per dovere di cronaca, io sono sullo scooter scarenato con paravento scotchato che ho allestito per Eric Thohir.

  98. doggolo 05/09/2014 alle 3:56 pm

    troppi preconcetti, troppi.

  99. macriachi 05/09/2014 alle 3:55 pm

    il cocke no, grazie

  100. rabahmadjer 05/09/2014 alle 3:50 pm

    grafic cocke comment a macri.
    nn c’è storia.

  101. ricci massimo (@contericci) 05/09/2014 alle 3:33 pm

    Tocchi un nervo scoperto. Imprenditori senza scrupoli si stanno mangiando l’Italia e il calcio italiano, e l’Inter non è un’isola felice. Ma bisogna starci, tra venti anni qualche imprenditore italiano, in pratica figlio di immigrati marocchini di terza generazione, un boss dell’import/export, nel settore della frutta secca, comprerà l’Inter e allora vedrai che goduria……..

  102. macriachi 05/09/2014 alle 3:32 pm

    doggolo tu non ridi, tu non hai mai riso in vita tua. Tu sogghigni

  103. Marco Chiapparini 05/09/2014 alle 3:18 pm

    bel post… Lorentz, rispetto per la tua scelta, tu vai pure che appena arriviamo in alto in champions ti vengo a chiamare io personalmente, appena si libera un posto sul carro, che non credo abbandoneró mai, io sono contento di vedere 11 maglie nerazzurre su sfondo verde indipendentemente da chi le indossa.
    punti di vista…

  104. ègr 05/09/2014 alle 3:17 pm

    allenatore toscano,
    presidente indonesiano,
    come terzino un gabbiano.

    ogni lamento è lecito.

  105. doggolo 05/09/2014 alle 3:17 pm

    grasse risate, mi ridono le ascelle macri.

  106. dannylupocattivo1 05/09/2014 alle 3:09 pm

    destro l’ho nominato topplayer solo ed unicamente per il prezzo per cui é stato preso all’epoca (fu l’hernanes di pallotta)

  107. doggolo 05/09/2014 alle 3:03 pm

    francescoferrara deve accettare l’invito, poi creiamo la competizione.
    da sabato prossimo siamo sul pezzo ragasc e iniziano le danze.

  108. megliosenza 05/09/2014 alle 2:57 pm

    Il nuovo papiro si è rivelato prevedibile come Rocky VIII: queste – purtroppo? – sono le nuove regole del gioco, chi non è d’accordo può lasciare il tavolo.

  109. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 05/09/2014 alle 2:53 pm

    scusate ma il fantacampionatofocozzone quando inizia?

  110. Anonimo 05/09/2014 alle 2:44 pm

    Grande Lorentz, condivido ogni singola lettera. :clap

  111. rabahmadjer 05/09/2014 alle 2:43 pm

    oh, cmq anche stavolta il papirista nn ha avuto le palle di scrivere qualcosa contro icardi e osvaldo.
    focozzone.

  112. doggolo 05/09/2014 alle 2:35 pm

    gigan sta portando a iorg quella scintilla che mancava da tempo, si stanno risvegliando tutti.
    serve un gigan anche all’inter.

  113. Calooleft (@calooleft) 05/09/2014 alle 2:31 pm

    Comunque un’altra cosa da sottolineare è che le cifre che oggi girano intorno al business del calcio hanno raggiunto livelli davvero esagerati. Nel ’97 Ronaldo il fenomeno ci costò 50 miliardi, adesso uno mezzo decente che ti fa mezza stagione buona lo compri a non meno di 30 milioni, fino ad arrivare agli 80-90 milioni dei top top. Investire bene è piu’ difficile e piu’ costoso adesso

  114. ilfumattiamubarak 05/09/2014 alle 2:24 pm

    Giusto, una cazzo di scintilla!
    Thohir è come una che ha programmato di dartela in tre anni; almeno illudimi, cazzo!

