Interistiorg

Il sito che vi amerebbe tutti, se solo ne avesse il tempo

Come ha fatto il Milan a fare una così grande figura merda? Ecco le risposte dell’esperto

Bracco del Chestershire: "Qui, Adriano, è qui: scava"

Bracco del Chestershire: “Qui, Adriano, è qui: scava”

Eppure secondo noi, Ibra sta per arrivare.

Romagnoli e Bertolacci: due grandi affari, costati poco.

Per stanarli hanno uno usato un bracco del Chestershire. Spesa totale: 50 milioni a loro e una crocca al bracco.

Bertolacci: “Dimostrerò quanto valgo“. Sei già sulla buona strada.

Bertolacci aveva delle buone offerte anche dalle cliniche svizzere: 50 euro a puntura sperimentale.

No, ma Romagnoli diventerà il nuovo Nesta: per l’esattezza tra vent’anni potrebbe fare l’allenatore in Canada.

392 risposte a “Come ha fatto il Milan a fare una così grande figura merda? Ecco le risposte dell’esperto

  1. mazzolino66 11/09/2015 alle 2:51 pm

    @quindao non potevi dirlo meglio: neanche la mela fu rubata…(puttanaeva!…che la rubò)
    Inoltre a dimostrazione che Bergamo Pairetto Mazzini & co. erano proni a Moggi & co. c’è da diore che le telefonate di Bergamo al Nostro Cipe erano precedute spesso da telefonate con istruzioni dettagliate su cosa dire e su cosa fare con Facchetti da parte della “signora” Fazi legatissima a Moggi stesso.
    La Fazi è quella che incontrò Moggi presso il santuario del Divino Amore a Roma dove i preti gli mettevano a disposizione quello che voleva lui.
    Tanto disponibili da meravigliare la Fazi stessa che nel raccontarlo a Bergamo disse: “tu non hai idea…praticamente Extra Omnes…e poi abbiamo parlato”.
    La cosa che fa ancora rabbia è che in una di queste telefonate Fazi-Bergamo il designatore diede del poco intelliente a Facchetti…
    Tanto alla prossima Gobba-Inter vedremo esposta la solita tesi due colpevoli non fanno un innocente (quell’omino Sconcertante su sky ogni anno fa questo)
    Da Vomito.

    Capitolo Viagra alle Olimpiadi….sarà…ma lo usano anche perchè quello che succede nel Villaggio Olimpico…ma neanche in Rocco e Le Storie Tese…

  2. mrdeliorossi 11/09/2015 alle 2:31 pm

    sì, complimenti al ferplei del cugino visitatore, ma la storia dei passaporti è proprio un altro mondo rispetto alle ultime vicende. forse un ripasso giova a tutti:
    https://it.wikipedia.org/wiki/Scandalo_italiano_dei_passaporti_falsi

  3. dbartdb 11/09/2015 alle 2:18 pm

    Sinisa per me ormai è un leonardo senza 4-2-fantasia… Senza allegria e senza savoir faire… Ormai è un pajasso che fa parte dello zoozzonero
    Balla sinisa salta sinisa abbaia sinisa sputa sinisa… Io mi tengo il Ciuffo bauscia, a quelli lì che esistono per farci ridere lascio il lama slavo, neurotelli e tutta la famiglia B. e Bee (che poi sono la stessa cosa)
    L’inter è alter sport

  4. lordpeto 11/09/2015 alle 2:14 pm

    Boban se lo rasi a zero e’ uguale al capo slavo elegante in tutti i film con la banda di slavi cattivissimi tipo limitless.
    E complimenti allo stile elegante (e al nick) del diversamente goombade kaisersoze.

  5. Angelo Farina 11/09/2015 alle 12:28 pm

    mettete sinisa per dieci minuti in una stanza chiusa con boban e vediamo chi ne esce più malconcio. io tifo per boban

  6. alinghi2 11/09/2015 alle 12:01 pm

    Questione Sinisa.Umanamente mi ha sempre fatto schifo.Gli sputi a Mutu e l’onore alla tigre Arkan mi hanno fatto pensare sempre ad un essere spregevole.Quando arrivo’ all’Inter non ero contento.
    La questione dei salti non e’ un problema.Lo e’ solo per chi considera i giocatori come eroi e che vanno tutti a giocare in una squadra solo per amore riducendosi lo stipendio (riferimento non voluto ai milanisti).
    Quando vedo un giocatore baciare la maglia e’ il momento che mi preoccupo.I calciatori,tranne qualche rara eccezione sono tutti delle merde tipo Ganz.Una domenica bacia la maglia sotto la nord,la domenica dopo bacia la maglia sotto la sud.Uno e’ professionista,puo’ fare qualsiasi cosa,anche giocare nel Milan e nell’Inter piuttosto che nella juve,non e’ certo quello un problema.Il problema e’ se dichiari a mezzo stampa che sei un uomo tutto di un pezzo,conosci la dignita’ ed il rispetto per i tifosi e che piuttosto di andare al milan o alla juve muori di fame.Stai zitto e fallo,invece di fare proclami stupidi per babbei.
    Il calcio e’ pieno di queste merde,Ganz,Sinisa,Capello.
    La figura di merda la fanno loro,non certo i tifosi.
    Perche’ merde sono e merde resteranno.
    Ma dall’amico della tigre arkan davvero vi aspettavate qualcosa?

  7. kefabio 11/09/2015 alle 11:35 am

    Qualcuno mi sa dire perché Montoya si è andato ad impegolare con sta storia del calcio? Era così bravo con le macchine…

  8. interclubqingdao 11/09/2015 alle 11:30 am

    Rispondo a un intruso che sembra avere doti di logica e cortesia.
    Per come la conosco, la vicenda dei passaporti mi sembra il tipico tentativo di voler aggirare la regola rimanendo nella regola.
    Come prendere il viagra alle olimpiadi (il 92% degli atleti) perché non è ancora considerato sostanza dopante.
    Lo accetto, ma non lo trovo nel senso dell’articolo di Monti.
    Oltre tutto, l’Inter è stata giudicata e ha accettato a sua volta le conclusioni.

  9. interclubqingdao 11/09/2015 alle 11:11 am

    Un’organo non l’ho scritto io.

  10. Keyser Söze 11/09/2015 alle 11:10 am

    Scusate il disturbo “zozzonero” alla vigilia del derby. Permettetemi un paio di commenti:
    1 interclubqingdao: d’accordo al 100% è veramente uno schifo, e mi vergogno profondamente da milanista quando la mia squadra è implicata (praticamente sempre) nella cattiva informazione. Lo dico sinceramente, questa caratteristica è l’unica cosa che invidio all’Inter (ah no, dimenticavo Mourinho, veramente un grande!), piu’ del fatto della doppia B
    Tuttavia, nel calcio moderno, non credo che esista una squadra al 100 % pulita (almeno in serie A), per l’Inter c’è la vicenda dei passaporti (quella si’ che paragonerei al furto della mela vs omicidio)
    2. derby: ho bruttissimi presentimenti (scaramanzia a parte) e temo molto Icardi … vedremo.
    Non sono milanese, ed i miei ricordi di derby partono da lunghe trasferte in treno o autobus. Il primo visto credo fosse nel 1977 con gol di Buriani …
    Ciao a tutti

  11. interclubqingdao 11/09/2015 alle 10:46 am

    Andrea Monti.
    La Gazzetta è un’organo controllato dagli Agnelli, tanto quanto il Corriere, la Stampa e il Secolo XIX.
    Monti ci scrive la tesi principe della Juventus: “Tutti avrebbero voluto fare quello che faceva Moggi”. Implicitamente questo comporterebbe solo che Moggi era più bravo degli altri.

    Quindi, secondo Monti, esisteva una scala che andava dal fare pressione per una partita di Coppa Italia fino alle schede telefoniche non intercettabili fornite al giro di arbitri amici, dal meno bravo al più bravo.
    E’ chiaro che l’importante è dimostrare come veniva leso un principio di “lealtà sportiva”, in piccolo o in grande,

    Ma Facchetti neanche questo principio aveva leso, infatti il regolamento prevede che “il presidente (con deleghe) della società sportiva potesse dialogare con il designatore degli arbitri” ed era ovvio che un minimo di dialogo venisse garantito.
    Ovvero Facchetti, Giraudo, Moggi (aveva le deleghe come direttore), Della Valle, Cragnotti, Galliani, potevano parlare di persona o con altro mezzo, con Bergamo.
    Con Bergamo, già con Pairetto non era consentito, tanto meno con gli arbitri direttamente (Figo si stupiva nel vedere che i dirigenti della Juve, non accompagnatori dell’arbitro, andavano nell’area degli spogliatoi riservata agli arbitri, neanche il Real arrivava a tanto), tanto meno tramite una scheda telefonica esclusiva.

    L’Inter non ha un suo organo giornalistico diffuso (perché non pensarci?) e forse per questo motivo non precisa giornalisticamente questo aspetto, come non ne precisa altri.
    Così l’unica difesa che si sente costantemente è del tipo “non puoi equiparare il furto di una mela alla strage in un McDonalds in Arizona”.
    Neanche la mela fu rubata.

  12. cuchu4trainer 11/09/2015 alle 10:11 am

    frog sarà decisivo nel derby, tatuatevelo
    resta da stabilire in quale metà campo…

  13. cuchu4trainer 11/09/2015 alle 10:04 am

    polins81 10/09/2015 alle 5:53 pm
    ahahah

  14. Steo Eo 11/09/2015 alle 9:47 am

    Miha è il classico mister che tutto deve filare liscio…

    Calcio basico (e anche un po’ retrò…) alla ricerca del risultato.

    Ma se il risultato non arriva…

  15. Angelo Farina 11/09/2015 alle 9:42 am

    il centrocampo del bbilan: kucka de jong poli e ho detto tutto, dai su ragazzi e normale che dall’altra sponda si stiano caricando a mille… è l’unica occasione del campionato per stare sotto ai riflettori.

  16. Angelo Farina 11/09/2015 alle 9:39 am

    di miha chiedere a firenze

  17. evarbec 11/09/2015 alle 9:14 am

    No grande allenatore. No pajasso. Arkan personaggio che la soria ha giudicato, non semplice sostenere di esserne amico. Difficile analizzare oggettivamente ciò che è stata la storia balcanica degli ultimi 20 anni per noi che vivevamo la Milano da bere. Prima di equivoci, Arkan è ed è stato un criminale di guerra.

  18. doggolo 11/09/2015 alle 9:04 am

    Sinisa mi è sempre stato sul cazzo proprio per quel suo fare da “vero uomo”, vero uomo di stocazzo. Uno che era amico della tigre arkan, zio caro. Sempre sostenuto che come allenatore non fosse nulla di che, magari diventerà un grandissimo ma ad oggi in carriera ha fatto vedere un calcio per nulla propositivo e senza nessuna idea tattica eclatante. Pajasso di un pajasso.

  19. evarbec 11/09/2015 alle 8:44 am

    A me del fatto che Mihalovic salti non me ne frega un cazzo. Avete presente cosa è il calcio attuale? È molto peggio della realtà sociale che lo circonda. Ed inoltre fuori da ogni ipocrisia se il mio datore mi dovesse dare 2 milioni all anno e mi dicesse adesso però salti, io salto.
    Eccheccazzo, it’only football. E se tornasse da noi si rivivrebbe, alle prime vittorie, la Sindrome Fassone, da Belfagor a genial dirigente.
    Siamo tifosi, gente incoerente nei giudizi. A me Miha continua a star simpatico.

  20. realsbatibalovic 11/09/2015 alle 5:07 am

    Ciao mi chiamo Miranda e non sono infortunata. 🙂

  21. polins81 11/09/2015 alle 1:22 am

    @ bring
    Quanto hai ragione, e io che da ragazzino pensavo a quanto fosse duro e puro Sinisa. Con boban che non doveva neanche permettersi di rispondergli. Invece quello intelligente è il vecchio rivale zorro. È un omino, nulla di più, e quello che doveva imparare da allenatore lo ha imparato dal nostro Mancio, quindi di scienziati all’orizzonte non ne vedo.
    Miranda o non Miranda, andiamoci a prendere questo derby!

  22. realsbatibalovic 11/09/2015 alle 12:32 am

    @ Tirimancini

    Ma caro ragazzo, mai sentito parlare di scaramanzia?

    PS: certo pensare a Ranocchia che marca Bacca a me vengono i brividi però… poi chissà, magari la ragazzina ci sorprende e prende il premio di migliore in campo!

  23. bringbackorrico 11/09/2015 alle 12:18 am

    Mihajlovic che saltella al coro Chi non salta nerazzurro è..

    E poi noi interisti ce la prendiamo con Fassone, dimostratosi essere fior di dirigente, ma caduto in disgrazia reo solo di avere abboccato ad un tranello senza saperlo e aver mostrato una maglietta con su una scritta fatta da qualche subumano della specie gobba, gesto di cui si è anche ampiamente scusato. Ma di questo pagliaccio slavo invece cosa diciamo? Un ometto come tanti. Senza palle. Qualcuno gli faccia notare la figura del pirla che sta facendo. Ma me lo sarei dovuto aspettare, d’altronde cane che abbaia non morde.

  24. tirimancini (@tirimancini) 11/09/2015 alle 12:10 am

    Beh raga se l’assenza di Miranda ci costera’ il derby cosa cazzo abbiamo preso a fare i vari kongdobia, Perisic, Jovetic, Melo etc…mi sa che state un tantinello sooravvalutando gli zozzoneri e quella merda che li allena…

  25. realsbatibalovic 10/09/2015 alle 11:36 pm

    “Ci costerà il derby”, non ci s-costerà. Correttore balcanico.

  26. realsbatibalovic 10/09/2015 alle 11:36 pm

    L’assenza di Miranda è una sciagura che molto probabilmente ci scosterà il derby, però non capisco una cosa: a chi faceva notare che Medel è stato votato fra i migliori giocatori della Coppa America veniva risposto “per forza, giocava nel suo ruolo naturale di difensore centrale”. E adesso dai commenti sembra invece che non vada più bene nemmeno come difensore centrale. E perché? Io ce lo metterei, meglio lui contro Bacca.

    Ranocchia contro Bacca è una roba da chiamare il Telefono Azzurro.

  27. bringbackorrico 10/09/2015 alle 9:55 pm

    Non so se sarò più emozionato dal vedere il tridente balcanico per la prima volta o dal vedere il nano che proteggerà la porta alla sedia.

  28. elganassa 10/09/2015 alle 9:12 pm

    21-17-24-5
    13-83-7
    44-10-22
    e vai con il tridente balcanico

  29. bringbackorrico 10/09/2015 alle 8:39 pm

    Vista la presentazione di Perisic.. Non vedo come si possa dire che questo scazzerà perché ha un pessimo carattere. Ma se è un agnellino poverett!

  30. xevaristox 10/09/2015 alle 8:23 pm

    come mazzolino pure io ho tifato (moderatamente, ovvio, non si trattava della Beneamata!) la nazionale fino a quella di Vicini (filiazione diretta dell’under-21 dello stesso, forse una delle under più forti di sempre, eppure battuta nella finale europea dalla Spagna allenata da un certo Luisito Suarez!), poi basta per i motivi ben esposti da mazzolino stesso.
    ho fatto un’eccezione per la nazionale di francia 98 vista la presenza dello Zio e devo dire che ho seguito con simpatia il Trap nella sua sfortunata avventura sulla panca azzurra.

  31. mrdeliorossi 10/09/2015 alle 7:57 pm

    @alinghi: per me più che l’argentino naturalizzato, è il rincoglionito tatuato e viziatissimo che mi urta. ma mi urta anche all’Inter. è un degrado comportamentale che mi ha indotto a disdire abbonamenti e disertare lo stadio, per quelle pochissime volte che ci andavo. l’identità di cui parlavo non è questione di nazionalità, ma di stile. le società di calcio vendono sogni, se non ci sono quelli ma de che stamo a parlà, come si dice a Bolzano?

    @interclub: allora la prossima volta che ci vado mi ci fermo apposta e gli do una nuova chance. per me quell’angolo è psicologicamente segnato dai vip che lo frequentano, il che me lo rende inavvicinabile. però in inverno non ci sono, questo è vero 🙂

  32. papagnolo 10/09/2015 alle 7:39 pm

    …ma io conosco Monti Urali, la pasta Mari e Monti, il senatore Mario Monti e l’Uomo del Monti..
    Se altro Monti vuole diventare famoso perché parla di me, no é mio problema…
    (retrocit.2)

  33. mazzolino66 10/09/2015 alle 7:34 pm

    ma il bambolotto di Sandrino prodotto dalla EFFE qualcuno di voi ce l’ha ancora?
    il mio è sopravvissuto non si sa come, ma senza scarpini e calzettoni, calzoncini lisi su tutte e due le chiappe e maglietta nerazzurra con qualche bucherello.
    Ricordo anche che mia nonna mi fece la maglia da trasferta bianca con la fascia nerazzurra orizzontale…quella persa…purtroppo….

  34. mazzolino66 10/09/2015 alle 7:15 pm

    l’ultima nazionale di calcio per cui ho tifato è stata quella di Vicini.
    l’ultima che aveva un’imparzialità, poi è stato tutto un BBilan GoBBa… unica eccezione il Trap.
    Una nazionale che ho adorato e tutto il mondo ci ha invidiato è stata la cosiddetta “generazione di fenomeni” del Italvolley allenata da Velasco, uno molto simile a Lui.
    Ed era composta da gente con attributi alla Samuel.

    Andrea Monti è riuscito ad essere abonimevole già nell’impaginazione di quell’editoriale,
    aggiungendo gratuitamente (…o forse no?!) e scritti grassetto “Inter e Facchetti”, leccando i gobbi beceri con la storiella che lo scudo del 2006 non andava assegnato.
    Ominicchio disonesto intellettualmente e anche patetico nel tentativo di recuperare i lettoti gobbi.
    Bah! Ma ormai è così.
    Parli di Calciopoli e Moggi….devi citare l’Inter per riequilibrare
    Parli dei Casamonica…li devi invitare in trasmissione per riequilibrare

  35. doggolo 10/09/2015 alle 7:08 pm

    Che poi gigi radice non era altro che Ale del Mts

  36. el baüscia 10/09/2015 alle 7:08 pm

    Ma perchè siete tutti infoiati così a parlare di derby?
    Da che mondo e mondo il derby d’andata è attorno al mio compleanno…a novembre e con la nebbia.
    Cristo, siamo a settembre e vado in giro ancora in braghette….di quale cazzo di derby parliamo?!?!?
    Odio il calcio moderno.

  37. el baüscia 10/09/2015 alle 7:06 pm

    Doggolo…parli, e pesti una merda. Matematico.
    Volevi prendermi per il culo con Gigi Radice?
    Ti ricordo che nacque in quel di Cesano (maderno) e fu il glorioso mister del Monza a fine anni ’60…e perciò da queste parti è sempre stato uno di casa….
    Che ne sai che magari mi tenne addirittura sulle sue ginocchia?
    Dai, portami a casa una boccia di amaro del Salento e ti perdono, figliuolo.

  38. dbartdb 10/09/2015 alle 6:55 pm

    Mmm… Tutti e 3 i nuovi non li mette, troppi rischi e troppa scaramanzia da allenatore… Giocheranno gli eroi della serie positiva con rana e melo al posto del guaro e guaro sulla trequarti… la sorpresa sará l’entrata di Perisic al posto del nano sullo 0-0…

  39. el baüscia 10/09/2015 alle 6:47 pm

    @Teofilatto…che razza di giornaletto è “inter Ultrà”???? Nonostante la mia gioventù bruciata, me lo sono perso, porca puttana…questa è roba da collezione.
    E poi vogliamo parlare della casa editrice??? SKINOTTO….ahahahahahahahahahh sto male

  40. el baüscia 10/09/2015 alle 6:43 pm

    …ma anche dal tacco riesci a scheccheggiare?!?!?!?!?!
    E rilassati…..

  41. doggolo 10/09/2015 alle 6:05 pm

    santon Murillo JJ Telles
    Guarin melo Kondogbia
    Perisic Palacio Jovetic

    Icardi secondo me non lo rischia dal primo, ma ho paura che Medel o al posto di Guarin o di melo alla fine giocherà. Spero non centrale, perché dare 12/13 cm ai due attaccanti del Milan mi sembra una cazzata. Ma è una cazzata comunque quando gioca il nano cileno.
    Murillo appunto destro, jj sinistro. Comunque due rapidi veloci contro due attaccanti rapidi e veloci pure ci stanno.
    Miranda è comunque il leader della difesa, è quello che parla chiama le distanze.

  42. megliosenza 10/09/2015 alle 5:58 pm

    Nuovo ominide scoperto in Sudafrica. Per trovare degli omini sarebbe bastato andare a Torino.

  43. interclubqingdao 10/09/2015 alle 5:56 pm

    Delio,
    ho frequentato Torre Paola negli anni ancora belli quando, a ferragosto, l’ombrellone più vicino era a 150 metri. Il giorno dopo non vedevi già più nessuno.
    Ci sono tornato a maggio nel 2014 perché avevo visitato uno stabilimento a Latina, dalla parte delle Dune e ho rivisto il Circeo che ricordavo.
    Se ti capita, vacci fuori stagione.

  44. alinghi2 10/09/2015 alle 5:55 pm

    @deliorossi.
    Capisco tuo nonno,ancora piu’ drastico,ma non lo condivido in pieno
    Io invece penso che sulle squadre di club non ci debba essere il vincolo.
    Le squadre di club ,a parere mio,possono fare quello che vogliono,rappresentano solo i propri tifosi,ed in fondo noi siamo nati proprio per questo,la scissione e’ nata proprio perche’ volevamo giocatori stranieri.
    E per fortuna non siamo quelli che vogliono solo giocatori baschi.
    Poi anche io non ho amato vedere certi personaggi all’Inter,tipo Mihajlović,quello che sputava a Mutu o l’amico della tigre Arkan,o anche altri brutti ceffi,tipo Lippi o Davids.Ecco,quelli vederli all’Inter mi addolorava,ho sempre pensato che avrebbero dovuto essere le altre merde a goderseli.
    Ma alla nazionale invece mi lega una pretesa figlia probabilmente dei miei 56 anni.
    A parte Benetti (un assassino vestito in braghette e maglietta) e Rossi ho sempre tifato l’Italia dei Riva,Rivera,Rosato,Cabrini,Tardelli,oltre i Mazzola e Domenghini.
    Quelli mi rappresentavano,rappresentavano in pieno l’immagine del calcio italiano e l’italiano medio.
    Oggi ci dobbiamo identificare in un minchione nero con un neurone oltretutto difettoso,e qualche argentino o brasiliano naturalizzato che magari ha scelto l’italia dopo 6 mesi quando ha capito che nella sua nazionale non ci sarebbe stato posto.No grazie.

  45. loch23 10/09/2015 alle 5:54 pm

    Tranquilli, giocheranno tutti e due: Rano al centro, Cessus terzino

  46. polins81 10/09/2015 alle 5:53 pm

    giocare con ranocchia jesus sarebbe giocare con due sinistri…non nel caso di mancini ma proprio nel senso di due disgrazie, sciagure etc.

  47. willerneroblu 10/09/2015 alle 5:52 pm

    Scusate l’intrusione io ricordo invece Real Inter 3 0 quello della biglia,sul due a zero Spillo supera il portiere al limite e tira,cazzo era goal era goal il mio Brionvega diceva che era goal invece no..si materializza sulla linea Stielike e respinge col corpo porca troia !!!!!

    Ps.Alinghi hai fatto una descrizione del nostro paese perfetta!!

  48. polins81 10/09/2015 alle 5:48 pm

    Mettere ancora Jesus terzino, non lo capirei ( facendo un discorso legato al mercato e al progetto Mancini) anche se evidentemente è una soluzione alternativa. Se Telles sta bene, va messo dentro e così vediamo subito di che pasta è fatto il ragazzo.
    In mezzo va fatta una scelta importante per sostituire Miranda (il leader difensivo designato), io direi Murillo-Jesus con Melo punto di riferimento davanti, ma è una mia valutazione personale dovuta anche al fatto che io prediligo (di base e potendo scegliere) un centrale di piede destro e uno di piede sinistro. Cordoba – Materazzi e, soprattutto, Lucio – samuel. Per esempio. Poi se due sono bravi vanno bene anche due sinistri e, naturalmente, due destri.

  49. doggolo 10/09/2015 alle 5:40 pm

    è iniziato l’Expo?

  50. dbartdb 10/09/2015 alle 5:39 pm

    Sono costretto a invocare caloo per disquisire di una difesa mourillo-medel-Ja Jesus…
    Rana e il giovane virgulto insieme li espelle alla prima rimessa laterale invertita…
    Murillo-JJ troppa irruenza
    Murillo-Medel come la vedete? Con Jj terzino a chiudere… Se ci ricordate con il Carpi il Nano andava sempre sulla linea dei difensori a prender palla, in stile Barça diciamo…
    Caloo salvaci too !

    Ps: ma Murillo in colombiano significa piccolo Muro? The Little Wall Samuelino ?

  51. bringbackorrico 10/09/2015 alle 5:38 pm

    Buon giorno nerassurri d’oltre oceano. Volevo porvi una domanda si se puede. Come va là nel bel paese per i goombadi in quel di Milano con l’Expo? Prima di iniziare si parlava che avrebbe portato un seguito di affari mostruosi del tipo puttains da tutte le parti del mondo. Qualche buon goombade che ha avuto modo di constatare la cosa? Io una bella mulatta non proprio pulcra di anima che è andata a vedere se trovava fortuna l’ho conosciuta, deve aver fatto bene perché non so più nulla di lei.

  52. Ventice' 10/09/2015 alle 5:32 pm

    Io vedo molto meglio Ranocchia-Murillo che JJ-Murillo

  53. polins81 10/09/2015 alle 5:24 pm

    @alinghi
    quanta verità nel tuo ultimo commento

  54. polins81 10/09/2015 alle 5:23 pm

    Icardi va caricato con la fascia perché trovi subito il gol nel derby e, tra l’altro, murillo conosce bacca e jesus conosce adriano…ranocchia sarebbe solo dannoso.

  55. madddeee 10/09/2015 alle 5:22 pm

    ripeto ancora, ansia e senza Miranda ancora di più. Dunga figlio di puttan

  56. Crush sta con mancini 10/09/2015 alle 5:20 pm

    dbart
    “Solo in 11 contro 6 potranno batterci… Perchè in 7 vinciamo (retrocit.)”

    …lacrime….

  57. polins81 10/09/2015 alle 5:18 pm

    Io spero sempre di non vedere ranocchia in campo dall’inizio. Meglio murillo jesus con santon e telles terzini. Brozovic Melo kong a sostegno di Perisic icardi jovetic
    Ho una gran voglia di vincere questo derby!

  58. alinghi2 10/09/2015 alle 5:13 pm

    La sentenza di ieri dimostra che il potere di Moggi era esteso in tutti i settori del mondo del pallone.
    Oltre all’articolo di Monti,pure ieri sera c’e’ stata su telenova una passerella di 2 “giornalisti” che continuavano a difendere l’indifendibile.(Gambaro appena cercava di parlare veniva sopraffatto dagli altri).
    Non ci sono prove e le sim non significano nulla,dicevano le due vedove di Moggi.
    Ho resistito una quindicina di minuti,poi ho abbandonato.
    Viviamo in un paese dove alcuni delinquenti cercano di paragonare la figura di Moggi a Tortora,dove si ritiene uno come Briatore un personaggio da portare ad esempio,si invitano i Casamonica a porta a porta,si offre ad un delinquente come Corona l’onore della ribalta,a Scattone la cattedra di psicologia,a Schettino la cattedra alla Sapienza di Roma per una lezione su come si gestisce il panico, e dove Agnelli ,uno che non riconosce le sentenze e imbottisce lo stadio di scudetti revocati viene omaggiato e riverito.
    Difficile dicevo sperare che il mondo del pallone sia meglio.
    Basta vedere il curriculum di chi e’ nei posti chiave.
    Difficile che questo paese possa migliorare.
    Tutto sommato,credo che l’ingresso dell’Isis nel nostro paese possa solo portare dei miglioramenti.

  59. dbartdb 10/09/2015 alle 4:56 pm

    Rocchi + Ranocchia???
    Bisogna stare calmi.
    Loro avranno Ely/Zapata e abate.
    In 9 contro 11 ce la possiamo ancora fare…
    Solo in 11 contro 6 potranno batterci… Perchè in 7 vinciamo (retrocit.)

  60. polins81 10/09/2015 alle 4:06 pm

    @chun
    Tra l’altro il nostro Messi (del Molise), Vittorio Esposito ( giocatore di talento con un percorso di vita non facile), è stato appena svincolato dal Pescara. Contro le Asturie ci sarà 😀

  61. Angelo Farina 10/09/2015 alle 4:06 pm

    cazzo il primo derby serio dopo qualche stagione e lo giochiamo in nove

  62. Teofilatto dei Leonzi 10/09/2015 alle 3:52 pm

    @lord: “Inglesi, gente che andava nuda a caccia di marmotte quando noi già s’accoltellava un Giulio Cesare.”

  63. Chun-Li Chung 10/09/2015 alle 3:10 pm

    @doggolo: jefferson farfait, che ala! 😀

  64. Chun-Li Chung 10/09/2015 alle 3:09 pm

    @alinghi2: verità. e il ‘mundialito’ in qatar sarà la pietra tombale sul calcio come lo abbiamo conosciuto negli ultimi 100 anni. d’altronde il real madrid e altre sono già delle nazionali: si attende solo la super-lega europea per certificare ‘de facto’ la morte delle nazionali e gli appuntamenti quadriennali.

    di buono c’è però che si assisterà a incontri tipo asturie-molise e highlands-canton ticino da paura.

  65. doggolo 10/09/2015 alle 3:08 pm

    Hanno scritto veramente farfait? Dai grande giornalismo questo. Secondo me volevano scrivere parfait di Miranda, ne fa uno alle mandorle e pistacchio che mi dicono alter sport.

  66. Chun-Li Chung 10/09/2015 alle 3:03 pm

    fai bene doggolo, io l’ultima per l’intercontinentale contro il Chicazzembe.

    dedicato invece a coloro che la leggono ancora. oggi:
    “Serenità Milan, ansia Inter. E’ con stati d’animo differenti che le due milanesi si avvicinano al derby, posticipo domenicale della terza giornata. Dato infatti per perso Bertolacci (con Antonelli e i lungodegenti Menez e Niang), rientrato da Coverciano con una piccola lesione all’adduttore della coscia destra, il Milan può contare sull’intera rosa (compreso Mexes). L’Inter invece deve fare i conti con il farfait di Miranda, tornato da Brasile-Stati Uniti con un ginocchio malconcio. Oggi gli esami medici hanno stabilito che si tratta di una distrazione del collaterale, con prognosi da 10 a 25 giorni di stop.”

    ansia.

  67. doggolo 10/09/2015 alle 2:02 pm

    io non compro la gazzetta dal 23/05/2010, gli unici articoli che leggo sono quelli che postano gli aggregatori di notizie interiste e solo articoli di interviste. L’editoriale della gazzetta non so cosa sia, Andrea monti non so chi sia. Basta ignorarli, come quelli che non esistono. Volete comprare la gazza perché siete appassionati di altri sport? Tipo le imprese di Valentino Rossi, l’italbasket o quello che sia, ok ci sta. Ma il resto del giornale usatelo per pulirvi il culo.

  68. rabahmadjer 10/09/2015 alle 1:27 pm

    arbitra rocchi.
    ottimo, avere un ex come direttore di gara potrebbe portare dei vantaggi,

  69. PAOLO (@paoloLXXII) 10/09/2015 alle 1:05 pm

    Certo la possibilità che giochi Herbert Ballerina non è tranquillizzante. Ma qualche partita dovrà pur giocarla per riprendere un po’ di fiducia. E allora meglio con le piccole, dico io.

  70. evarbec 10/09/2015 alle 12:59 pm

    Ho specificato che abolirei la nazionale di calcio, percperché secondo me il calcio dà un immagine addiritura peggiorativa di quello che è il nostro paese.
    Io ieri mi sono emozionato nel guardare Italia – Germania di Basket, alle Olimpiadi o ai Mondiali quando in Atletica o nel Nuoto si vince, un pochino mi commuovo al garrire artificiale della bandiera.
    È proprio la Nazionale di calcio che mi fa schifo, spesso composta da calciatori che durante molti week end “odio” e sbeffeggio e che proprio non riesco a vederli ripuliti delle loro nefandezze solo perché di azzurro vestiti. E questo è solo il più sintetizzabile dei motivi per cui creero’ #AAAazzurriandateveneaffanculo

  71. rabahmadjer 10/09/2015 alle 12:37 pm

    Miranda quasi out…..
    Viste le alternative, suggerirei un 244.

  72. Angelo Farina 10/09/2015 alle 12:33 pm

    lord ovviamente lo svizzero, sotto il tappeto(la svizzera è il più grande riciclatore di denaro sporco al mondo).

  73. loch23 10/09/2015 alle 12:24 pm

    è vergognoso si l’editoriale di Monti. Questa è l’Italia, fanno benissimo ad insultarci.

  74. lordpeto 10/09/2015 alle 12:13 pm

    Farina, non ho colto il senso. Chi e’ quello che guarda dall’alto in basso? Lo svizzero o il calabrese in ferrari? E cosa si nasconde sotto il tappeto? (Moratti spieghi! Cit.)

  75. Angelo Farina 10/09/2015 alle 12:09 pm

    prima di finire le ferie ho fatto una capatina a ginevra da mio fratello: la svizzera è bella, ordinata, meravigliosa ma vedere tutti quei calabresi in ferrari mi riporta alla realtà… è facile guardare tutti dall’alto in basso quando in realtà è un modo per nascondere tutta la polvere sotto un tappeto immenso

  76. realsbatibalovic 10/09/2015 alle 12:06 pm

    Lo schifoso, vergognoso e incommentabile articolo di Andrea Monti su Calciopoli pubblicato oggi dalla carta igienica rosa è un abominio al quale, per amore di giustizia, ci si dovrebbe ribellare. Andrea Monti è un personaggio squallido, tipico rappresentante di quel giornalismo da fogna e liquami che per anni ha taciuto e ha servito il padrone Moggi e i suoi complici.

    Andrea Monti vergognati in eterno, sei veramente un personaggio di una tristezza infinita, per non dire altro.

  77. lordpeto 10/09/2015 alle 11:59 am

    Da espatriato la penso esattamento come qingdao. L’Italia posso criticarla io, ma lo straniero che ti guarda dall’alto in basso e per prima cosa ti dice “Italiano? Mafia” mi sta sul cazzo come poche cose al mondo, e di solito passo un paio di minuti a spiegargli che se non fosse per l”italia e per Roma lui ancora vivrebbe vestito di pelli animali e cuocerebbe la carne sotto la sella del cavallo bevendo latte fermentato. Allo stesso modo da Interista posso criticare l’Inter, ma non accetto che lo faccia nessun altro, anche perche’ chi lo fa, se non e’ Interista, come minimo e’ stato una volta in B, quindi deve tacere e vergognarsi al cospetto di un nobile Interista.

  78. mrdeliorossi 10/09/2015 alle 11:55 am

    interclub, la zona di Torre Paola la frequento assai spesso. unirla, anche solo in alcuni periodi dell’anno, alle spiagge della Maddalena o della Costa Smeralda mi pare un tantino azzardato. c’è il canale a due passi che unisce il mare al lago di Paola, c’è Saporetti… le spiagge di Spargi o Budelli sono alter sport, come usate dire da queste parti.

  79. interclubqingdao 10/09/2015 alle 11:31 am

    Spiaggia del golfo di Orosei.
    Spiaggia di Torre Paola al Circeo.

    Quella del Circeo da una decina d’anni soffre dell’arrivo di alcuni stabilimenti, ma in maggio sembra ancora una spiaggia africana, come quella di Orosei.

  80. interclubqingdao 10/09/2015 alle 11:27 am

    Nazionale.
    Sono stato espatriato per molto tempo e, ancora oggi, lavoro per molta parte dell’anno all’estero.
    In queste condizioni faccio poco testo, già se in una discussione in un Paese straniero sento parlare male dell’Italia mi risento.
    Odio i nostri politici perché ritengo quasi sempre giuste quelle critiche ascoltate dagli stranieri, sopporto male gli italiani che li votano, specie quelli che si accaparrano un posto ben pagato e dove non si fa niente, grazie proprio a quei politici.
    Però ne voglio parlare male io, non lo voglio sentire dire da loro.