  115. willerneroblu 05/09/2014 alle 2:22 pm

    Questo è impazzito..Mazzarri:”Noi come il Barca andiamo in Champions”…

  116. interclubqingdao 05/09/2014 alle 2:21 pm

    Scusa Lorentz, ma perché hai scritto due volte della tua delusione, cosa speri di ottenere?
    Vorresti creare un fronte anti Thohir?
    Vorresti che smettessimo di vedere l’Inter?
    Vorresti che smettesi di dire che Mazzarri se ne deve andare?

    Come già qualche goombade ha detto, io sono convinto che l’Inter non la voleva nessuno, solo noi la volevamo. E Thohir.

    E poi sono anche convinto che Thohir non ha preso l’Inter per farci i soldi, se ci saranno degli utili a seguito di una crescita nel fatturato, li spenderà in stile Real. Cosa ti fa pensare il contrario?

    L’immagine fa guadagnare da tutte le altre fonti: Pellegrini docet (e non solo lui).

    E, da ultimo, io mi sento più tranquillo se la squadra aumenta il suo fatturato, dovremo dipendere di meno dai capricci di un emiro.

    Ti ho scritto con franchezza anche se so di trovarmi in una casa che hai contribuito a costruire e di questo continuo ad essertene grato.

    [NdCtn – campione, non devi portare rispetto a The_Lorentz]

  117. doggolo 05/09/2014 alle 2:12 pm

    rispettabilissimo il rugby, nulla da dire.
    ma come tu mi insegni, caro gigi, il vero interista è il bauscione.
    se si appassionasse solo al rugby come farebbe a bauscioneggiare a scuola?
    entra in classe e dice ”uè raga avete visto la touche ieri del fulvio terzapi? fondamentale per la vittoria del Rovigo contro quei facoceri del Mogliano..”
    non sarebbe un cazzo credibile dai..

  118. elmichetta 05/09/2014 alle 2:05 pm

    E’ il digital divide che dovete considerare. I ragazzini non sanno neanche cosa c’era prima di google, cosa sia un sommario o un indice alfabetico. Che quando andavi in treno al mare dai nonni, nessun contatto con gli amichetti di casa per 3 mesi.

    Saranno tifosi che alla soglia dei 40 anni, come voi, diranno “non c’e’ piu’ quell’inter per cui ho sofferto per anni e poi… PAM, IL T R I P L E T E”. Parleranno di stewart da pigliare per il culo anziche’ di celerini da cui scappare.

    Tutto cio’ premesso, saranno stati anche dei Pirla, ma tanti presidenti dell’Inter erano Interisti, Milanesi, signori o signorotti con un decoro all’antica.
    Ecco, non ci sono piu’, ricordiamoli con affetto.

    E se ci va tifiamo ancora, e se ci va tifiamo tanto, e se ci va tifiamo poco.

  119. Marco Giovane 05/09/2014 alle 2:05 pm

    se il primo post era patetico e futile, questo è decisamente cerchiobottista, inutilmente retorico e fatalmente “piacione”.
    che poi forse è quel post che qui dentro ognuno di noi vorrebbe leggere…

  120. Simone Priamo 05/09/2014 alle 2:02 pm

    Quanto versa annualmunte il signor Pallotta nella Roma?
    Quanto versa annualmunte il signor Agnelli nella Juventus?


    Ci sono 4 sceicchi in tutto il mondo che versano soldi nelle loro società calcistiche, e fino a 5 anni fa c’era Papà Moratti che faceva lo sceicco per l’Inter.
    Ora sfortunatamente siamo usciti dalla ristrettissima cerchia di quelli che hanno lo sceicco a foraggiarli e siamo entrati in quella più ampia di “quelli con un presidente normale” (ovvero il 99% delle altre società).

    La cosa può dispiacere, dispiace anche a me, ma il 99% dei proprietari di un club di calcio non caga soldi e si comporta esattamente come Thohir.

    L’importante è che Thohir la gestisca per il meglio.
    Al momento non ho motivo di dubitare che lo stia facendo.