    Con la nazionale mi voglio illudere che faccia parte dell’Italia buona, dove il merito e la fortuna vengono riconosciuti, almeno se sono evidenti.
    Difficilmente guardo le amichevoli o per intero le partite di qualificazione, mentre dell’Inter guarderei tutte le partitelle alla Pinetina, se potessi.
    Però gli europei li guarderò, se ci qualifichiamo.

    Da ultimo, vorrei sottolineare il diverso atteggiamento di francesi, tedeschi, inglesi, etc.

  81. doggolo 10/09/2015 alle 11:18 am

    E che spiagge sono qingdao?

  82. mrdeliorossi 10/09/2015 alle 11:00 am

    Alinghi, pensa che mio nonno faceva il tuo stesso ragionamento per le squadre di club. ricordo ancora una volta che mi parlava proprio dell’Inter, e si lamentava che non ci fosse nessun calciatore di Milano! ora, mio nonno è passato a miglior vita a metà anni 90 che ne aveva 87, e quindi è facile capire in che epoca e contesto storico sia vissuto. ma secondo me, il suo ragionamento, come il tuo, non sono sbagliati, e soprattutto valgono anche le squadre di club.
    si dirà: ma lo dici tu che tifi per una squadra che per definizione è internazionale? vero, ma infatti il tratto distintivo non è più essere di Milano o italiani, il che è abbastanza antistorico, ma rispettare un’identità, quale che sia. ogni tifoso ritiene di scorgere un tratto identitario nella propria squadra del cuore. che sia essere onestoni, avere un atteggiamento aristocratico, essere la piccola che però ogni anno porta a casa la salvezza, essere la prima nella città, o quant’altro. ma il tifoso si illude che questo tratto esiste, proprio come tu chiedi il rispetto dell’italianità nella nazionale. secondo me non sono fenomeni concettualmente diversi, sempre di identità si tratta, e da ciò traiamo conforto.
    e la conseguenza è che, dinanzi all’attuale deriva, come ti disamori della nazionale, ti disamori della squadra di club. a me, ad esempio, Moratti con i suoi miliardi sperperati dava un senso di identità. la “pazza Inter” era qualcosa di vero, tangibile, soprattutto quando vedevi Maicon esultare dopo un gol, Mourinho nelle mille intemerate, ma anche il Mancio che se la ride dietro Galliani alla consegna della Coppa Italia, e poi Zanetti, Cambiasso, Milito, Samuel… per restare all’ultima grande Inter.
    a me Thohir piace per tanti aspetti, e forse è solo questione di tempo. ma, in franchezza, quella identità, che forse è un’illusione tanto per i club quanto ormai per la nazionale, ancora fatico a scorgerla. chiaramente, non per questo non mi vedo il derby domenica, auspicando un largo successo sui cugini.

  83. interclubqingdao 10/09/2015 alle 10:57 am

    Spiagge.
    Il protocollo della super spiaggia:

    1) Verde alle spalle, possibilmente pineta.
    2) Parte in sabbia con profondità dai mt. 50. ai mt. 100.
    3) Stessa sabbia chiara che costituisce almeno mt. 300 di fondale in lunghezza.
    4) Qualità della sabbia non troppo polverosa.
    5) Niente strutture balneari fisse.
    6) Scogli lontani (ma lontani almeno km 1) in vista al delimitare della spiaggia.

    Io in Italia ne conosco solo due così.

  84. mazzolino66 10/09/2015 alle 10:24 am

    nazionale di calcio…
    Sapete chi era l’accompagnatore della nazionale agli ultimi mondiali?
    Tale Antonello Valentini, ex direttore generale della Federcalcio ex capo ufficio stampa sempre della Federcalcio, ma soprattutto amico di Moggi.

    http://espresso.repubblica.it/archivio/appoggio/2009/03/26/news/le-intercettazioni-tra-arbitri-e-dirigenti-1.124364

    e io dovrei seguire la nazionale?

  85. alinghi2 10/09/2015 alle 10:08 am

    Cerco di dire la mia senza passare per razzista e vedermi assegnare il premio KKK 2015.
    La nazionale di calcio aveva senso negli anni passati,quando il mondo non era aperto.
    E bene o male avevano tutti un’identita’ precisa.Gli svedesi biondi e alti,gli italiani traccagnotti,i tedeschi li riconoscevi a 2 km di distanza etc etc.
    Oggi vedi la nazionale francese con 9 di colore su 11,olanda quasi,italia magari uno o due ogni tanto.Poi ci sono le furbate che se ti serve uno bravo prendi un argentino,lo riempi di soldi ed in un attimo gli trovi un
    cazzo di nonno che ha infornato un’argentina .
    Capita nel calcio o addirittura come nell’hockey su ghiaccio ,maestri di furbizia con il 90% di naturalizzati americani nella rosa.
    Cosi’ secondo me ha poco senso.Perche’ alla fine diventa come una squadra di club.Campagna acquisti come una squadra di club normale.Magari non e’ solo questo,oppure anche perche’ c’e’ Conte che allena,ma credo che oggi sia piu’ difficile identificarsi.
    Insomma,c’e’ stato un periodo in cui la nazionale mi appassionava.Ma se oggi giocano Brasile -Francia io non penso a Brasile -Francia.
    Penso si stia giocando Brasile-Resto del Mondo.

  86. cuchu4trainer 10/09/2015 alle 9:46 am

    per chi ama il tennis….Sul suo pallottoliere sono finiti 16 ace in 13 turni di battuta, il 76% di prime, 23 punti vinti in 28 discese a rete, nessuna palla break concessa, 50 vincenti e 21 errori gratuiti
    RF ha timbrato il cartellino anche ieri

    mostruoso, quasi quanto l’accoppiata Gallo-Beli

  87. cuchu4trainer 10/09/2015 alle 9:42 am

    a sprazzi….
    grande Venticé, un mito

    spiagge: tutta la costa ionico-salentina da Torre Lapillo a Leuca con particolar menzione per Punta Prosciutto e Punta della Suina; Fontane Bianche (seppure troppo affollata) San Lorenzo e Calamosche a SR, Scala dei Turchi ad AG (forse la più maestosa di tutte); la Pelosa a Stintino, Oasi della Bidderosa sopra Orosei. Tra quelle non viste si parla bene di Chia sotto Cagliari, lasciando perdere le altre classiche della Sardegna (Costa Smeralda e zona Villasimius).
    PS anch’io sono per lo scoglio ma famiglia e figliuoli prediligono ancora la sabbietta da fighette

    Miranda gioca: me l’ha detto mio cuggino
    Rubegrandissima merda

  88. evarbec 10/09/2015 alle 8:50 am

    Mi sono approssimativamente riportato in pari con la lettura dei vostri commenti durante un importante e quotidiano momento mattutino e mi sento in primis di scrivere:
    a Ventice’ , de core, mavaffanculova ( l’ invidia è un sentimento ingiustamente demonizzato )
    in secundis, Caprera ha delle spiagge splendide, supertop i conigli di Lampedusa
    tertium, vedrete che il Mira gioca, così non fosse, Altindorf stronzo!
    Una mia curiosità, qualcuno si appassiona ancora per la Nazionale di calcio?
    Fosse per me l’abolirei (insieme a tutte le retoriche che la circondano )

  89. bringbackorrico 10/09/2015 alle 1:05 am

    Goombadi.. Ho visto USA – Brasil.. Miranda giocava come se nulla i primi 15 min poi improvvisamente si è seduto a terra e si toccava il ginocchio. Entrano i medici, un po’ di spray magico e si rialza, gioca altri 8 minuti come se nulla poi il cambio. Uscendo dal campo camminando sorrideva pure con l’arbitro. Credo non si tratti di nulla di grave, deve essere stato solo un forte colpo, che la TV non ha ripreso perché non si è visto.

  90. ègr 09/09/2015 alle 10:47 pm

    anche bargnani non è che abbia marcato male nowitzki.
    quello che ci manca è un riccardo ferri che al primo secondo del primo tempo dà un calcio nelle ginocchia fortissimo a quel merda di schroeder e finita la partita, tutti a casa alè.

  91. dbartdb 09/09/2015 alle 10:10 pm

    Sgranoche sta al derby come abate sta a milito…
    Ma se perisic sta a wesley… Come eesley sta a yolanthe?

  92. josesavethequeen 09/09/2015 alle 8:21 pm

    @aug
    duole dirlo perché è bbilanista, ma gallinari è alter sport.

  93. aug966 09/09/2015 alle 7:52 pm

    grandissimo Belinelli (bravo anche Gallinari, ma c’è il derby…)

  94. papagnolo 09/09/2015 alle 7:42 pm

    Ecco visto che Miranda si é infortunato dopo aver incontrato Enrichetto nostro, inizio a essere fiducioso per il Derby visto che Enrichetto non ci sarà.
    Minghiaseportarrrogna!!
    #staiaJackartaPresidé

  95. mrdeliorossi 09/09/2015 alle 7:01 pm

    la spiaggia più bella d’italia secondo me rimane la spiaggia rosa di Budelli, sulla quale ebbi il piacere di passeggiare e sciacquettarmi quando era ancora accessibile nel lontano 1987
    http://archive.forumcommunity.net/?t=48982777

  96. PAOLO (@paoloLXXII) 09/09/2015 alle 6:34 pm

    la spiaggia è da focozzone. cit
    lo scoglio invece è per i fighi.

  97. elganassa 09/09/2015 alle 6:03 pm

    Non sono un espertone, ma:
    – Cala Violina (vicino a Follonica)
    – Capo Teulada (ad ovest di Cagliari)
    – San Rossore (dopo Marina di Torre del Lago)

  98. bringbackorrico 09/09/2015 alle 5:44 pm

    Grazie goombadi.. Quando verrò in Italia d’estate ne terrò sicuramente conto. In inverno non ci vengo più, il freddo non fa per me, sono un uomo più dei tropici che di freddo polare. A me piace sentire il caldo nelle ossa.

  99. Bandini 09/09/2015 alle 5:43 pm

    In Italia: Fontane Bianche (Sr).
    Ma qualcuno ha letto di Ricky che va a Maravillare nella squadra del Santo Padre?
    No, non al Chelsea.

  100. Steo Eo 09/09/2015 alle 4:32 pm

    Luciano Moggi è stato giudicato ideatore e promotore dell’associazione a delinquere nel processo Calciopoli. Ecco alcune frasi estratte dalle motivazioni prodotte dalla terza sezione penale della Cassazione (e depositate oggi): “La figura apicale del Moggi quale promotore del sodalizio emerge a chiare lettere dagli atti del processo”: e’ Moggi “ad ideare quel sistema di comunicazione impenetrabile e riservato per comunicare con arbitri ed altri tesserati”.
    SI parla di nn “vero e proprio mondo sommerso”, la cui “carica intrinseca di offensivita’ degli interessi ‘ultraindividuali'” e’ stata “particolarmente intensa e tale da sconvolgere l’assetto del sistema calcio, fino a screditarlo in modo inimmaginabile e minarlo nelle sue fondamenta, con ovvie pesantissime ricadute economiche”. Motivazioni durissime, che confermano la linea e le sentenze di questi lunghi anni di processo. Senza prescrizione il finale sarebbe stato di tutt’altra portata per Luciano Moggi.

  101. Steo Eo 09/09/2015 alle 4:28 pm

    Non sono così esperto e ho viaggiato poco ma..

    Tutta la Sardegna (porto giunco la cinta la pelosa punta molentis tutta l’ogliastra ecc) … la Sicilia(ragusano e siracusano) la riserva dello Zingaro … e Lampedusa (la spiaggia dei conigli…)

    Poi anche il Salento è spettacolare…naturalmente…Pescoluse… Non conosco la Calabria che dicono essere meravigliosa…

    Le spiagge sono pubbliche ma negli ultimi anni la tassa è il parcheggio. Questa estate ad agosto 2,50 euro all’ora (in Sardegna).

    E poi c’è tutto ciò che non conosco. Ma di una cosa sono sicuro; le spiagge più belle sono al sud…

  102. mazzolino66 09/09/2015 alle 4:16 pm

    @real: durante il 69 godiamo di una visione che bypassa gli “ailaits”:)

    @ilre: tutta la sardegna no! Budoni da evitare come la peste alghe a livello mucillaggine da riviera adriatica…

    Dunga….a tutto c’è una spiegazione: è un gobbo di merda lo è per sempre.

    il corto non mi è piaciuto per niente, sarà che vivo a Roma…

  103. Angelo Farina 09/09/2015 alle 4:03 pm

    bravo dog… te l’avevo detto di farti consigliare sul posto. concordo con l’amaro du salentu

  104. ilreditonga 09/09/2015 alle 3:47 pm

    La spiaggia dei gabbiani sotto al Conero?

  105. ilreditonga 09/09/2015 alle 3:46 pm

    In Salento Torre Mozza?

  106. ilreditonga 09/09/2015 alle 3:42 pm

    Ottime spiagge ci sono a Tonga,
    In Italia molto bella San Fruttuoso, se levassero le persone

  107. bringbackorrico 09/09/2015 alle 3:22 pm

    Steo, secondo te quali sono le più belle tre d’Italia? E se mi puoi dire se sono pubbliche o private (cioè appartenenti a hotel..premetto che non so come sia in Italia, se un hotel può appropriarsi di un pezzo di spiaggia come succede in altri paesi).

  108. Steo Eo 09/09/2015 alle 3:11 pm

    Bring

    con tutto il “bene” che voglio a quella spiaggia…forse non sta tra le prime dieci nemmeno in Italia…

  109. bringbackorrico 09/09/2015 alle 2:41 pm

    Torre Lapillo Bay è in questa lista delle 10 spiagge più belle meno conosciute al mondo.

    http://www.theguardian.com/travel/2015/apr/27/10-best-beaches-youve-never-heard-of-brazil-austraila-us

    Di queste io sono andato a St Lucie Inlet e a Winnifred.

  110. bulldozer55 09/09/2015 alle 2:36 pm

    doggolo, quale lido? Bahia del sol…Orange sun…Togo…?

  111. Steo Eo 09/09/2015 alle 2:28 pm

    Doggolo

    se ti piacciono i dolci… il pasticciotto di Dolci Tramonti… via Muratori (…mi pare…)

  112. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 09/09/2015 alle 2:26 pm

    faccia
    secondo me dice: giocano Medel ed altri 10

  113. facciadaperno 09/09/2015 alle 2:21 pm

    Sono in grado di anticpare la prima frase della conferenza stampa pre-Derby del Mancio :
    “Giocano Guarin ed altri dieci”.
    p.s. o forse “Giocano Guarin e altri 11” le mie fonti sono indecise.

  114. doggolo 09/09/2015 alle 2:03 pm

    torre lapillu, portu cesareu.
    per stare leggero mi sono appena ucciso con polipetti in umido e spaghetti alle cozze.

  115. bulldozer55 09/09/2015 alle 1:54 pm

    @doggolo, dove sei?

  116. doggolo 09/09/2015 alle 1:41 pm

    sto mangiando pesce pesce pesce salentino, ci sono sti posti epocali tipo pescherie che ti cucinano il pesce che ordini al banco. ho scoperto anche l’amaro del Salento, peccato che una bottiglia mi durerà una cena se la porto su a Milano. Da solo però.

  117. polins81 09/09/2015 alle 1:13 pm

    @fossifigo
    Uno dei due scemi in campo domenica ci tocca, purtroppo.

  118. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 09/09/2015 alle 1:07 pm

    io “scemo+scemo” non li vorrei vedere mai più in mezzo alla nostra difesa, anzi mai più con la nostra gloriosa maglia, ma che dico, mai più su un campo di calcio italiano.

  119. interclubqingdao 09/09/2015 alle 12:58 pm

    Caro Doggolo,
    quando ero ragazzo io c’era la Rivoluzione Sessuale e le compagne di scuola arrivavano felici in classe urlando a tutti che l’avevano data via. Una che conosco fece causa a 19 che potevano averla messa incinta. Tra l’altro era famosa perché la dava su un piano a coda. Gli aneddoti sono centinaia non c’erano solo le comunità scoperecce californiane.
    Sui giornali si parlava di “balletti rosa e verdi” e la realtà superava l’immaginazione dei cronisti.

    Siamo vittime di un trauma al contrario e non riusciamo a parlarne, dobbiamo ancora capire che non è colpa nostra se ci sono arrivate addosso tutte le fortune del mondo.

  120. polins81 09/09/2015 alle 12:38 pm

    e per domenica io direi di fare

    Murillo centro destra, Juan Jesus centro sinistra, Telles laterale sinistro e fascia del capitano ad Icardi. Mancio voleva il terzino e lo ha avuto, poi il nuovo capitano è Maurito, quindi niente Ranocchia. Speriamo.

  121. polins81 09/09/2015 alle 12:35 pm

    @re
    lei ha ragione, il grassoccio di pallone e di recitazione non ne sa mezza, è naturale solo quando mangia. 🙂

  122. polins81 09/09/2015 alle 12:33 pm

    Scusate ma l’infortunio di Miranda, oltre a fargli saltare il derby (porca zozza, uno prende un nuovo leader difensivo e si fa male in amichevole con la sua nazionale), in cosa consiste ? Spero niente di grave per il proseguo della stagione…

  123. ilreditonga 09/09/2015 alle 12:30 pm

    @polins
    molto carino, il re avrebbe solo da ridire sulla recitazione del grassoccio, davvero poco naturale

  124. Steo Eo 09/09/2015 alle 12:18 pm

    riprovo…

    Lippi: ” impazzisco per Perisic! ”

    Bon… abbiamo comprato un Macellari qualsiasi.

  125. Steo Eo 09/09/2015 alle 12:17 pm

    Lippi: <>

    Bon… abbiamo compreto un Macellari qualsiasi…

  126. polins81 09/09/2015 alle 11:34 am

    “Due piedi sinistri” un corto da guardare

  127. uter69 09/09/2015 alle 11:27 am

    il motore fa le bizze? ecco una risposta ai vostri problemi:

  128. uter69 09/09/2015 alle 11:20 am

    nella famiglia Mourinho i palloni sono di casa

  129. rabahmadjer 09/09/2015 alle 10:45 am

    Questo possibile ingresso in partita di ranocia, mi fa venire in mente sinistre analogie col derby di cicciobenitez, in cui giocò tamarqzzi e stese ibra in area.

  130. madddeee 09/09/2015 alle 10:33 am

    Dunga figlio di cane stronzo bastardo infame asino

  131. Angelo Farina 09/09/2015 alle 9:58 am

    mi dispiace dog… sta mangiando almeno bene?

  132. elganassa 09/09/2015 alle 9:44 am

    piuttosto che Froggy, meglio il Pitbull ad azzannare caviglie in difesa

  133. uter69 09/09/2015 alle 9:34 am

    real d’accordo con te, il mio nick è proprio un omaggio a quello.

  134. il Fabri 09/09/2015 alle 9:19 am

    Goombadies…qualche consiglio per vedere il derby da Ibiza? (TV o Bar)

    gracias…

  135. Chun-Li Chung 09/09/2015 alle 9:13 am

    addio miranda, benritrovato (?) ranocia.

  136. realsbatibalovic 09/09/2015 alle 9:03 am

    Adesso spiegatemi che cazzo significa rischiare la salute dei giocatori per delle amichevoli di merda delle nazionali di merda in settembre. E scusate se ho scritto “settembre”.

    La sfida Bacca-Ranocchia sarebbe come mettere a confronto su un ring il Lupo Cattivo contro il Porcellino scemo.

  137. doggolo 09/09/2015 alle 8:51 am

    però oggi e domani in u salentu c’è tempu di merda

  138. Angelo Farina 09/09/2015 alle 8:49 am

    comunque una mia quasi concittadina e interista è alle semifinali degli us open se ci arriva anche la brindisina pennetta allora forza salentu

  139. doggolo 09/09/2015 alle 8:19 am

    Infortunio al collaterale mediale per Miranda, e si scalda capitan Ranocia.
    Dai capitano indossa la maglietta il derby ti aspetta.

  140. megliosenza 09/09/2015 alle 8:13 am

    250 minuti di applausi a Venticé

  141. realsbatibalovic 09/09/2015 alle 3:02 am

    A me piace moltissimo il 69, sono un vero cultore della materia. L’unico problema è che “durante” si fa fatica a vedere un’eventuale partita.

  142. bringbackorrico 09/09/2015 alle 1:43 am

    Il 3412 che si vocifera è una cagata regale. Per almeno tre motivi…
    1) Un nano non può fare il libero, va contro le leggi della natura.
    2) Perisic non fa le due fasi, saremmo scopertissimi a destra quando perdiamo palla lassù e gli avversari ripartono.
    3) Kong funziona meglio da incursore che da incontrista, potrebbe diventare il nuovo Cuchu dei tempi migliori quando arrivava spesso e volentieri ad inserirsi in area. Siccome Melo da solo non può fare sia il regista che l’incontrista, Medel va tenuto a centrocampo a dargli una mano.

  143. bringbackorrico 09/09/2015 alle 1:29 am

    Il pomino è il pompino che si fa fare il Marchesi de Frescobaldi.

    Vado vado, non spingete…

  144. Chun-Li Chung 08/09/2015 alle 11:54 pm

    scopro solo ora lady guarin

  145. bulldozer55 08/09/2015 alle 11:36 pm

    Credetemi: siete la cosa più bella quando c’è la pausa per la Nazionale.
    Complimenti a tutti.
    Ma poi come si comportano: dentifricio o sciroppo?
    Perchè senza ingoio, è come una messa senza comunione.

  146. Ventice' 08/09/2015 alle 9:15 pm

    Grandissimo Alinghi

  147. mazzolino66 08/09/2015 alle 9:13 pm

    il pomino…. penso sia arrivato il momento di passare dall’ottico.
    Sono diventato presbide…juvemerda!

  148. mazzolino66 08/09/2015 alle 9:12 pm

    cmq per quanto mi riguarada mai sottovalutare il potere del pompino…
    Tra una scopata senza pompino e un pomino senza scopata ho sempre preferito la seconda.
    Poi ovvio meglio il tagliando completo…ma completo completo.

    Soprattutto vedere Rimini – gobba…ha detto bene Alinghi:
    Jizz in his mouth…tenendole ben ferma la testa ovviamente!

  149. ilreditonga 08/09/2015 alle 8:38 pm

    Per domenica sera potremmo organizzare una novena mariana?

  150. uter69 08/09/2015 alle 8:23 pm

    Grazie dell’apprezzamento elbauscia

  151. doggolo 08/09/2015 alle 7:42 pm

    aspetto ancora il racconto di cipe e qingdao, di quando si innamorarono di quella ragazza vestita alla marinara ma lei non le voleva saperne e spezzò il loro cuoricino.
    Ma un giorno al cineforum mentre venivano proiettate le gesta di skoglund incontrarono una ragazza che gli spiegò che era capace di fare un nodo alla marinara al cazzo solamente prendendolo in bocca. E così dimenticarono le loro pene d’amore.

  152. Angelo Farina 08/09/2015 alle 7:28 pm

    grazie el bauscia… un pò d’ordine ci voleva. scavare troppo a fondo nelle ragioni antropologiche che ci hanno reso interisti proprio non mi interessano. a me basta esserlo e che tutti quelli che sono qui sopra lo siano.

  153. doggolo 08/09/2015 alle 6:56 pm

    dai elbauscia raccontaci di quando scolaretto ti avvicinasti a gigi radice che ti guardò con gli occhi di ghiaccio e poi ti diede un simpatico buffetto sulla guancia prima di iniziare a parlarti dell’importanza degli indios nel suo calcio.

  154. el baüscia 08/09/2015 alle 6:45 pm

    Ma che blog di fini letterati cazzo….mi esimo solo perchè potrei papirare ad libitum, tanti sono i ricordi. E non voglio annoiarvi.
    Applauso in piedi a Uter69: in questi tempi di IS, menefreghismo imperante e sottomissione culturale, trovare uno che al mese di maggio va alla novena mariana è tantissima roba. CHAPEAU.

  155. alinghi2 08/09/2015 alle 6:04 pm

    Ventice’,dici le femmine tifose non sembrano mai raggiungere il coinvolgimento emotivo dei maschi.Io ho lavorato ai tempi con una che te la raccomando.Era il 1986.Si chiamava Angela,potevi darle tranquillamente della zoccola e non succedeva nulla,ma se le parlavi male dell’Inter rischiavi le mani addosso.Mi ha raccontato che piu’ volte a Siro le aveva prese.
    Il massimo l’ha raggiunto il giorno dopo il famoso Real -Inter (5-1 dopo i tempi supplementari).
    Arriva l’Angela in ufficio (lavoravo in una multinazionale svizzera)e prima cosa mi chiede perche’ il Real ha scritto Parmalat sulle maglie.
    Le dico dello sponsor.Prende il tabulato clienti e vede che la Parmalat ci doveva una valanga di milioni(abbondantemente scaduti da mesi).Prende il telefono ,chiama la parmalat e comincia ad insultarli pesantemente (barboni,pezzenti,bastardi,pagate i fornitori invece di dare i soldi alle squadre di calcio).5 minuti di insulti prima di riuscire a fermarla.
    In mensa,un collega juventino ha avuto la malsana idea di dirle.Angela…canale 5.
    Hanno dovuto dividerli.
    La ricordo ancora con piacere.

  156. robb77 08/09/2015 alle 5:57 pm

    @chun

    altro che fulmine a ciel sereno… da infarto!

  157. alinghi2 08/09/2015 alle 5:40 pm

    Ad un Inter-Juve 4-0 del 1984 e’ legato un ottimo ricordo.
    Litigo alla fine della partita con la fidanzata (juventina) e la riaccompagno a casa.
    Tornando a casa incontro la mia amica (simpatie interiste,tra le altre cose) che mi invita a casa sua dopo cena perche’ era a casa da sola.Detto fatto.Diciamo che leggendo l’amico Ventice’,mi rendo conto che la perfezione assoluta sarebbe stato il mojito nel mentre (oppure un’acqua e menta),ma a 25 anni non avevo delle grandi pretese e non l’ho sgridata.

  158. alinghi2 08/09/2015 alle 5:02 pm

    Nello stesso tempo…Fellatio ,mojito e highlights.
    Cosa chiedere di piu’ dalla vita?
    Come un George Clooney qualsiasi,chiunque avrebbe detto a quel punto…….what else?
    Non essendo pero’ George Clooney e neppure Rocco Siffredi devo purtroppo ammettere che all’apparire del cartello Rimini-Juventus 1-1 di serie B,sarei venuto abbondantemente ed ingloriosamente prima del tempo.

  159. Ventice' 08/09/2015 alle 5:00 pm

    Bellissima Bourbon, hai fatto bene. Così impara a fartela sospirare a campionato ancora aperto.

    Anch’io devo dire che tutte le femmine tifose che ho conosciuto non sembrano mai raggiungere il coinvolgimento emotivo dei maschi, a noi l’angoscia e l’esaltazione ci prendono alle viscere.

  160. Ventice' 08/09/2015 alle 4:50 pm

    Grazie goombadies, sono onorato. E’ sicuramente uno dei rari highlight della mia carriera di interista e maschio arrapato, mi sembrava giusto condividerlo qui. Anche a me è sempre piaciuto vederlo come piccola metafora della vita nerazzurra.

  161. bourbonkid10 08/09/2015 alle 4:49 pm

    Venticè mi ha fatto venire in mente un aneddoto che avevo quasi rimosso.
    Nel 2002 avevo preso una cotta, non contraccambiata, per una tizia conosciuta in palestra. A figa non stavo male ma mi ero intestardito con lei. Volevo ciò che non avevo.
    Tentativi più o meno velati, galanterie, romanticherie. Niente da fare.
    Ed arriviamo al 05.05.2002. Guardo la partita in un bar con 2 amici interisti e 3 amiche che del calcio non gliene fregava niente. Al novantesimo sono distrutto, uno straccio.
    Le amiche: “Dai andiamo a mangiare qualcosa così ti tiri su”. Io: “no”. Mi trascinano da McDonald. Mangio per inerzia, mi viene da vomitare, non parlo, sono uno zombie.
    A un certo punto squilla il cellulare: è lei, la tipa della palestra! Era la prima volta (giuro) che mi telefonava in vita sua. Io non la chiamavo da un po’, ormai avevo rinunciato. Conoscendo la mia passione sfrenata per la Beneamata penso che mi voglia consolare, è una cosa carina.
    “Come stai?”
    “Male”
    “Perchè?”
    Perchè? PERCHE’??? Ma porco cazzo, cominciamo male. Glielo spiego.
    “E vabbè per così poco”.
    Riagganciai e non la chiamai più prendendomi una vagonata di insulti dalle mie amiche che sapevano della cotta. Fui irremovibile, quello era un giorno di lutto ed andava rispettato. Lei per me non esisteva più.
    Morale: di figa ce n’è tanta, di Inter ce n’è una sola (e adesso insultatemi pure).

  162. chesivincaochesiperda 08/09/2015 alle 4:34 pm

    @Venticè
    Sei il Bilzerian di Interistiorg!
    Che invidia.
    Dovresti girare con lo striscione a due aste con scritto: Ho realizzato il vostro sogno.

  163. dbartdb 08/09/2015 alle 4:24 pm

    Venticè… Un pompapiro immenso…
    Perfetta allegoria della goduria di un vero interista in quegli anni magici…
    Mi inchino anch’io…
    Anzi no!
    Ti sauto con la mano libera alzata !

  164. 9spillo 08/09/2015 alle 4:23 pm

    E quando mi troverò a dover adoperare l’espressione “è come un giorno senza sole” o roba del genere e invece mi verrà di usare la metafora “è come un pompino senza mojito” la gente chiederà “ma che cazzo dici, cosa c’entra”?
    Io risponderò: è una lunga storia, “una storia di riscatto e di speranza”

  165. 9spillo 08/09/2015 alle 4:10 pm

    Da oggi in poi nessun pompino sarà più lo stesso.

  166. realsbatibalovic 08/09/2015 alle 4:04 pm

    Ventice’, e poi dicono che il pompino non può essere considerato un’arte… letteratura di livello! Grande!

  167. gervasobis 08/09/2015 alle 3:48 pm

    Grazie a tutti ragazzi é un piacere lasciarsi coinvolgere.
    E chapeau a venticé, quello é vero misticismo.

    Pensierino pre-derby

    Giusto domenica ho espresso a mia moglie il significato d’essere interista.
    Che non é solo tifare per i colori giusti.
    E’ modo d’essere: bauscia, ma in fondo amante della giustizia.

    Noi non addomestichiamo campionati o arbitri o giornali.
    Non abbiamo televisioni e programmi di parte.
    Non abbiamo avuto presidenti condannati e che si vendevano le partite della propria squadra.
    Non abbiamo “lo stile” di giocatori che scommettono sui propri risultati.
    Non abbiamo l’R moscia né l’arroganza del potente.

    Abbiamo l’esempio di uomini come Facchetti e Prisco, gente pulita, Uomini veri.
    Abbiamo il vanto d’essere l’unica squadra mai retrocessa, ne per demeriti sportivi né legali.
    Sappiamo cos é importante: da Kanu a Burdisso.
    Sappiamo sopportare.
    Sappiamo che devi essere veramente forte per vincere in campionati dove i soli meriti
    sportivi non bastano e lì ci sono le annate magiche: quella del Trap o di Mou.

    Insomma essere interista é diverso, non é solo sport.

    Il lettore attento avrà notato che i miei riferimenti sono piuttosto recenti,
    ciò é dovuto alla mia età, i miei primi ricordi calcio vanno infatti a Ivano Bordon 83′.

  168. ilreditonga 08/09/2015 alle 3:32 pm

    Venticè e Real, due splendide facce di una stessa medaglia, grazie

  169. Chun-Li Chung 08/09/2015 alle 3:27 pm

    “Alzo il braccio – quello non occupato ad accarezzare la testa della ragazza – indico la visione e, come uno Stramaccioni ante litteram, dico “E’ per te!”. Il resto di quella stagione e delle successive tre è storia.”
    chiusa visionaria. il mio personale interometro da oggi in avanti dovrà fare i conti con questa vetta everestiana difficilmente eguagliabile 😀

  170. Bandini 08/09/2015 alle 3:23 pm

    Mai nella mia vita avrei immaginato di sfiorare la commozione al racconto di un pompino.
    Grande Ventice’.

  171. Chun-Li Chung 08/09/2015 alle 3:22 pm

    un fulmine a cul sereno

  172. polins81 08/09/2015 alle 3:09 pm

    @ventice’
    Sei un idolo

  173. Ventice' 08/09/2015 alle 3:08 pm

    Grazie BBO. L’assalto finale c’è stato nelle successive giornate di campionato 😀

  174. bringbackorrico 08/09/2015 alle 2:57 pm

    Evviva Venticè con la sua mora e la sua visione! Mezzo punto in meno perché ha preferito il pompino all’assalto finale!

  175. Ventice' 08/09/2015 alle 2:46 pm

    Anch’io ho un papirino nel cuore.
    Interista fin da piccolissimo nei primi anni ’80, vi risparmio il racconto delle poche gioie e tante delusioni di quegli anni che conoscete benissimo. Così come potete facilmente immaginare i tormenti – e l’orgoglio ribelle – del fanciullo nerazzurro costretto ad affrontare giornalmente i lazzi dei compagni di scuola rubentini e milanisti, in stragrande maggioranza dalle mie parti, galvanizzati dai successi dei bianconeri ladroni e dei rossoneri spendaccioni.
    Vi racconterò piuttosto una storiella di anni più recenti, una storia di figa e Inter. Sull’argomento potrei riferire molti episodi di fallimenti e rimpianti; questa invece è una storia di riscatto e speranza, come buon auspicio per la stagione.
    Prologo. Primavera 2002, un periodo non facile a livello personale, molte cose non vanno come dovrebbero e vedo anche pochissima figa. Esco qualche volta con una tipa, carina ma niente di eccezionale, la faccenda non ingrana e ci perdiamo di vista. Durante uno degli ultimi appuntamenti si rivela pure essere rubentina fierissima. 5 maggio: sono davanti alla TV attonito e sconvolto, le lacrime di Ronaldo dallo schermo si riflettono nei miei occhi lucidi e arrossati. Immagini da Udine delle merdacce festanti, bandieroni nella mia città. Il momento più duro del mio interismo, depressione calcistica che sarebbe durata mesi, tuttavia solidificando ancor più il mio amore fiero e travagliato per questi colori. Qualche ora dopo il fischio finale, la tipa rubentina – dopo un silenzio radio di un paio di mesi – mi manda un sms per pigliarmi per il culo. Fine prologo.
    Inizio settembre 2006: i fatti calcistici di quell’estate li conoscete tutti. A livello personale è un ottimo periodo, e ora c’è questa moretta molto molto interessante (carina, culo da oscar) che mi lancia segnali insistenti. Ci esco a cena rimanendo molto signorile, non affondo il colpo, per tastare meglio il terreno. Qualche sera dopo mi invita a casa sua per “un drink dopo cena”. Arrivo da lei, due chiacchiere sul divano, un mojito, l’atmosfera è quella giusta. Limoniamo duro. Dopo il bacio lei si scosta delicatamente i capelli dal viso un po’ arrossato e – mentre il mio cervello di maschietto arrapato analizza in frazioni di secondo milioni di possibili strategie per andare a meta, come Kasparov prima dello scacco matto – senza proferire verbo, dopo un’occhiata sognante, si abbassa mi sbottona i pantaloni e inizia a farmi un pompino maestoso, imperiale. E quindi eccomi in estasi su quel divano, a braccia larghe e braghe calate, mi godo ogni istante e ogni tanto continuo pure a sorseggiare il mojito. La TV è ancora accesa, il film è finito e un programma sportivo comincia: con l’epica e interminabile fellatio ancora in corso mi gusto dunque gli highlights dell’anticipo di Serie A, Fiorentina-Inter 2-3 con doppietta del Cuchu e sigillo di Ibra. A seguire un servizio sulla partita di B, Rimini-Juventus 1-1. E’ l’apoteosi; e nel culmine del rapimento mistico una visione mi appare sopra il televisore: vedo il me stesso di un pomeriggio di maggio di quattro anni prima, distrutto davanti al televisore che mostra ancora impietoso il gol di Poborski e le lacrime di Ronaldo. Alzo il braccio – quello non occupato ad accarezzare la testa della ragazza – indico la visione e, come uno Stramaccioni ante litteram, dico “E’ per te!”. Il resto di quella stagione e delle successive tre è storia.