    Quindi bravo Thohir.

  121. rabahmadjer 05/09/2014 alle 1:56 pm

    giginho un giorno dirà “neanche vinicio…..”

  122. gigimeroni 05/09/2014 alle 1:41 pm

    Doggolo, piano con gli insulti! A me “sarugia” non l’ha mai detto nessuno!!!!!!!
    Giginho è libero di essere interista, ovvio. Ma se si ammala di rugby son più contento.

  123. macriachi 05/09/2014 alle 1:40 pm

    io mi sono anche rotto il cazzo di sentire lamenti e lamenti. L’umorismo, le tette e le cazzate chi ha detto che vanno bene solo quando si vince. Siamo a livelli di discutere per giorni e decine di post per concludere che mazzarri non capisce un cazzo, ma che palle. Io ci ho impigato il tempo di andare in bagno e scaricare e che tanto non cambia una beata ciolla.

  124. interuno 05/09/2014 alle 1:37 pm

    Lorentz, ma di che ti lamenti?
    L’avresti mai immaginato che, un giorno, la tua nazionale di calcio sarebbe stata allenata da Mister Maglietta Bagnata?

    Bulova, Lorentz,…ma oggi è il giorno degli orologi?

  125. willerneroblu 05/09/2014 alle 1:35 pm

    Alcuni amici mi hanno chiesto di prendermi cura dell’Inter e io lo farò, è ovvio”.
    In questa frase forse anche involontaria è racchiusa l’operazione di vendita dell’Inter

  126. doggolo 05/09/2014 alle 1:09 pm

    troppi discorsi da matusa, i nuovi piccoli tifosi non li consideriamo?
    un ragazzo di 15/20 anni non deve aspirare a gioie da tifoso vero solo perchè non siamo più al calcio anni ’70/’90?
    un piccolo giginho ancora più piccolo non può aspirare a niente perchè non c’è più il calcio di una volta?
    vivrano un calcio diverso, ma non è detto che sia peggiore.

    siete dei cazzo di sarugia con dei preconcetti.

  127. Prozio 05/09/2014 alle 1:04 pm

    “Il progetto-Inter va avanti nel tempo ed è simile al progetto-Barcellona di qualche anno fa”.
    Guardate che Mazzarri pensa in grande ed è un bauscia fatto e finito.

    Chiamate un’ambulanza, ho il telefono scarico.

  128. Viktor Loucian 05/09/2014 alle 1:04 pm

    …… siamo alla fiera delle illusioni : ma per quelle il tempo è scaduto. Ora è un altro mondo, è un altro calcio. Uscite dalla fiaba, se no rimarrete fuori parte. Spiazzati.

  129. Prozio 05/09/2014 alle 1:01 pm

    Scusa Danny, arrivato a Destro top-player ho dovuto smettere di leggere.

  130. buffalo (@buffaloman89) 05/09/2014 alle 12:56 pm

    io non capisco tutta questa aria di pessimismo che aleggia sul povero Enrichetto.
    nella peggiore delle ipotesi siamo passati da uno che di calcio, marketing e gestione societaria non capiva una fava ad uno che al massimo non capisce di calcio.

  131. scinque 05/09/2014 alle 12:54 pm

    Ma per curiosità, mi nominate una sola squadra, a parte la juventus, che abbia un presidente tifoso, un presidente che investe per passione e non per soldi, un presidente irrazionale, un presidente che ci rimette di tasca sua pur di vedere campioni in campo e vedere un bel gioco? No perchè a me in tutta europa, l’europa che conta, non me ne viene in mente neanche uno… L’ultimo/unico è stato Moratti, è stato deriso per anni per questo, ed è stato salutato con fischi e striscioni offensivi al suo addio da quei tifosi a cui aveva regalato tutto a sue spese, sue e di nessun altro… Quello non vi piaceva perchè indebitava la squadra, questo non vi piace perchè non la indebita, a volte bisognerebbe un pò fare pace col cervello..