  176. uter69 08/09/2015 alle 2:43 pm

    vi dico la mia:
    mi sono innamorato dell’inter a 8/9 anni (era il 64 o il 65 preistoria per tantissimi di voi).
    era il mese di maggio e andavo con mia mamma in chiesa per la novena Mariana.
    era sera. l’inter giocava non so neppure contro chi. allora le televisioni erano ancora poche nelle case e tutti, ma proprio tutti andavano al bar a vedere le partite.
    stavamo passando davanti ad uno di questi bar strapieni proprio mentre segna l’inter.
    un boato incredibile e un tizio, sicuramente un ragazzo giovane, ma per me bambino sembrava un ‘grande’ spara fuori dal bar a braccia spalancate, indossava un impermeabile bianco aperto che svolazzava, e urlava ‘GOOOL GOOOL GOOOOOL’ . corre come un matto, non mi vede e mi centra in pieno. volo lontano e resto tramortito.
    ecco non so se sia stato questo volo e l’urto conseguente che mi hanno fatto apparire una coppa dei campioni listata di nerazzurro, ma da quel momento l’inter è stata la mia squadra e lo è da cinquant’anni.

  177. bringbackorrico 08/09/2015 alle 2:37 pm

    In chiave derby, si potrebbe fare cussì…

    433

    EXPENSIVE CHAIR
    SANTON MIRANDA MURILLO TELLES
    MEDEL MELO KONG
    PERISIC ICARDI JOVETIC

    Medel l’incontrista
    Melo il regista
    Kong l’incursore

    Se a occasione in partita c’è bisogno di un trequartista dietro le punte, per penetrare in mezzo, Jojo o Perisic a turno possono accentrarsi benissimo e farlo. Telles copre bene la fascia sinistra (pare venga con ottime credenziali difensive) e Santon la destra (con Medel dalle sue parti a rinforzare non avremo problemi). Con Melo siamo coperti in mezzo. E se saltano queste tre prime dighe ci sono Miranda e Murillo che danno garanzia. Oh se poi saltano pure Miranda e Murillo ci penserà la sedia 😀

    Tutto questo chiaramente ottimo su paper. Ma i giocatori di qualità ci sono finalmente. Spetta al Mancio ora.

  178. realsbatibalovic 08/09/2015 alle 2:36 pm

    Grazie Bringback!
    E’ stato bello e toccante scriverlo anche perché è stato come essere di nuovo con mio padre, una grande persona e l’interista più “totale” che si possa immaginare. 🙂

  179. bringbackorrico 08/09/2015 alle 2:20 pm

    Che bello è essere interisti! Quanti bellissimi papiri!! Per me il premio Papiro Amarcord 2015 con la benedizione di master Alinghi va a… Real… Stupendo il tuo ricordo caro goombade!

  180. baronebirra74 08/09/2015 alle 1:56 pm

    prima ed unica volta a San Siro: Inter Bologna 2-1 – ottobre 2008.
    Ibra di tacco per intenderci.
    L’evento meriterebbe un mini papiro ma sono troppo pigro.

  181. Teofilatto dei Leonzi 08/09/2015 alle 1:37 pm

    A proposito di Kalle, mio padre era così fissato con lui che voleva chiamarmi Karl-Heinz. Chissà perchè i parenti glielo hanno impedito 😀

  182. Teofilatto dei Leonzi 08/09/2015 alle 1:35 pm

    Il mio primo, e finora unico, derby è stato quello vinto con gol di tacco di Palacio. Potrò raccontare ai miei nipoti della grande Inter del misteh!
    @scinque: grande Simeone, un giocatore con due coglioni così. Ma per come siamo messi mi accontenterei anche di Cauet al posto di Medel. E il mitico, si fa per dire, Paulo Sousa, un calciatore per cui non serviva nessun replay dato che correva al rallentatore già di suo.
    @puppolo: io ricordo un Inter-Piacenza nell’era Lippi vinto ma soffrendo come cani

  183. Consenzabolle 08/09/2015 alle 1:02 pm

    Prima partita a Milano, Inter-Bilan 0-0, anno gratia 1989, traversa di ancelotti e di berti
    Prima trasferta a Torino Gobbi – Inter 1-1, anno gratia 1989, goal di nuca di serena
    Partita che mi ha cambiato la vita: Inter – Aston Villa 3-0, coppa UEFA 1990-91, I anello verde, i’urlo di san siro mi e’ entrato dentro
    giocatore che ho amato: Lothar. Se voleva, poteva vincere le partite da solo. Di gente con le sue palle non ne ho viste piu’ a s siro.

  184. realsbatibalovic 08/09/2015 alle 12:55 pm

    Il mio mitico primo derby non lo scorderò mai.

    Crisi petrolifera, mio padre buonanima mi carica sulla sua Graziella nera e pedala per più di mezz’ora fino a San Siro con me seduto “in canna” fra le sue braccia.
    Entro gratis perché piccolino e salgo gli scalini dei distinti – non so dire esattamente in che posto fossimo.
    L’emozione è pazzesca. Indosso una maglietta nerazzurra di lanetta, come quelle che c’erano ai tempi. Il mio primo derby. Ho il cuore in gola. Mio padre inganna l’attesa raccontandomi del famoso Inter-Milan 6-5 in rimonta, con Veleno Lorenzi mattatore: lui c’era, in tribuna con mio nonno!

    Inizia la partita: dopo tipo 18” Boninsegna si avventa su un pallone al limite dell’area (o in area non ricordo bene) e di destro la mette dentro!
    GOL!
    Il mio primo derby, e segniamo dopo 18 secondi!!!
    Pazzesco.
    Mio padre mi solleva sopra la testa a braccia tese e io non ricordo di essere ai stato così felice… guardo la gente che urla e si abbraccia e capisco che l’Inter farà sempre parte della mia vita come una donna bizzosa ma della quale non pui che essere innamorato. Per sempre.

    Poi verso la fine del tempo un tipo brutto e falloso ma con un gran tiro da lontano, tale Romeo Benetti, pareggia: con un tiro da fuori, ovvio.

    Secondo tempo. La partita sembra destinata al pareggio, ma ecco che Facchetti recupera palla e si lancia con la sua tipica falcata da airone.
    Chiede triangolo e viene esaudito.
    Anziché fermarsi, allargarsi per crossare o cercare un attaccante a cui scaricarla punta dritto verso la porta.
    La difesa è di burro.
    Sinistro dal basso verso l’alto sull’uscita del portiere, GOOOOOOOOOL!

    Salto come una piccola cavalletta, impazzito letteralmente di gioia.

    Il mio primo derby, Il ritorno in bicicletta, seduto sulla canna della Graziella di papà, cantando a squarciagola una canzone su Bonimba che li purga tutti.

    Il mio primo derby: Inter-Milan 2-1, gol decisivo del grande, immenso, irripetibile capitano, una persona buona e per bene che mi è rimasta nel cuore: GIACINTO FACCHETTI.

    Che gli altri si tengano Bettega e Moggi, come ricordi. Io ho questo. E ne sarò fiero per l’eternità.

  185. piuinter 08/09/2015 alle 12:53 pm

    Interista grazie ai miei cugini che mi insegnavano canzoncine tipo “L’ Inter al milan gli rompe il culo” a mio zio Franco (fuochi d’artificio in pieno centro a Bari per lo scudetto dei record) ed a quella faccia di merda di Platini (quanto lo odio ancora). La prima Inter allo stadio della vittoria (che nn ricordo) con zio Franco in coppa Italia. Ricordo invece con il Bari in serie A un 3-1 sempre al della Vittoria nella stagione 85-86, ricordo Tardelli (maledetto) battere il calcio d’inizio e l’emozione per quei colori meravigliosi! E poi l’ultima quella del triplete gennaio 2010 con gli immancabili cugini, il Bari sempre avanti e noi a giochicchiare per settanta minuti, poi la prima di Pandev la forza di una squadra irripetibile con Dio in panchina il resto è la storia sportiva più bella degli ultimi 500 anni. Grazie Nora e Benny (e Juvemmerda)

  186. pansotti 08/09/2015 alle 12:50 pm

    La mia prima a San Siro (non ancora Meazza) fu a vedere… Il Milan 😳.
    Un’amico dei miei aveva cercato di portarmi sulla brutta strada comprandomi anche la bandierina rossonera. A quel punto intervenne mio nonno che organizzó per andare a vedere Inter-Napoli (1-0 Jair) ristabilendo l’ordine esatto delle cose.

    Anche tra i ragazzini del cortile la figura leader per bravura a giocare a pallone ed età era di un milanista figlio del locale Presidente di un club di tifosi. E tutti dietro a lui conseguentemente a tifare Milan e Rivera con una schiera di bambini vocianti in bicicletta dietro a un bandierone rossonero.
    E io invece, essendo l’unico che si rifiutava fieramente di seguire quel pensiero unico, mi trovavo orgogliosamente all’opposizione a girare da solo con la mia bici dotata di bandierina nerae’viola’ (non c’erano le forniture ufficiali allora e si trovava veramente di tutto e di peggio nei baracchini davanti allo stadio) sostenuto moralmente dal nonno che mi incitava a tenere la schiena dritta e a mantenere quella nobilissima posizione.

  187. puppolo 08/09/2015 alle 12:50 pm

    Per me Inter-Piacenza 1-0, rig. Ronaldo, stagione ’98/’99

  188. Angelo Farina 08/09/2015 alle 12:43 pm

    dopo tutti questi amarcord mi meraviglio che nessuno abbia ancora proposto di ritirare la maglia di schelotto…
    il re come si dice su questo sito e alter sport… mi inchino

  189. realsbatibalovic 08/09/2015 alle 12:41 pm

    Quingdao delle 9.49

    Uahhahhahhahahahhahahahah… ma dici che sa leggere?

  190. lordpeto 08/09/2015 alle 12:39 pm

    Alinghi e Sua Maesta’ il re,
    Credo che un altro grosso motivo di cambiamento siano i giocatori di colore, molto fisici e coi piedi a banana. E’ con loro che il calcio e’ diventato piu’ fisico e meno tecnico. Ora alcuni hanno raddrizzato i piedi, ma prima erano generalmente degli scarpari, salvo rare e bellissime eccezioni.

  191. chesivincaochesiperda 08/09/2015 alle 12:34 pm

    Uno dei ricordi indelebili della mia infanzia legati al calcio, mi riporta molti anni indietro con la memoria.
    Mi sembra di rivedermi, seduto inerme nel lettone tra mio padre e mia madre a fissare spot pubblicitari, dopo aver seguito le interviste post partita e la partita stessa, supplementari compresi.
    Fissavo il teleschermo ma rimuginavo sulle possibilità che quel match potesse o dovesse essere rigiocato, che finita la pubblicità sarebbe ripresa la diretta con ulteriori minuti da giocare, che ciò che avevo visto non fosse ineluttabilmente definitivo. La mia mente di giovane affezionato non si arrendeva al verdetto, mai così crudele, del campo.
    Poi però, sono dovuto andare a letto, sconfitto, assaporando quella sensazione di “Inter eliminata” che ho vissuto negli anni a venire decine di altre volte. Forse però mai come quella prima volta, spartiacque tra l’età in cui la tua squadra del cuore è imbattibile e quella in cui la tua squadra del cuore, anche fosse l’Inter, talvolta deve cedere. E sì che all’andata avevamo messo una seria ipoteca…
    Al Bernabeu ci avevano presi a pallate: cinque, per la precisione, tutte in fondo al sacco.
    Santillana? Hugo Sanchez? Divennero presto i nomi terribili dei demoni profanatori nel mio personale Pandemonium.

  192. mazzolino66 08/09/2015 alle 12:30 pm

    Figo venuto anche lui come Kalle a fine carriera, ma incantò.
    Ricordo il derby dopo l’eliminazione subita contro il Liverpool una partita pazzesca frutto della panchina subita tre giorni prima.

    Eppoi come non citare la sua WAG…che giustamente era all’atezza del cognome acquisito.
    🙂

  193. bourbonkid10 08/09/2015 alle 12:21 pm

    Come rabah anche io la mia prima Inter dal vivo l’ho vista a Bressanone. Anno del signore 1983, avevo 6 anni. L’unica cosa che ricordo sono io che chiedo a mio padre: “chi è quel portiere?” (conoscevo solo Bordon). E lui: “si chiama Zenga, è un giovane”. “è bravo?” “Si”.
    Ricordo anche l’inizio campionato da incubo: 1 punto in 4 partite.
    Prima volta a S.Siro 06.03.1985 Inter – Colonia sotto una pioggia torrenziale, 1-0 con gol del Barone.
    Primo idolo: Rummenigge. A minibasket scelsi la 11 in suo onore.

  194. polins81 08/09/2015 alle 12:18 pm

    @papagnolo
    D’accordo su Figo, che tocchi e che classe! I suoi stop su lanci da quaranta metri erano una cosa incredibile.

  195. dbartdb 08/09/2015 alle 12:15 pm

    E vogliamo parlare dei palloni? Quello è stato un passaggio decisivo secondo me… Ve lo immaginate monoGuarin con un pallone anni 80 inzuppato? Secondo me un suo tiro non arrivava neanche al primo anello…
    Se guardate i gol da lontanissimo segnati a zoff dall’olanda al mondiale 1978 si capisce tutta la differenza tra quel calcio e l’attuale, sono bombe di collo dritto per dritto… Non sparaflesciate a occhi chiusi, è tecnica vs viulenza fisica
    Diamo un pallone anni 80 al guaro per il derby

  196. robb77 08/09/2015 alle 12:09 pm

    IV elemementare… debutto al meazza con mio padre! abbonamento per anni al II arancio! ricordo del Bilan con Van Basten che ci purgava puntualmente… ricordo l’anno dei record, pronti via gol subito e tutti a casa… Grandi vittorie e grandi sconfitte… ricordo un derby a pasqua, avevo scorccato una tessera di tribuna onore.. posto meraviglioso, gente famosa, il Grande Facchetti a tre posti da me… partita equilibrata ma poi al novantesimo… si perse gol di Massaro!!!
    I derby più belli gol di nicolino berti già citato, mi ricordo che era riuscito a portare mio padre al secondo anello verde… povero…
    Partita che ancora a oggi mi emoziona di più per i ricordi, inter-aston villa, tutte quelle bandierine che la nord dava in quell’anno in coppa uefa!!! emozionate!

  197. Matteo Crippa (@Crippone4) 08/09/2015 alle 12:09 pm

    Primo ricordo a S. Siro? Inter Fiorentina 0 – 4. Non aggiungo altro…

  198. ilreditonga 08/09/2015 alle 11:52 am

    Sì Alinghi, è proprio così, sono due tipi di calcio diversi, secondo il Re una cesura importante è stata la rivoluzione sacchiana, che ha dimezzato il campo di calcio. Prima i giocatori erano distribuiti in 60/70 metri, nel giro di un paio d’anni si ritrovarono in 30/40 metri. Aumentata la densità dei giocatori in campo diminuivano gli spazi e il tempo per pensare, e il gioco è diventato molto più fisico, veloce e frenetico, a scapito della precisione. Fare un movimento giusto senza palla è diventato più importante che sapere giocare a calcio. Così come è più importante essere grossi, alti, veloci e potenti, piuttosto che sapere giocare al calcio.
    Una volta sapere giocare al calcio voleva dire saper fare uno stop, sapere indirizzare bene un tiro o un passaggio, saper fare un dribbling.
    Ovviamente non c’è un meglio e un peggio, ma è normale che chi è nato con quel calcio lì sia più affezionato a quel calcio lì.
    Beli questi papiri e benvenuti ai nuovi goombadies, quando la redazione torna gli diciamo che siamo stati bene.

    p.s. questo post della redazione porterà sfiga in vista del derby?

  199. papagnolo 08/09/2015 alle 11:43 am

    polins,
    non solo Veron, ma anche Figo (anche se non al top) era di una bellezza incredibile da vedere
    (secondo la mia definizione di gente che dà del TU al pallone)
    Ronaldo (bastardobastardone!!!) è stato IL Fenomeno assoluto

  200. Angelo Farina 08/09/2015 alle 11:12 am

    amarcord, amarcord… io continuo a preferire la prossima

  201. polins81 08/09/2015 alle 11:03 am

    E Veron, nessuno cita Veron?! Tra tutti quelli che ho visto dal vivo ( e dal 1990 ad oggi ne ho visti tanti) , a parte il fenomeno che era fuori categoria, la Brujita è quello che più mi ha impressionato per classe, regia e stile. Da noi forse non era al top e la squadra davanti aveva quei due psicolabili di adriano e martins, ma vederlo muoversi sul campo e vederlo lanciare era una delizia.
    Peccato si fece male alla mezz’ora nel match decisivo contro i gobbi e, soprattutto, peccato che la notte di Villareal avesse altro da fare (tipo scheccheggiare tutto il tempo con sorin). La storia precalciopoli poteva finire diversamente, peccato.

  202. andalepasinatos 08/09/2015 alle 11:00 am

    E a proposito di rovesciate vi ricordo quella di Juri Djorkaeff alla Roma, uno dei gol più belli di sempre.

  203. lordpeto 08/09/2015 alle 10:23 am

    Bravissimo alinghi,
    ne parlavo proprio oggi a pranzo, mentre voi dormivate. Per questo il piu’ grande di tutti e’ ronaldo, perche’ faceva quello che faceva alla velocita’ del suono. E subito dopo ci metto Ibra, il giocatore piu’ completo e dominante che abbia mai visto.

  204. alinghi2 08/09/2015 alle 10:17 am

    @reditonga
    Concordo nella genialita’ dell’apertura di Corso,il suo prendere la mira,il suo sguardo ed il suo lancio ,pero’ c’e’ da considerare una cosa.
    Il calcio anni 60/70 ed anche 80 era profondamente diverso da quello di oggi.
    I grandi giocatori dell’epoca,i Suarez, i Rivera,i Bulgarelli i De Sisti etc etc avevano piedi incredibili,ma se eri ai tempi allo stadio o vedevi le partite alla tv ci si rende conto che i ritmi erano molto piu’ bassi e le marcature in quasi tutte le zone del campo,molto piu’ blande.
    A parte l’attaccante che veniva picchiato regolarmente in ogni dove sin dagli spogliatoi,nel resto del campo i personaggi citati sopra prendevano la palla,alzavano la testa,guardavano,si accendevano la sigaretta,magari si facevano pure una pippa e poi decidevano a chi lanciare.
    Oggi il calcio e’ diverso.Prendi il pallone e hai subito 3 energumeni che cercano di violentarti in ogni zona del campo,dandoti neppure il tempo di respirare.Per questo i Baggio,i Corso,i Suarez difficilmente troverebbero verrebbero apprezzati poco dagli allenatori,perche’ si preferiscono armadi a tre ante con incudini al posto dei piedi.
    😉

  205. rabahmadjer 08/09/2015 alle 9:46 am

    Io sono diventato interista grazie alla presenza della beneamata nei ritiri estivi a Bressanone nei primi 80 e soprattutto per l’arrivo di rummenigge.
    Dal vivo la prima volta fu una robettina da niente:
    Inter real 3a1 con dopia di roby.