    Ah che poi dire che l’inter siamo noi, che i presidenti passano ma i tifosi restano, e poi abbandonare la squadra perchè un presidente che passerà o un allenatore che passerà ancora prima di lui creano un gioco che non vi piace, non è un pò una ENORME CAZZATA? ( avrei detto ossimoro ma così rendo meglio l’idea)

    I proprietari di un forum devono scrivere quello che pensano, ma DEVONO anche accettare i commenti di chi il forum lo tiene vivo, certo “datti fuoco” e “fanculo” a parte…

  132. dannylupocattivo1 05/09/2014 alle 12:46 pm

    come esempio indico sempre la roma degli ammeregani.
    Pallotta la rileva, in comproprietà con le banche, nel 2011-12. La roma di luis enrique arriva settima. vende menez e vucinic e acquista stekelenburg, bojan e lamela.
    2012-13. Zeman. Roma sesta fuori da tutto. Fa un mercato tagliato su misura dell’allenatore (dodo, castan, marquinhos) e compra un “top player” (destro). LA SCELTA DELLA GUIDA TECNICA “ATIPICA” PORTA AD UNA ENNESIMA STAGIONE FALLIMENTARE NEI RISULTATI, MA FA IMPENNARE A PERCENTUALI ASSURDE IL VALORE DELLA ROSA.
    sappiamo tutti cosa è successo l’anno scorso: un tecnico capace, cessione a prezzi stratosferici di una serie di giocatori (lamela, marquinho e bradley hanno fruttato 80 milioni OTTANTA), e acquisti di topplayer sull’orlo dell’esplosione a prezzi “umani”(strootman 18, pjanic 7-8, benatia 13) e cavalli di ritorno (gervinho 5). il meccanismo si è ormai lanciato, la roma è diventata l’arsenal: ogni anno rivenderà a prezzi folli un giocatore e con quei soldi puntellerà la squadra con ingressi in prospettiva e usati sicuro per ottenere i risultati sportivi immediati.
    thoihr avrebbe potuto intraprendere la stessa, medesima strada. dai il benservito a mazzarri. prendi un allenatore che sappia far giocare la sua squadra, che sappia far esprimere il potenziale dei giocatori, che abbia “occhio lungo” (lui, con l’ausilio di Ausilio, of course. che non è sabatini, ok, ma lavora per l’Inter, cazzo. laddove sabatini entra per conoscenze, ausilio dovrebbe entrare per lo stemma che ha cucito sulla giacca). quest’anno, rifacendo lo stesso medesimo mercato, arrivavi ottavo, o quinto, o decimo. l’anno prossimo potevi decidere di – che so – cedere icardi a 30, m’vila a 20, kovacic a 35, juan a 20, insomma fare un bel gruzzolone e investirlo su quattro, cinque pedine nuove e un paio di usatisicuro. o se la stagione ti va di lusso, icardi magari lo vendi a 45, e kovacic a 50, e decidi di alzare la qualità del tuo mercato.

    insomma, mi sono un pò perso nel finale, ma quello che voglio dire è: mazzarri è INADATTO. non sono manco capace a dirvi “era meglio tizio, o caio, o zenga”, ma resto dell’idea che mazzarri buonanima andava cacciato.

  133. doggolo 05/09/2014 alle 12:46 pm

    al tifoso interista basterebbe una scintilla, una fottuta scintilla, una fottutissima cazzo di scintilla e si tornerebbe a sognare di nuovo entusiasti come dei focozzoni di primavera che si rotolano nell’erba

  134. Jack Cat 05/09/2014 alle 12:41 pm

    l’inter non è una impresa. l’inter è una fede.
    thohir è musulmano sa una sega lui
    moratti ha venduto nel modo sbagliato

  135. gigimeroni 05/09/2014 alle 12:29 pm

    Chi legge qui dentro e mi legge lo sa: la sintesi sarà anche un dono, ma se devi esprimere un concetto serio…il papiro è il papiro, non plus ultra!
    Quindi applauso al precedente papiro, standing ovation a quest’ultimo.
    Però c’è un però: Lorentz, che cazzo ti aspetti? Il calcio moderno è questo. Dall’avvento delle pay tv, del merchandising, delle partite del calcio che conta trasmesse a chi non conta un cazzo, delle magliette che ogni anno devono cambiare da quelle dell’anno prima….il calcio è diventato questo. Tohir lo dico da quando è arrivato (controllare post vecchi, please) che non gli frega un cazzo dell’Inter. Mi pare così semplice…Ma non è che Nasser Ghanim Al-Khelaïfi o altri siano diversi. Forse han solo più soldi, tutto qui, ma la poesia è la stessa. Il calcio prima (anni 70/80…un po’ di 90…) era sport e anche un po’ business, adesso è solo business. Non rimpiango Moratti, che (pur tifoso onesto) si è dimostrato più e più volte un coglione sesquipedale. Rimpiango un calcio che non c’è più e non ci sarà più. Dimmi un po’: se anzichè Thohir avessimo uno di questi sceicchi che caccia un barcone di soldi e ci fa vincere la cempions in carrozza lo scriveresti lo stesso il papiro odierno? Se si, allora ti stimo fratello.
    Allora non ci sono troppe strade: o uno si butta su sport di squadra ormai assai più nobili (il rugby), o sennò continua a seguire un calcio che non è più il “nostro” calcio (sono nato a inizio ’70) con quel distacco che hai quando guardi l’Inter come quando guardi tua moglie: l’hai sposata trent’anni fa ed eri follemente innamorato. Adesso è cambiata, meno fresca, un po’ acida, anche inzoccolita forse…Non è come prima che non vedevi l’ora di tornare dal lavoro per vederla e darle due colpi, però non te la senti proprio di non guardarla con quell’affetto che, alla fin fine, sarà per sempre. Perchè l’amore è l’amore e non si scorda mai.
    Sperare che torni QUEL calcio, è da ultimo dei giapponesi. Rassegnati.
    Ad maiora!

  136. ilreditonga 05/09/2014 alle 12:25 pm

    Konrad ha tutte le ragioni, ma purtroppo la minestra è ormai questa. non dimentichiamo che prima di noi ci è passato il Manchester United, non bruscolini.
    Nei prossimi anni scopriremo, insieme a tante altre tifoserie, se il mondo del calcio come lo abbiamo conosciuto ed amato negli ultimi 50 anni, riuscirà a connubiarsi con la nuova visione economicista, oppure se il mondo del calcio come lo abbiamo amato e conosciuto, con questa deriva si è autodistrutto.

    Secondo il Re ai tifosi spetta prima di tutto il compito di non disertare (Gabrilito dixit), e poi quello di testimoniare in ogni modo ai “nuovi padroni” il fatto che l’Inter non è un valore puramente economico, al contrario.
    Riguardo alle valutazioni contingenti, ai giudizi su quel surrogato di allenatore, sulla campagna acquisti, sulla quarta punta, oppure altro, il Re ostenta un certo distacco. Ancora molte lune dovranno sorgere e tramontare prima che il sole della gloria torni a splendere sulle maglie nerazzurre. Tra l’altro ora non saremmo neanche pronti, perché le nostre povere maglie non sono neanche nerazzurre.

    Un’ultima cosa su Moratti. il Re si dissocia con forza da ogni nota di biasimo che possa mettere in cattiva luce la figura del nostro Presidente. Per 20 anni, e prima di lui il padre per altri 15, hanno fatto vivere all’Inter e a noi, dei periodi di fulgore abbacinante per qualsiasi avversario, e probabilmente non più ripetibili. Che Moratti abbia commesso errori sarà sicuramente vero, essendo l’infallibilità una prerogativa solo di alcuni sovrani illuminati, ma sono stati errori commessi sempre in buona fede, nel tentativo disperato di fare il bene dell’Inter. Se volevate dei manager potevate chiamare Thohir e Bolingbroke 20 anni prima e di triplete forse ne avreste vinti due.
    Con Moratti siamo andati sempre a testa alta, soprattutto quando ha buttato via milioni di euro per aspettare Ronaldo 3 anni, per far curare Kanu, per aspettare che guarisse la figlia di Burdisso, per creare Inter Campus, per non infangarsi con Calciopoli (anche se lì è stato tentato). E il Re ne è fiero.