  206. Angelo Farina 08/09/2015 alle 9:24 am

    che occasione domenica prossima! bertolacci sarà out.

  207. enricobertaccini 08/09/2015 alle 9:11 am

    Prima partita dell’inter: 1987 (mi pare) amichevole precampionato a Cesena Inter-Porto 1-1.
    Prima partita di campionato: Cesena-Inter 1-5 stagione 90-91
    Prima volta a San Siro: Inter-Milan 0-3, coppa italia gara di ritorno, la stessa citata da Lordpeto.
    Abbonato dal 2002-2003 al 2008-2009, finita lì per motivi famigliari, logistici (Forlì-Milano tutte le domeniche non è cosa da poco) e un generale smago verso il sistema calcio e il sistema stadio.
    All’inter ho legato ricordi meravigliosi, amicizie mai terminate.

  208. scinque 08/09/2015 alle 8:52 am

    Ricordando quell’Inter Real mi viene da pensare, ma quanto cazzo era forte Simeone? Come ci servirebbe u Simeone… (Certo anche un Ronaldo e un Baggio non farebbero schifo…)

  209. lordpeto 08/09/2015 alle 4:49 am

    Che bello passare la mattina leggendo i vostri amarcord.
    Come polins, anche io come primo ricordo nerazzurro ho una traversa di tardelli contro il goteborg ed eliminazione dalla coppa. Allo stadio ero gia’ stato piu’ di una volta, ma la prima che ricordo e’ un’ultima di campionato, 1 a 1 squallido contro l’avellino, ma “invasione” di campo, accompagnato dai miei. Ricordo benissimo l’emozione che provai calpestando quel prato, un po’ credo di provarla ancora, ogni volta che entro a San Siro e vedo il verde apparire laggiu’.
    Ricordi a milioni, conservo ancora tutti i biglietti: da piccolino tutte partite minori, pisa, cesena, avellino, bari…poi fiore, samp, lazio…nel 90 il primo Inter juve, vinciamo 2 a 0.
    Il primo derby fu in coppa italia, uno 0 a 0 insulso con un nebbione fantozziano e un gol mangiato da fontolan. Per coerenza mio padre mi porta anche al ritorno, perdiamo 3 a 0, asfaltati da papin papin gullit. Ricordo i derby vinti in serie per 2 a 1 quando segnava sempre pierluigi orlandini.
    Ricordo un gol pronti via di M Paganin, poi pareggio’ maldini.
    Ora smetto, magari riprendo quando vi svegliate.

  210. bringbackorrico 08/09/2015 alle 3:26 am

    Due volte solo a San Siro per me, purtroppo, entrambe circa gennaio 2002. Un Inter – Fiorentina di campionato, perdemmo 2-1 credo, secondo gol della Fiorentina su punizione. Poi una di coppa del nonno in serata non ricordo contro chi, squadra di Serie B, sedetti in tribuna arancione, un freddo da tundra, ricordo due cose di quella partita.. Una che portavo gli stivali texani, e due che avevo il pisello che mi era diventato un ghiacciolo.

  211. interclubqingdao 08/09/2015 alle 1:22 am

    Virgilio Fossati.
    Me ignorante, non sapevo chi era e allora sono andato a vedere. Ora ho visto chi era e mi ha fatto pensare per la seconda volta al rapporto tra lo sport e l’eroismo.
    La prima volta ci avevo pensato quando sentivo che i soldati dei corpi scelti americani in Vietnam, tornati dall’azione si interessavano dei risultati della NFL.
    Lascio perdere ogni aspetto ideologico e penso: “Ma come, arrivano dopo averne passate di tutti i colori e si interessano degli eroi dello sport”.

    Adesso leggo che Virgilio Fossati, viene ricordato come prima gloria dell’Inter ma morì nella Grande Guerra come capitano sotto il fuoco a 25 anni, insignito di una medaglia d’argento.
    Che strano il mondo.

  212. dbartdb 08/09/2015 alle 12:17 am

    LE mie top partite dal vivo post
    Inter-barça 3-1 con un popolo che respira inter all’unisono… Vabé tranne un neurone… Io che torno gonfio di grappa dal bagno e vedo le facce piû trasfigurate di gioia mai viste.. dopo quella non sono piû riuscito a tornare allo stadio per mesi e mesi
    Inter Samp da 0-2 a 3-2 con la gente che se ne andava… nel periodo dello zen e dell’arte della motocicletta lanciata e del crederci sempre, tempi del Cino e della curva nord che sbongheggiava di tifo puro e incondizionato
    Inter milan 3-2 Derby risolto dallo slim Adriano che sovrasta bobone Vieri, sull’angolo giuro di smettere di fumare se segnamo… Magari l’avesse fatto lui… Ma tutto dura il tempo di uno shot di *sale* dell’imperatore

  213. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 11:56 pm

    e comunque, pesco dall’archivio polveroso degli anni bui e per nulla epici, ma tanta roba è aver visto lolò blanc a ‘san siro’ con la bella maglia 99/00 che, come un signore nella passeggiata in centro alle 11, saliva dalla difesa mentre simic e cordoba ai lati, osservavano devoti.

    @mazzolino: bella ‘chiusa’ al papirozzo 🙂

  214. mazzolino66 07/09/2015 alle 11:48 pm

    Scrivo qui per la prima volta ma Goombadi vi seguo da molto.
    Saluto con rispetto ilRe e tutti Voi, siete una costante della mia giornata.
    Si parlava di rovesciate e non ho potuto resistere.
    Sono nato il 13 novembre come Bonimba, non credo nell’oroscopo ma nelle rovesciate di Bonimba…sì, e non sono il solo.
    Nato a Roma dopo la fine del ciclo della Grande Inter divento interista verso i sei anni per simpatia verso Sandro Mazzola, ho scelto di essere interista sopportando il rompimento di tutti i romanisti che mi circondavano.
    I miei primi nemici sono stati loro, meno il BBilan, la Gobba non si fa fatica ad equipararla alla merda…poi grazie ai modi e alla modestia della “squadra più titolata al mondo” ho sperato anche io in un altro aerea di al Al Quaeda a Wembley durante la finale di CL del 2003…as reguards i riommanisti: li ho ormai derubricati a divertimento puro.
    I primi amori sono stati Evaristo e Spillo e anche se ormai era a fine carriera non ho potuto rimanere folgorato da K.H.Rummenigge.
    Ho preso una traversa facendo la stessa rovesciata del Kalle, guadagnandomi il massimo rispetto da gente a cui potevo allacciare gli scarpini.
    Gol in rovesciata poi ne ho fatti (due) ma semplici sforbiciate, ma niente è stato emozionante come quella traversa….limitandosi al modesto calcio da me praticato.
    Per tutto il resto…c’è la fagiana.
    Dopo aver visto tresconfittetre all’Olimpico contro le due romane ho dovuto aspettare l’Inter del Trap per vedere l’Inter, quella vera.
    Prima solo televisione e la mia adolescenza è stata segnata da quella massa di bastardi del Real Madrid che riuscivano a rubare in Europa più di quanto non faceva la Gobba in Italia.
    Il solo scrivere Santillana Juanito Stielike…mi fa venire bruciori allo stomaco ancora oggi.
    La mia prima partita a San Siro non poteva che essere Inter Real 3/1 con doppietta di Baggio.
    Ero al Delle Alpi il 26 aprile 1998….e ho visto quello che tutti sappiamo.
    Otto anni dopo sono diventato padre proprio il 26 aprile.
    Ero all’Olimpico il 5 maggio 2002.
    Otto anni dopo il 5 maggio è stato l’inizio del Triplete, ma questo la Gobba non lo sa visto quello che ha scritto qualche mese fa su Tweet.
    La vita toglie ma quando c’è di mezzo l’Inter tutto ritorna con gli interessi.
    Della nuova Grande Inter è impossibile parlare, l’unica cosa che dico è che non ho avuto l’onore di vedere la Prima Grande Inter, ma l’Inter è talmente Grande che ha permesso di farmi vivere la seconda e ce ne saranno altre perchè siamo fatti così.
    L’inter non vince, si innalza a livelli siderali.
    L’inter non perde, si schianta.
    Basta ora che Vi avrò già tediato.

    Noi interisti siamo unici questo blog ne è la prova.
    Saluti Goombadi, vado a suonare lu friscalettu.

  215. josesavethequeen 07/09/2015 alle 11:37 pm

    La prima a sansiro con ricordi nitidi è stato un Inter Genoa 4 a 0 nel 93, avevo 11 anni.
    La più bella non so, ce ne sono tante, indimenticabili dal vivo per un motivo o per un altro sia i derby vinti con testa di Adriano su Vieri o gli Inter Barcellona, sia i -15 gradi in un inter Lazio con principio di ibernazione nonostante copiosi caffè borghetti.
    Allo 0 6 sono rimasto dentro fino alla fine, in fondo ci ho sempre creduto.

  216. dbartdb 07/09/2015 alle 11:25 pm

    Derby d’estate…. Pioggia di papiri di speranza… Nuovo centrocampista che scende dall’aereo e gioca titolare da trequartista… (Si perchè secondo me Perisic lo mette sulla tre quarti dove ha giocato per ora Sbronzovic)
    Buoni auspicivic

    @doggolo ahah grassie je suis honorè… se io campione tu da legend mai sfiorato dalla B

  217. alinghi2 07/09/2015 alle 11:14 pm

    Andavo già spesso a San Siro,mio padre aveva cominciato quando avevo 4 anni(sono del 59).Di quei primi anni mi ricordo poco,anche dei derby,ma la prima stagione memorabile ,con ricordi nitidi era il 70\71.Ero a San Siro per quel derby ,e c’ero anche per quell’Inter-Foggia 5-0.Incredibile come ci siano episodi recenti che sfuggono ,ma a 45 anni di distanza mi ricordo benissimo ,oltre la rete di Bonimba,Jair che si avvia a battere la rimessa laterale vicino a dove ero io.Un tifoso gli dice che siamo campioni d’Italia perché il Milan stava perdendo.Jair esulta,batte la rimessa,prende poi la palla e segna la rete del 5-0.

  218. 9spillo 07/09/2015 alle 11:14 pm

    @doggolo
    Penso che il primo gol, quello di Thiago Motta, in quel derby sia un miracolo di perfezione balistica ti tale abbacinanza che difficilmente sarà eguagliabile in un qualunque sport di squadra per diversi secoli a venire.

  219. 9spillo 07/09/2015 alle 11:09 pm

    @ilreditonga
    Mi inchino Maestà. Nemmeno un Federico Buffa ispirato avrebbe potuto raccontare e descrivere meglio quel gol.

  220. papagnolo 07/09/2015 alle 11:00 pm

    Adriano, sempre lui (dopo la goduria al 93esimo di quell’Inter-Venezia).
    Derby vinto con suo gol al 94esimo (strafamoso colpo di testa in faccia a Vieri) goduriosissimo, visto da vicinissimo al Primo Blu.
    Cosi come il 2-1 del 2007 in rimonta
    Ma quel Gennaio 2010 in 9 contro 11+Rocchi é in assoluto il massimo mai provato.
    LA PARTITA INDIMENTICABILE!
    20 minuti di superiorità imbarazzante fino all’espulsione di Wes
    Poi 70 minuti da squadrone con i controcoglioni
    E quel finale in 9 con il rigore parato da Julione festeggiato più di un gol!

    Dal Vangelo secondo Mou di quella sera:
    “io era sicuro che Ronaldinho segnava quel rigore perché é abituato a tirare uno ogni settimana…”

  221. doggolo 07/09/2015 alle 10:54 pm

    Il derby dello 0-4 con Mou rimarrà nel mio cuore per anni e anni, sia per la superiorità tecnica espressa sia per le emozioni che ho vissuto. Primo anello verde con la mia ex milanista, tutti milanisti attorno. Il primo goombade forse stava a 7 file da me. Prima dell’espulsione di Gattuso mi alzo in piedi insultando chiunque, dietro di me 4 milansisti bresciani del tipo 25 mq ognuno. Al posto delle mani dei badili, ed io preso dall’esaltazione senza freni ho iniziato a litigare con questi 4 focozzoni epocalmente enormi. La mia ex con le mani sulla faccia pregava che la smettessi, poi arriva lo stewart e mi guarda mi vede uno contro 4 e mi dice ” calma eh, smettiamola di provacare”.
    Ma ammazzati dissi pure a lui.
    Non sono mai stato così vicino dall’essere menato a sangue.

  222. ilreditonga 07/09/2015 alle 10:50 pm

    Sì, grandissimo anche quello di Kalle.
    L’apertura di Corso a prima vista non sembrerebbe geniale, anzi sembra quasi scontata, ma è sintomatica di quel calcio lì, in cui c’era gente che vedeva cose che altri non vedevano e usava i piedi come fossero le mani. Corso prende la mira, guarda il vuoto (quel pezzo di campo dove arriverà il pallone è al momento deserto, ma corso vede già tutto) fa un lancio di 50 metri, forse 55, mettendo la palla esattamente dove doveva arrivare, con la precisione di un giocatore di golf. La palla è telecomandata, quando Facchetti arriva all’appuntamento ha già rimbalzato tre volte sul campo vuoto, si è praticamente fermata e c’è spazio a sufficienza per un cross agevole, il controllo del Cipe è elementare perché il lancio di Corso prevedeva che il pallone si autofermasse e autocontrollasse ma il cross, analogamente al lancio di Corso, è di misura semplicemente perfetta, Giacinto alza la testa, prende la mira (impiega due decimi in più di mariolino perché certe cose non gli riuscivano così naturali) e crossa come doveva, né troppo forte, né troppo piano, letteralmente col contagiri. Forse troppo indietro per l’incornata di Bonimba? E’ possibile, il Cipe non ce lo può più dire, ma il cross è così misurato che Bonimba non si perde d’animo. Se di testa non ci può arrivare ci arriverà di piede, e si inventa quella cosa lì.
    Il portiere del Foggia si guarda attorno “Ma cosa sta succedendo?”. Quel gol è una poesia

  223. polins81 07/09/2015 alle 10:35 pm

    Derby indimenticabili?
    Dal vivo lo 0-3 del 98 e il 2-1 del 2007, da ragazzino alla radio quello del colpo di testa di nicolino nel finale 0-1e lo 0-4 con Mou. Così su due piedi.
    Ah l’ultima a San siro 0-1 testa di wally

  224. Teofilatto dei Leonzi 07/09/2015 alle 10:30 pm

    @papagnolo: anche io non capisco che senso abbia andarsene prima (salvo eccezioni tipo il 6-0 col Milan), in primo luogo perchè non si sa mai cosa può succedere, e poi perchè un ligure una volta che paga il biglietto rimane all’ultimo (non si spreca niente!).
    Una volta però anch’io me ne sono andato prima del triplice fischio: era quel famigerato Inter – Liverpool perso con l’espulsione di Burdisso. A un quarto d’ora dalla fine quelli del mio gruppo decisero di andarsene e mi toccò seguirli: dato che guidava uno di loro o me ne andavo anch’io o rimanevo lì abbandonato 😀

  225. polins81 07/09/2015 alle 10:30 pm

    Tifo Inter, in modo viscerale (ultimi anni poco meno ma è una fase di vita), dal 1987. Età di 6 anni, prima gara in tv Inter-Göteborg 1-1 e fuori dall’Uefa, primo idolo Walter Zenga, prima stagione seguita in radio e novantesimo minuto quella di Scifo. Prima grande gioia lo scudetto dei record. Prima inter allo stadio ( sono molisano) , inter-URSS 1-0 amichevole a Foggia 1990. Idolo di gioventù Paul Ince. Prima a San siro con abbonamento terzo rosso inter-Milan 1997 poi subito inter Juve 4 gennaio 98 con Ronaldo, altro grande idolo, poi infame. 26 aprile a Torino, 5 maggio quello triste a Roma ma ero stato a San siro nel 3-1 contro i giallorossi ( chino da favol). Il 22 maggio in piazza duomo e poi fino alle sei a San siro. Sono stato anche al San Paolo etc. Poi tanti tanti altri ricordi da vicino e da lontano…Forza Inter!

  226. elganassa 07/09/2015 alle 10:24 pm

    Maestà, per quanto mi riguarda dopo avere visto quel gol si potrebbe anche smettere di guardare il calcio.
    Apertura geniale di Corso, cross perfetto di Facchetti e conclusione in acrobazia di Boninsegna.
    Forse solo il gol in rovesciata annullato a Kalle si avvicina a tanta bellezza.

  227. 9spillo 07/09/2015 alle 10:16 pm

    Oppure no, mi sbaglio. Ti riferivi ad un altro derby ancora, qualche anno dopo, tiro al volo di Berti su cross di Sosa. Insomma….Quante gioie Nicolino Berti.

  228. 9spillo 07/09/2015 alle 10:14 pm

    @chesivincaochesiperda No, mi riferivo a un derby di un paio d’anni prima, una partita tiratissima risolta da Nicolino di testa su cross dal fondo Klinsmann.
    Il gol che hai ricordato tu fu in un derby che poteva rivelarsi decisivo per lo scudo a coronamento di una fantastica rimonta dell’Inter operaia di Bagnoli. Quell’anno cominciammo a macinare punti a seguito dell’intuizione del mister di Manicone a centrocampo. Anche quel gol generò una gioia immensa in me, purtroppo repressa da Gullit che pareggiò a cinque minuti dal termine su cappella di Mirko Taccola.

  229. ilreditonga 07/09/2015 alle 9:47 pm

    Il gol di Boninsegna col Foggia è qualcosa che non si può descrivere e il lancio di Corso per Facchetti non dice che gli va vicino, ma quasi Alter sport
    Bonimba dopo Ronaldo e Ibra è stato il centravanti più forte che abbiamo avuto nell’ultimo mezzo secolo, poi Altobelli, Vieri, Milito e Eto’o, non si sa bene in quale ordine. Icardi ha da trottare, davanti a lui per ora anche Zamorano, Diaz e Adriano

  230. chesivincaochesiperda 07/09/2015 alle 9:38 pm

    @spillo
    il goal di Berti nel derby è quello: sassata-traversa-nuca di Rossi-goooooooaaaaaaaaalllllllllll?
    Se è quello me lo ricordo anch’io!

  231. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 9:36 pm

    ‘mmappete e quanti papiri! fioccano come i gol del centrocampista che non abbiamo.
    ne leggo uno al giorno, a mo’ di avvicinamento al derbo di domenica.

    p.s. il mio lecce-inter al confronto sfigura 🙂

  232. ilreditonga 07/09/2015 alle 9:34 pm

    Questa invece la prima presenza a San Siro del Re

  233. chesivincaochesiperda 07/09/2015 alle 9:18 pm

    @spillo
    3-1 contro Rapid Wien a Verona.
    Io ero lì, dovrei avere ancora il biglietto attaccato sul diario di scuola…

  234. papagnolo 07/09/2015 alle 9:16 pm

    Inter-Groningen 5-1 a Bari é stata la mia prima Inter vista dal vivo (visto che vivevo a Barletta)
    Poi un memorial Picchi dell’88 a Livorno (per parentame sparso) con l’Inter dei nuovi Matthaeus e Brehme, Berti e Bianchi e Rabah Madjer in arrivo…(minkia il tacco di Allah!!)
    Buio…. Un paio di Bari-Inter visti negli anni successivi e poi, come dbardb, mi sposto a Milano ad Agosto 2001.
    Mi abbono in una filiale Bpm e poi cerco casa.
    Esordio a SanSiro, Inter-Venezia
    Segna Kallon su rigore nel primo tempo, tutto sotto controllo…
    Al 90 invece quel cagacazzo di Maniero pareggia.
    Vedo per la prima volta lo strano fenomeno degli spettatori che lasciano lo stadio a partita non finita e io mi domando Porqué????
    Resto al mio posto perché per me non ha senso lasciare il posto prima del fischio finale e perché con l’Inter non si sa mai.
    Come finí quella partita ve lo dirà goombade Rabah (massima memoria storica)
    Io abbracciavo tutti (non conoscevo nessuno) inneggiando a quel bestione col numero 28, nuovo idolo!!

    P.s. ammetto di essere uscito prima UNA volta durante un noiossisssssimo Inter-Atalanta con CR70 in panca e UNA volta sono rientrato sugli spalti dopo 25 minuti dall’inizio del secondo tempo (anno scorso forse contro il Saint Etienne), ma era il compleanno di Lellinovic e offriva birra….

  235. elganassa 07/09/2015 alle 8:41 pm

    2 maggio 1971: Inter- Foggia 5-0, il giorno del XII scudetto e la rovesciata di Bonimba.
    Avevo 3 anni e non ricordo nulla ma sicuramente l’imprinting nerassurro e la bausciaggine infinita sono cominciate da lì.

  236. 9spillo 07/09/2015 alle 8:31 pm

    Come è facilmente intuibile è a Spillo che devo la Fede. Ma il motivo per cui azzardo ad esibirmi in questo mini papiro è per omaggiare un altro idolo indiscusso della prima adolescenza e cioè Nicolino Berti. Questo sciattone di un centrocampista, con il suo taglio di capelli sbarazzino, gambe antiestetiche e piedi a banana. Nessuno e sottolineo nessuno mi ha fatto versare a flotti lacrime di felicità come è riuscito a fare Berti. Nelle partite più importanti, nei momenti più delicati, quando “se per un goal io darei la vita”, a salvarmela (a segnare) era sempre lui. Sempre.
    La mia personale Top teen delle più colossali esultanze almeno per la metà ha per protagonista Nicola Berti.
    Anzi, ora che ci siamo la faccio pure questa top teen. In ordine più o meno di intensità:

    1) Inter – Rapid Vienna 3-1(il primo gol di Berti. Si giocava a Verona. Lo so non è sicuramente il gol più importante della storia, ma ero giovane, ci tenevo da morire)
    2) Il fischio finale di Barcellona – Inter
    3) Milan – Inter 0-1 (90/91) (gol di Nicola a pochi minuti dalla fine)
    4) Milito (il secondo gol)
    5) Bayern Monaco Inter 0-2 (La cavalcata)
    6) Inter – Malmoe 1-1 (il gol del vantaggio di Serena, ma poi finì male)
    7) Inter – Aston Villa 3-0 (a pari merito il gol di Berti e quello di Bianchi)
    8) Inter – Roma finale di Coppa Uefa 2-0 (fu il secondo gol, quello di Berti a farmi uscire fuori di testa)
    9) Wesley a Kiev
    10) Rumenigge (il gol del 2 a 1 al Colonia)

  237. xevaristox 07/09/2015 alle 7:52 pm

    inizio a seguire il calcio e a tifare Inter nell’estate ’82, quello post-mundial (per cui non “vinco” la coppa italia di pochi mesi prima e dovrò aspettare altri sette anni prima di vedere la mia squadra vincere qualcosa…bambino Filippo mavaffanculo, và!).
    idolo da subito come si evince dal mio nick, il Becca.
    anni magici comunque: Spillo, Kalle, Liam Brady, lo Zio. le sfide col Real epiche anche se sempre finite male e in maniere dubbie, alcuni notti di coppa magiche (Real a parte, un Inter-Colonia sotto una pioggia battente con gol di Causio dopo un mischione e relativo ritorno con vittoria 3-1 in dieci, la rimonta in quel di Bari contro il Groningen con un 5-1 micidiale, l’Amburgo battuto con rigore di Brady e turno passato contro quelli che ci avevano fatto godere a mille due anni prima ad Atene), alcuni titoli sfiorati (campionati 84/85 e 86/87), coppe uefa ed italia solo accarezzate, zeru tituli ma la Francia campione d’europa 84 battuta due mesi dopo a parigi con gol di Collovati… tutti ricordi “perdenti”, ma ancora magici per il bimbetto di 10/12 anni che ero.
    prima partita a san siro, Inter-Atalanta 1-0 del gennaio ’85, con gol di Antonio Sabato e rigore dell’atalantino Magrin parato da Walterone Zenga.
    in curva fisso dall’86 al 92 con un un buon numero di trasferte, poi sempre meno stadio e sempre più ultrà da poltrona e pay-tv, prima al bar e poi, ahimè, a casa.
    e all’inizio di ogni stagione, pur col logico disincanto che gli anni sul groppone portano, per un attimo torna prepotente la vecchia magia di quelle maglie nerazzurre (finalmente veramente nerazzurre!), dell’FC Inter in campo… irrazionale? certo, ma se applichi la razionalità al calcio hai già sbagliato tutto!

  238. Teofilatto dei Leonzi 07/09/2015 alle 7:39 pm

    A casa ho ancora da qualche parte la cassetta che mi feci registrare per rivedere la partita il giorno dopo! Ora che mi ci fai pensare dovrei provare a riversarla su dvd.
    E a proposito di tutti i discorsi su ali da prendere durante il calcio-mercato, approfittiamo della presenza di doggolo in Salento: potrebbe chiedere al vecchio Moriero se è disponibile

  239. bringbackorrico 07/09/2015 alle 7:17 pm

    Teofilatto, ecchecazzo che popò di debutto! Tu non scherzi mica eh. Mi hai fatto rivivere quella serata, ricordo esattamente dov’ero, mi hai fatto tornare indietro nel tempo e ho provato di nuovo le stesse emozioni di allora. La magia del calcio! Certo che quelle accelerazioni del fenomeno mettono ancora oggi i brividi, nessuno più come lui.

  240. doggolo 07/09/2015 alle 6:47 pm

    sto preparando il derby in u Salentu, a ritmo di pizzica e taranta. Anche se non mi sembra che nessuno la balli, vabbè basta l’intenzione.

    Comunque dbartdb tu si che sei un campione.

  241. Teofilatto dei Leonzi 07/09/2015 alle 6:38 pm

    La mia prima volta a San Siro, che ricordi 🙂

  242. Angelo Farina 07/09/2015 alle 6:03 pm

    mr. mancini è così preoccupato della concorrennza di caloo che sta per lanciare…
    Per Natale ha annunciato una suo progetto molto interessante, il lancio di un’App che cosa ci può anticipare?
    L’applicazione riguarderà la metodologia dei miei allenamenti e altre cose importanti che poi scoprirete. L’uscita è prevista tra dicembre e gennaio e spero possa essere utile sia ai tifosi di calcio, per i quali ci saranno diverse cose interessanti, sia agli allenatori, da quelli che lavorano con i bambini a quelli che guidano le squadre senior per i quali ci saranno tante cose da guardare e da usare.

  243. bringbackorrico 07/09/2015 alle 5:40 pm

    DelioR, hahahaha.. In effetti si potrebbe parlare di un erezione “a tutto coeck” per me che all’epoca avevo 13 anni, gli anni delle prime donzelle scaldacazzo al liceo.
    Ludo Coeck, grande talento, uno che dava del tu al pallone, il Hazard di quell’era, un cannone al posto del sinistro. Uno dei campioni più sfortunati di tutti i tempi. RiP.

  244. mrdeliorossi 07/09/2015 alle 5:02 pm

    bringback, ti sconsiglio di menzionare ai tuoi amici nella tua nuova patria che ti sei innamorato dell’Inter per via di Coeck, potrebbero non cogliere la sfumatura nella pronuncia…

  245. ilreditonga 07/09/2015 alle 4:48 pm

    Comunque ben venga una nuova generazione di papiri. La redazione, pur nella sua conclamata svogliatezza, dovrebbe raccoglierli e fare un altro libro.
    Se la casa editrice che aveva pubblicato gli altri due non è fallita nel frattempo.

  246. ilreditonga 07/09/2015 alle 4:46 pm

    Il Re si ricorda di quando Virgilio Fossati giocava nella Primavera.
    E fu consultato da Muggiani quando si trattò di scegliere i colori sociali

  247. bringbackorrico 07/09/2015 alle 3:38 pm

    Primi ricordi di quando diventai interista. Juary l’ho conosciuto di persona nell’estate 82, io alto due metri lui mi arrivava ad altezza ombelico ma era simpaticissimo e gentilissimo a fermarsi a parlare con i ragazzi come me che lo aspettavano a bordo campo. Poi 83 ricordo aver visto in tv una delle prime partite in campionato ed esser rimasto innamorato pazzo di Coeck, che avevo ammirato ai mondiali l’anno prima. Coeck per me fu il catalizzatore che mi fece innamorare dei colori nerazzurri. Quei mondiali quindi furono gli ultimi che seguii da tifoso neutrale (senza squadra del cuore) prima di diventare interista. Infatti ricordo ammirare un po’ tutti quei grandissimi campioni che vinsero la coppa, non importa in che squadra giocasse, ed eravamo pieni di campioni, non come oggi che l’Italia fa pena. Ricordo bene anche i mondiali prima di quelli, in Argentina, i miei primi mondiali. Allora avevo 11 anni. Mamma che ricordi.

  248. mrdeliorossi 07/09/2015 alle 3:26 pm

    se ben ricordo questo è stato (ahimè) il mio esordio con la Beneamata

    my 2 cents

  249. Crush sta con mancini 07/09/2015 alle 3:18 pm

    chun… perchè medel “entra”? non parte titolare?

    ma sei sicuro?
    ma sicuro sicuro?

    hai fonti autorevoli? è solo un sentito dire?
    dici che possiamo anche fare a meno di lui per qualche minuto?
    dici che un altro centrocampo è possibile?

    sicuro?

  250. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 3:11 pm

    domenica medel entra, segna e festeggia tipo così

  251. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 07/09/2015 alle 2:36 pm

    per superstiziosi: pare che il nostro presidente-talismano arriverà in italia dopo il derby

  252. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 2:31 pm

    e auguri per i 31 anni a pico della miranda, il nostro futuro capit4no.

  253. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 2:29 pm

    io ho visto giocare brechet da morto. vale? 😀

  254. Distinti Saluti (@distintisaluti) 07/09/2015 alle 2:29 pm

    Scudetto 1980,entrai in campo con due amici e un pastore tedesco.

  255. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 2:26 pm

    l’amore vince sempre – part 2 (bolingbroke, prendi barbarella e mettila a novanta nel reparto ‘junior’)

  256. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 2:25 pm

    l’amore vince sempre

  257. uter69 07/09/2015 alle 2:11 pm

    di virgilio fossati serbo solo un lontano ricordo quando mia mamma mi allattava sui prati dell’arena civica dove allora si giocava

  258. ner0blu 07/09/2015 alle 1:58 pm

    La mia passione per i sacri colori nasce alimentata addirittura dalla radio (!).
    Le radiocronache di Coppa Campioni del 64 e del 65.
    Appena mettevo da parte i soldi per venire a Milano a vedere l’Inter, partivo con l’autostop.
    Non mi importava quale avversaria ci fosse, io venivo per vedere l’Inter, e Lei c’era sempre.
    Sono nate amicizie così importanti che oggi capita, a volte, di essere padrini di cresima di baldi giovanotti e belle signorine figli di amici risalenti a quei lontani giorni.

    L’Inter è passione, gioia, dedizione, amore.
    L’Inter è l’Inter.

  259. madddeee 07/09/2015 alle 1:40 pm

    Io c’ho già l’ansia mancano ancora 6 giorni

  260. doggolo 07/09/2015 alle 1:31 pm

    Ci sono goombadi come qingdao e cipe che hanno visto giocare virgilio fossati dal vivo.
    Loro si che sono alter sport.

  261. dbartdb 07/09/2015 alle 1:16 pm

    Il mio rapporto viscerale con San Siro nasce con il mio trasferimento a Milano… Faccio l’abbonamento in piazza meda e solo dopo inizio a cercare un tetto dove bestemmiare durante le partite in trasferta… Anno di (dis)grazia? 2001-2002
    This must be the Inter

  262. Teofilatto dei Leonzi 07/09/2015 alle 1:08 pm

    Temo di essere il più giovane qua dentro. Ho cominciato a seguire l’Inter nel campionato 1996/97, praticamente costretto da mio padre che mi portava a vedere le partite al bar con i suoi amici. Ho ricordi vaghi, la prima partita a cui mi portò doveva essere contro la Juvemerda ma non sono sicuro. Ironia della sorte, sono nato nell’anno dello scudetto dei record, in una domenica di maggio in cui l’Inter sfidava le merde a Torino. Il principino qui presente decise di nascere proprio quel giorno così mio padre non potè vedere la partita 😀
    Però l’anno in cui sono diventato veramente tifoso è stato il ’97/98, l’anno del Fenomeno e di Juliano. Il ricordo più bello è il derby vinto 3 – 0. E poi vennero l’anno dei quattro allenatori, Lippi, Tardelli, il 5 maggio. Un’infanzia e un’adolescenza rovinate, ma non mi sono mai pentito.

  263. alinghi2 07/09/2015 alle 12:37 pm

    Cit.
    Balotelli ha inziato la sua nuova “avventura” con il piede giusto.
    Quello sull’acceleratore. 😮

  264. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 07/09/2015 alle 12:04 pm

    primo maggio 1977 inter bologna 0 0, il fascino della prima volta a san siro coi gradoni, una partita dimmerda.

  265. uter69 07/09/2015 alle 11:49 am

    dopo la ‘pesante leggerezza’ di Seymour, lo zio rappresentante di caramelle mou(rinho) di dbardb qui si stanno raggiungendo vette epocali.
    questo non è un sito per tutti (semicit)

  266. Steo Eo 07/09/2015 alle 11:38 am

    …come siete giovani…

    la mia prima partita nel 77… a Torino… doppietta di Bonimba…ma con la maglietta sbagliata!

    Le mie prime lacrime due anni dopo… un rigore ci condannò a Roma dopo 12 partite utili consecutive! Mi crollò il mondo addosso e ricordo mio papà che si gira guardando il sedile di dietro della Giulia con me raggomitolato a piangere…

    Ma alla fine fu scudetto!!!

  267. dbartdb 07/09/2015 alle 11:13 am

    @chun
    Beh il primo pacco Pancev penso che mi ha fatto iniziare a fumare..
    Io ricordo semilucidamente la cavalcata infinita di Nicolino Berti stile holly e benji a “bayern” vista a casa di mio zio rappresentante tra l’altro di caramelle mou… Purtroppo ricordo anche il ritorno a San Siro… Beh fin da piccolo ho imparato a gioire e poi aspettarmi il peggio… Non so se mi ha temprato o mi ha creato problemi psicologici… Ma questa è Inter

  268. CafèColombia (@antonionpltn) 07/09/2015 alle 11:07 am

    Se fosse stato Ranocchia la corsa sarebbe terminata contro gli spartitraffico al centro dell’incrocio.

  269. interclubqingdao 07/09/2015 alle 10:00 am

    II percorso di Balotelli.
    Allora, dalla sua abitazione di Brescia va in bici in stazione, prende il treno per Milano, a Milano prende la metro per Cadorna, poi con le Nord arriva fino a Gallarate e da lì prende l’autobus per Carnago, e il gioco è fatto.
    Una volta, da giovane, avevo incidentato la mia Dyane e per andare a lavoro da Lissone alla Camm di Mialno cambiavo 5 mezzi. Durò 8 mesi.
    Ce la si può fare.

  270. interclubqingdao 07/09/2015 alle 9:49 am

    Allora mi sono informato, balotelli può scegliere se arrivare a Gallarate, a Varese o ad Albizzate in treno, poi da lì c’è il collegamento pullman per Carnago.
    Suggerirei su Albizzate che è a km 3 da Carnago così si legge la gazzetta in santa pace.

  271. interclubqingdao 07/09/2015 alle 9:42 am

    Ma il pullman arriva a Milanello?

  272. Angelo Farina 07/09/2015 alle 9:37 am

    è più grave il reato dell’improvvido rapinatore con la maglietta n. 23 o è più grave il crimine a tutta l’umanità perpetrato da un malefico commesso di un’interstore?

  273. interclubqingdao 07/09/2015 alle 9:35 am

    Consiglio di guardare le partite delle nazionale mantenendo solo l’audio per ascoltare i commenti del Trap. Con Malta al 25′ diceva che le squadre erano ancora in “fase di studio”.