  137. mrdeliorossi 05/09/2014 alle 12:12 pm

    alla fine il discorso è semplice. il calcio è spettacolo e passione, che richiede irrazionalità su entrambi i lati. il patrimonio del calcio è il pubblico, verissimo, così come di ogni altro spettacolo. però questo è un pubblico fatto di appassionati che richiedono passione anche a chi sale sul palcoscenico. quindi attendono un Presidente che si innamora dei colori, che sceglie col cuore, che insegue campioni, che perlomeno ci prova a realizzare il sogno che si presume abbia in mente. vedere un Presidente che sbaglia col cuore gli fa perdonare molto se non tutto.
    lasciamo perdere quanto di questo si realizzi effettivamente nel calcio professionistico. diciamo che le società sono spesso brave a darne almeno l’impressione.
    Thohir è un uomo d’affari che non dà neanche l’impressione di fare acquisti all’insegna di questa irrazionalità. personalmente lo apprezzo per questo, ma il side effect, come dicono quelli bravi, è che non vedo più l’Inter della mia infanzia, ma una società con un bilancio etc.
    da cui ogni ovvia conseguenza.

  138. duefox 05/09/2014 alle 12:12 pm

    La Beneamata segue l’andamento generale del paese. Un paese che ha vissuto per cinquant’anni al di sopra delle proprie capacità. Un paese di analfabeti sovvenzionati dallo stato. Ascoltate un’intervista al ministro degli esteri o della difesa. Vocine imbelli incapaci di riportare a casa da due anni un paio di poveretti dall’India. Un Mou qualunque avrebbe fatto sistemare la questione da Totò Riina in due settimane. La beneamata è finita in questa mediocrità e piattume. Gente senza cuore e poca intelligenza, Il mio nonno mi raccontava quando una sera del marzo 908 (a l’era frecc) in un ristorantino di Milano giurarono con il Muggiani, con un vero e proprio patto di sangue di fondare un Club elitario e internazionale. C’era anche Lui, nonno Celeste (di nome). Gente che aveva promesso di non far più vincere uno scudetto ai bottegai del Bilan finché loro, i fondatori, fossero in vita. E così fu.
    Un mazzarri non l’avrebbero fatto entrare in portineria. Recuperiamo gli attuali onesti, coraggiosi, intelligenti pensatori (aiutaci tu, Peppino da lassù) e formiamo un comitato (qui sul sito spesso scrivono uomini e donne di cultura e spirito) e prendiamo appuntamento con Mrs Lewis in direzione. Chiediamo il suo aiuto per eliminare la volgare entropia, il disordine e il disonore che ricopre la Beneamata.
    La signora Claire potrebbe aiutarci, proviamo. Viene dalla scuola di Mr Jobs, che mi sa era interista. Bastano dieci giusti. Andiamoci davvero dalla Lewis.
    Alberto