  274. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 9:19 am

    @dbartdb : grazie!
    io invece sono interista dal primo pacco che comprammo, vale a dire darko pancev (ho vaghi e confusi ricordi invece dello scudetto dell’89, quello indimenticab… no, lo ammetto, non me lo ricordo per un cazzo. I miei ricordi calcistici cominciano solo da Italia 90 e, chissà perchè, ho un vago sentore di aver visto una gara di Messico 86 🙂 )

  275. Chun-Li Chung 07/09/2015 alle 9:14 am

    @micciacorta: grande!
    p.s. anche medel è (o)nanistico? 😀

  276. Steo Eo 07/09/2015 alle 8:50 am

    …minchia Ranocchia
    Non è nemmeno capace di andare in bici…
    Barcolla sulle strisce, guardando indietro e contromano…

  277. alinghi2 07/09/2015 alle 1:44 am

    @dbartdb
    grazie goombade 👍🏻

  278. dbartdb 07/09/2015 alle 1:02 am

    Rubemerda,
    ciao goombadi! dopo pagelle, libri, scudi, ascesa di Diou in terra, brocchi e rocchi di voyeurismo vi devo un papirino…
    Interista da quando compro il primo pacco di figurine panini con infiniti Massimo Ciocci e tifoso della germania dei 3 panzer con conseguenti e immotivate accuse di apologie di neonazismo subite ben al di sotto dei 10 anni, godo lo scudetto dei record e il Fenomeno e tutti i conseguenti anni adolescenziali in trauma bbeelan fino al petardo su dida visto volare in diretta dalla curva…
    il resto é Armageddon, karma, gioia, veritâ rivelata, giustizia divina, santo graal, dio sceso in terra/visita degli Lieni, serendipity… In una parola Mou…
    Prime pagelle:
    Doggolo epocale, un abbraccio virtuale per conoscenze, carattere e istinto sessuale… Informatissimo e leader naturale della creek, lucido e sempre esente da prostitussione intellettuale
    Alinghi tuttocuore,solo applausi per i tuoi racconti e il tuo spirito sognatore da vero nerassurro
    Chun e rabah motorini instancabili sulle fasce a mulinare ironia smart, video d’epoca, modulini e taaaanta fagiana de calidad
    Caloo… Beh caloo ma puoi? (Perô ne capisci di tattica…)
    BBilanisti zoozzoneri

  279. polins81 06/09/2015 alle 10:24 pm

    @broneaz
    Giusto, avrebbe fatto dei casini inenarrabili. In fondo peró si è fatto beccare…

  280. micciacorta 06/09/2015 alle 8:52 pm

    @Chun
    Visto e sentito l’anno scorso al biko. Solo, senza altro accompagnamento che la chitarra.
    Diciamo piu’ onirico che sognante, piu’ onanistico che onirico…
    Insomma, non una bestia da palco!

  281. broneaz 06/09/2015 alle 8:40 pm

    Non puó essere ranocchia sarebbe scivolato.

  282. ilreditonga 06/09/2015 alle 6:45 pm

    Al re invece sembra proprio Ranocchia, se servisse potrebbe anche testimoniare…

  283. Chun-Li Chung 06/09/2015 alle 6:13 pm


    La storia di cui vi stiamo parlando e un po’ ironica e un po’ da romanzo giallo. A Faenza è stata rapinata una lavanderia, il bottino non è un granchè, e cosa ancora più grave per i ladri, è il fatto che siano stati riconosciuti da un particolare che riguarda l’Inter. Uno dei ladri è stato identificato dai filmati a circuito chiuso grazie ad un particolare, ovvero la maglia dell’Inter col numero 23 di Andrea Ranocchia come visibile in foto, mentre fuggiva in bicicletta. La storia è stata condivisa col sorriso su Facebook dallo stesso Andrea Ranocchia, con questo messaggio in allegato: “Giuro che questa volta non è colpa mia!!!”

  284. doggolo 06/09/2015 alle 6:07 pm

    bello u salentu, dove tutte parlano come gegia.

  285. Chun-Li Chung 06/09/2015 alle 5:00 pm

    julio cesar si sta mattiadestrizzando

  286. realsbatibalovic 06/09/2015 alle 4:32 pm

    Ma sul Nuovo Sport non risponde nessuno per una questione di pretattica?

    L’annuncio che sarebbe iniziato un nuovo torneo è di un po’ di tempo fa ormai. Io ho speso una fortuna per allestire l’ippodromo con pista ghiacciata e piscina.dei tuffi, mi sono anche indebitato. E ho pure comprato due immensi terreni desertici per le partite in casa.

  287. Chun-Li Chung 06/09/2015 alle 9:17 am

    che poi le nuove magliette del rayo di quest’anno spaccano il culo e accontentano un pò tutti: puristi e innovatori, uomini e donne, etero e gay

  288. Chun-Li Chung 06/09/2015 alle 9:12 am

    no comunque, detto tra il serio e il faceto, il 5-3-2 del costa rica ai mondiali è tra le ultime cose vagamente divertenti viste nell’appiattito calcio di merda dell’ultimo periodo.
    al massimo assieme al mainz di tuchel e, vah, anche al commovente rayo vallecano di paco jemez, nei nostri cuori per motivi che vanno al di là delle pelota 🙂

  289. Chun-Li Chung 06/09/2015 alle 9:07 am

    @micciacorta: lo inseguo da un po’ nei concerti dal vivo, ma dai tempi dei ‘War on drugs’ non ci sono ancora riuscito!
    il nuovo singolo è smaccatamente più pop però lo si riascolta volentieri

    p.s. ma nel fantafocozziorg mica si usano moduli da femmine tipo 4-2-3-1, 4-2-4 e 3-6-1? se si va solo di quelli classici, dò la pre-adesione 🙂

  290. realsbatibalovic 06/09/2015 alle 8:27 am

    Presumo che il torneo del Nuovo Sport sia iniziato senza avvisare nessuno, così come da regolamento, e che per ora tutte le squadre siano state sconfitte a tavolino e penalizzate giusto?

    Per sicurezza io duecento ballerine, tre geologi e alcuni degli animali da cortile li ho già piazzati nell’hangar e ho comprato le candeline, per la prossima partita voglio farmi trovare pronto.

  291. polins81 05/09/2015 alle 10:34 pm

    E comunque pur essendo un interista che viene da lontano Milano, ma cresciuto a pane e peppino Prisco, adoro lo stile della redazione. Prendere per il culo i bilanelli in anticipo è doveroso. Se va bene goduria doppia, se va male ricordarci di nicolino: meglio sconfitti che milanisti. Certo, il 13 sarebbe molto molto meglio che gli sconfitti siano loro.

  292. polins81 05/09/2015 alle 10:24 pm

    Eppure questo è un sito di esperti e io vi stimo. Cosa vi salta i mente di parlare di 3-5-2? Certo, in alcuni frangenti potremmo sistemarci a 5-3-2 per difendere dei risultati, ma da qui a dare retta a zazzaroni…zazzaroni, un asino. I tempi di Bagnoli (che ha il mio rispetto per ragioni che potrenmo approfondire), Ottavio bianchi, in modo diverso zaccheroni, gasperini e il mazzarro sono finiti. Ora si difende a 4 di base. Punto.

  293. micciacorta 05/09/2015 alle 8:08 pm

    Chun
    Gran post musicale. Adoro le atmosfere sognanti e raffinate di Vile

  294. ilreditonga 05/09/2015 alle 7:39 pm

    Vladi e Caloo.
    Non sarebbe un’idea affatto campata per aria, ma non dovremmo chiamarlo 3-5-2, perché Telles è un difensore.

  295. valdiviak 05/09/2015 alle 5:48 pm

    L’ha appena suggerita anche zazzaroni (mica uno qualunque…), ma vista la formazione della partita contro il lecco ci avevo pensato anche io che il mancio ha in testa un 352:
    Handa
    Miranda medel murillo
    Perisic brozovic melo kongdogbia telles
    Icardi jovetic.

    Caloo saresti al settimo cielo ammettilo!

  296. elganassa 05/09/2015 alle 5:47 pm

    Ah, Stephanie Seymour e tutte le altre ragazze che sanno fare il broncio …

    Mai saputo resistere alle richieste di un bel musetto imbronciato.

  297. xevaristox 05/09/2015 alle 5:42 pm

    Griffith! è il padre del cinema americano, io lo adoro, è come se fosse mio padre, sa dottore!
    RIP Mauro Vestri

  298. Francesco Ferrara 05/09/2015 alle 5:22 pm

    fossi_figo66 (@fossi_figo66)
    magari fantafocozzone…, ma l’anno scorso a un certo punto eravamo in 6 a giocare… se qualcuno lo organizzasse con un po’ più di coinvolgimento…

  299. seymourcaulfield 05/09/2015 alle 4:52 pm

    @Chesivinca
    Sì, ho già partecipato a questo blog, con un altro nick però.
    E per quel che riguarda l’epilogo del racconto, Alinghi2 ci ha visto giusto.

  300. PAOLO (@paoloLXXII) 05/09/2015 alle 3:30 pm

    Ciao Guidobaldo, insegna agli angeli chi è Davidlijuuuuau grift

  301. bringbackorrico 05/09/2015 alle 2:54 pm

  302. bringbackorrico 05/09/2015 alle 2:53 pm

    Un tributo alla signora Seymour, la più splendida di tutte.

  303. chesivincaochesiperda 05/09/2015 alle 1:33 pm

    @seymour
    Ho apprezzato il tuo racconto.
    Ma che significa che altri tuoi interventi sono piaciuti ai goombadies? Hai già scritto su questo blog?

  304. interclubqingdao 05/09/2015 alle 12:21 pm

    Io sono preoccupato dalla pressione che Mihailovic sta mettendo sui suoi, non vorrei che alcune chiaviche presenti nel centrocampo e in difesa si trasformassero in giocatori per un giorno.

  305. interclubqingdao 05/09/2015 alle 12:18 pm

    Grazie Re per il ricordo,
    Facchetti era un uomo onesto ma anche un grande giocatore e poi un manager capace, particolarmente valente nel duro combattimento contro la Cupola.
    I tentativi di oltraggio contro la sua figura, dopo la scomparsa, sono stati il raglio lontano degli sconfitti senza onore.
    Il suo monumento ne è rimasto intatto, senza neanche dover aspettare le parole severe delle recenti sentenze, da subito splendeva già di suo.

  306. alinghi2 05/09/2015 alle 10:56 am

    In ricordo de: Il Potentissimo Prof. Guidobaldo Maria Riccardelli

  307. Chun-Li Chung 05/09/2015 alle 9:11 am

    oggi Enrico parla di #scudoduro sulla Cazzetta (l’ho comprata dopo anni giusto per tenermi la pagina sulle rose e quote fantacalcistiche) anche se pare oramai che Ventola non rientri nel progetto.
    questa ci sta oggi

  308. realsbatibalovic 05/09/2015 alle 7:52 am

    Comunque, dopo tanto parlare di fagiana giocare contro il Lecco è catartico.

  309. realsbatibalovic 05/09/2015 alle 7:51 am

    Giacinto, sempre qui con noi.
    Ciao grande capitano.

  310. bringbackorrico 04/09/2015 alle 11:44 pm

    Ma l’Adriano l’ha già fatta la cacca?

  311. il Fabri 04/09/2015 alle 10:47 pm

    Re lei come al solito si distingue…

    Ci manchi tanto Cipe.

  312. enricobertaccini 04/09/2015 alle 10:46 pm

    Sempre fiero del nostro eterno numero 3.

  313. ilreditonga 04/09/2015 alle 10:28 pm

    Allora tocca al Re ricordare Giacinto Facchetti, grandissimo giocatore, grandissimo sportivo, grandissima persona. Uno dei motivi per cui c’è da essere fieri di essere interisti anche in questi periodi di facoceri magri.

  314. ilmonday 04/09/2015 alle 8:16 pm

    Doggolo se li sogna ancora quando mangia pesante…

  315. interclubqingdao 04/09/2015 alle 7:53 pm

    Insieme al Papu, che coppia avrebbero fatto.

  316. interclubqingdao 04/09/2015 alle 7:52 pm

    Quanti bei ricordi, Lodi, il vecchio pallino di Branca.

  317. ilmonday 04/09/2015 alle 6:56 pm

    Scopro ora che fra gli svincolati, quindi ancora acquistabili, c’è Lodi (ex catania).
    Ve lo ricordate Lodi?
    Io me lo ricordo quando eravamo molto vicini a prendere Lodi e ci pareva pure un acquistone.
    No, per dire che ora c’è chi scheccheggia su Kondogbia….

  318. el baüscia 04/09/2015 alle 5:12 pm

    too late for a date
    Potrei metterla anche io come targa….
    Per il Lecco: il mister è il fratello maggiore di Javier, il presidente è il Becca…. Sarà mica stata una partita seria, su…
    Solo i gonzi che leggono i giornali sportivi ci possono credere.

  319. interclubqingdao 04/09/2015 alle 4:23 pm

    Megliosenza, rigrande.

  320. ilreditonga 04/09/2015 alle 3:51 pm

    Perché nessuno ricorda Facchetti? Eppure il re lo ricorda bene

  321. rabahmadjer 04/09/2015 alle 3:29 pm

    In merito all’Amichevole di ieri, credo che sia stato un errore alla base sceglie proprio quell’avversario.
    Lo sanno tutti che il lecco è perfetto da affrobtare per il benfica.
    Ancora meglio se si gioca al bentegodi.

  322. rabahmadjer 04/09/2015 alle 3:21 pm

    Essere definito un furfante di un certo livello mi inorgoglisce assai.

  323. megliosenza 04/09/2015 alle 2:54 pm

    Balotelli già quasi completamente recuperato, per i pezzi ancora mancanti si attendono i cani molecolari…

  324. Crush sta con mancini 04/09/2015 alle 12:48 pm

    @angelo
    perchè gliela vuoi strappare? fagliela tenere così completi la metafora di fottere la vecchia signora…

    l’importante è che scegli solo posizioni da maschio dominante…

    cmq se ti attizza hai gusti strani… non oso chiederti cosa ne pensi della christillin… brrrrr

  325. Angelo Farina 04/09/2015 alle 12:07 pm

    @crush mi attizza, e poi il pensiero di strappargli da addosso quella maglia oscena

  326. Crush sta con mancini 04/09/2015 alle 12:05 pm

    @angelo farina
    emma W inter è/ha ‘na faccia d’ cazz (scusate la raffinatezza):
    ha il fisico di un ferro da stiro e la simpatia di un agnelli… e neanche dell’avvocato che era cmq un pezz di juvemerda

    detto questo una botta gliela darei, ci mancherebbe…

  327. Vittorio Montonati 04/09/2015 alle 11:51 am

    ma l’avete vista la foto di Perisic su fcinternews? non sembra Stanlio?

  328. megliosenza 04/09/2015 alle 10:57 am

    Nonostante le critiche Galliani si è detto contento del mercato: “Stamattina le zucchine erano a 1 euro”

  329. Angelo Farina 04/09/2015 alle 10:53 am

    emma W Inter mi toglie il sonno

  330. fossi_figo66 (@fossi_figo66) 04/09/2015 alle 10:37 am

    ma quest’anno niente fantafocozzoniorg?

  331. interclubqingdao 04/09/2015 alle 10:35 am

    E’ fuori tema ma vorrei segnalare la targa dell’auto di Sharon Stone:

    2L84AD8

  332. Crush sta con mancini 04/09/2015 alle 10:32 am

    Lord…
    Chapeau per lo striscione

  333. interclubqingdao 04/09/2015 alle 10:31 am

    L’offensiva della Gazzetta contro di noi vuole mascherare due eventi:
    1) Lo scontento dei tifosi juventini.
    2) Lo scontento della moglie di Andrea Agnelli, Emma Vivainter (non si parlano da tre mesi).

  334. lordpeto 04/09/2015 alle 10:29 am

    Io non portero’ mai piu’ striscioni al derby.
    Ero un giovane ventenne quando realizzai il piu bel due aste mai visto a san siro per un derby: un sottilissimo e shakespeariano “2B or not 2B?”, scritto in nero con le B in rosso.
    Il destino burlone mi premio’ con un impietoso 6 a 0 nei denti.
    Mai piu’.

  335. cuchu4trainer 04/09/2015 alle 10:11 am

    cazzetta mmmmmerdaaaaa

  336. realsbatibalovic 04/09/2015 alle 6:31 am

    Gazzetta dopo l’amichevole sgambata contro il Lecco senza 13 nazionali e Icardi:

    “Che flop la nuova Inter!”

    Davvero, non pensavo che sarebbero arrivati a questo punto. Da stasera ci sono prostitute che manifestano contro Mourinho per averle associate ai giornalisti sportivi.

  337. ègr 04/09/2015 alle 1:05 am

    l’esperto non sa un cazzo.

  338. Crush sta con mancini 04/09/2015 alle 12:25 am

    Prima di perculare i gonzi non si poteva aspettare di vincere il derby?
    Vabbè avete ragione: Noi si è bauscia sempre e comunque….
    A sto punto io preparerei uno striscione con scritto:

    11 IBRA PER ME POSSON BASTARE…🎶

    Dite che è troppo sottile?

  339. josesavethequeen 03/09/2015 alle 11:37 pm

    A una settimana dal derby post perculante i bbilanelli. Queste sì che sono soddisfazioni.
    A confronto il commendator zampetti era un dilettante.

  340. broneaz 03/09/2015 alle 10:50 pm

    Per me è una tattica contro le p.i. Perdere tutte le amichevoli e vincere le partite ufficiali. Se dopo le due pere del Lecco ne piazziamo una (vincente) a quelli da cui tutti vogliono andare rinunciando a euri e coppe, a qualche neutrale pennaiolo scoppia la pompa.

  341. ilreditonga 03/09/2015 alle 10:26 pm

    D’altra parte fin dai tempi di Sergio Clerici il Re ha avuto un debole per il simpatico club lombardo. E Sergio Clerici ce l’avessimo oggi… Icardi se ne rimarrebbe in panchina.

    A proposito… Sapete che a Montoya per punizione al ritorno gli hanno fatto guidare il pullman?

  342. ilreditonga 03/09/2015 alle 9:15 pm

    Sapevamo che con i blucelesti sarebbe stata dura

  343. Chun-Li Chung 03/09/2015 alle 8:55 pm

    #mancinivattenematornaperdomenica

  344. Claudio Carlini 03/09/2015 alle 8:45 pm

    ma che cazzo di formazione ha messo in campo???????? santon, d’ambrosio, telles…. jj unico difensore ahahahahahha ci scommetto che telles alla fine lo metterà in campionato ala sinistra con jj terzino 😛 😛

  345. PAOLO (@paoloLXXII) 03/09/2015 alle 8:25 pm

    Lecco inter 2-0. Qua Bacconi dovrebbe intervenire pesante. Voglio sentire il pennarello che strilla sulla lavagnetta!