  139. soloilcieloelanotte 05/09/2014 alle 11:56 am

    Lorentz mi sei mancato. Leggo sempre questo gruppo meraviglioso di Interistiorg dai tempi di un org in meno e dell’attesa delle pagelle per alleviare la sofferenza, ho scritto solo agli esordi del sito quando era sì dura, ma non triste. E vi adoro tutti anche se non mi conoscete. Non faccio parte del tifo da stadio, ci vado raramente. Però amo l’Inter. Piango per l’Inter. Mi infurio e gioisco urlando e saltando sul divano per l’Inter (dopo domenica temo di dover aspettare un po’…). Ieri guardavo le magliette delle mie figlie (tutto Zanetti, alcune autografate) da quando erano piccole ad oggi, oramai giovani donne, inclusa quella del centenario con la data sbagliata. Non cambierò mai squadra, scherziamo? Ma cosa significano quelle magliette a taglie crescenti Thohir non lo sa. Quoto Lorentz e anche il pezzo precedente, ha parlato anche per me.
    Una sola cosa: quindi l’autore del primo articolo non era Chissà? (siete insuperabili)
    Un grazie e un saluto a tutti quelli che Interistiorg da ex Parowa.

    Dimenticavo. Ora e sempre juvemerda.

  140. doggolo 05/09/2014 alle 11:54 am

    oh comunque il papiro è sempre il papiro..

  141. elmichetta 05/09/2014 alle 11:51 am

    Se fossi Capitan Ranocchia mi incazzerei 😉

  142. macriachi 05/09/2014 alle 11:47 am

    bho c’è anche la possibilità che dopo tanti anni si perda la passione, quella che ti fa sperare e credere dove non c’è nulla in cui sperare e in cui credere. Tipo l’attacco con Ganz e Carbone

  143. micciacorta 05/09/2014 alle 11:45 am

    ci sarebbe da mandare affanculo la redazione che ci propina sti pipponi nostalgici e malinconici

  144. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 05/09/2014 alle 11:43 am

    “l’Inter siamo noi” è una bella frase ma la realtà è che la società appartiene a chi caccia il grano: Moratti ha fatto il giro del mondo e tra presunti cinesi e kazaki l’unico che l’abbia cagato seriamente è stato l’Erichetto, se qualcuno dei goombadi avesse qualche miliardo di € da investire nella nostra squadra sarei più che felice altrimenti aihmè questo abbiamo e questo dobbiamo tenerci.

  145. ilfumattiamubarak 05/09/2014 alle 11:41 am

    ilfumattiamubarak 20/12/2013 alle 3:28 pm
    Io dicevo nello stesso periodo “fedeli ma non sotto questo padrone”.
    Mica si rivuole Moratti.
    Moratti l’ha fatta fallire e l’ha venduta.
    Mi basta che questo la rivenda a uno che sa cos’è il calcio e l’Inter.

    ilfumattiamubarak 20/12/2013 alle 3:23 pm
    Cioè siamo passati da:
    – spenderemo qualcosina
    – a spendiamo se vendiamo
    – a vendiamo e poi vediamo
    – a non spendiamo un cazzo
    Perchè uno che ha appena fatto 30(0), non può fare 31(0)?
    Perchè l’obbiettivo è diventato recuperare i 300.
    Perchè non può spendere 30 milioni che li recuperi subito entrando cempion?
    Perchè ha visto che sul lungo periodo la società non può generare gli introiti che sperava, quindi non gliene frega nulla della cempion, quindi non gliene frega nulla dei risultati sportivi.

    Detto questo: tranguash.

  146. Gabrilito 05/09/2014 alle 11:37 am

    …Avevo 6 o 7 anni, prima o seconda elementare, non ricordo…le partite quando andava bene me le sentivo con la radiolina…l’inter non faceva cagare…molto di più…ero incazzato come una iena, prendo il mio migliore amichetto dell’epoca e gli dico “basta mi sono rotto, facciamo schifo, non posso stare sempre male per loro…diventiamo milanisti!!!” lui accetta SUBITO…e già la cosa mi ha insospettito…ma cmq…duro circa 2 giorni (che poi il mio “diventiamo milanisti” era una cosa del tipo che andavo a dire di proposito agli altri “ehi io adesso sono milanista”)…quando lo dissi a mio PADRE lui mi spiego una cosa (e a lui di calcio non frega una sega)…non è giusto cambiare solo perchè le cose vanno male, se hai una fede la porti avanti nella buona e nella cattiva sorte…troppo comodo scegliere “la via più facile”…sostienili adesso, e quando le cose andranno meglio vedrai che avrai più soddisfazioni…
    …bhe quella volta io ho detto GRAZIE a mio padre.

  147. Prozio 05/09/2014 alle 11:29 am

    sì ma Lorentz, eccheccazzo, potevi firmare anche il precedente di post, così mi sarei divertito a insultarti anch’io 🙂

  148. aug966 05/09/2014 alle 11:24 am

    Bellissimo!
    …altro che quella palla dell’epistemologia evoluzionistica!

    ah, non sei quello?

  149. macriachi 05/09/2014 alle 11:22 am

    e poi le indonesiane sono come conigli, magari io vuò fa più l’indonesiano

  150. doggolo 05/09/2014 alle 11:22 am

    “Questa, invece, è il nulla, nel bene e nel male”

    In questo momento siamo questi, il nulla.

    Il progetto di Thohir può avere un senso a livello commerciale, di marketing e a livello finanziario, può avere perchè non si sa se alla fine otterrà risultati, però ha un senso.

    Il progetto di Thohir a livello sportivoad oggi è nullo, il core business dell’Inter dovrebbe essere la sfera prettamente calcistica. Però a livello societario ha praticamente rivoluzionato tutto tranne la parte tecnica.

    Zero investimenti immediati per rafforzare la squadra.
    Zero cambiamenti a livello di persone in ruoli chiave nell’area tecnica e di gestione.
    Zero prospettive da Inter nell’immediato.
    Zero prospettive di squadra competitiva a qui a 2 anni
    Zero sogni
    Zero titoli
    Zero
    Zer
    Ze
    zzzzzzzzzzzzz.

  151. Prozio 05/09/2014 alle 11:20 am

    e juvemerda anche di qua

  152. macriachi 05/09/2014 alle 11:17 am

    Il BVB o l’Atletico di Madrid hanno impiegato anni per arrivare dove sono arrivati. Noi eravamo l’Inter, ma una certa Inter vincente e temuta lo siamo stati per brevi periodi, a fiammate, costose e imprevedibili. Non so dove ci porterà questa nuova dirigenza, ma come vorrei rivivere un 2010 non vorrei rivivere la vergogna del post 2010.

  153. caperucitaroja 05/09/2014 alle 11:15 am

    Uno dei post più belli degli ultimi 798 anni. Elegante ed ironico nei modi, arguto nelle argomentazioni. Privo della senile pedanteria e dei luoghi comuni tipici di alcuni tifosi. (Poi, vabbè l’autore ha gli occhi verdegrigioazzurro. Ma è un trascurabile dettaglio).

  154. rabahmadjer 05/09/2014 alle 11:12 am

    Ecco, questa è un’opinione sulla gestione dell inter da parte del nuovo pres.
    condivisibile o meno, ha un fondo logico e un senso.
    Quindi ci sta.
    io dico che bisogna dare anche tempo a thoihr, perché dobbiamo anche pensare dalle macerie da cui è partito e dal gap che c’è con altre squadre.
    2/3 anni di progetto per tornare ad essere competitivi mi sembra un tempo nn ragionevole ma necessario.
    Poi spero di sbagliarmi.
    moratti ci mise 3 anni prima di arrivare in champions, poi distrusse quella squadra per capriccio mandando via simoni, e ne abbiamo aspettati altri 4.
    il suo primo anno da pres si chiuse con un insipido 6 posto e un eliminazione al primo turno in uefa col lugano.
    dovevano arraivare cantona, cannavaro e di biagio, arrivarono rambert, fresi e almeno ince per fortuna.
    Io sono per il lasciarlo lavorare e dargli tempo di fare.
    Noi interisti troppo spesso abbiamo avuto il vizio di criticare preventivamente.

  155. macriachi 05/09/2014 alle 11:09 am

    Molto è condivisibile, sinceramente. E’ quei “i tifosi restano” che non mi convince

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: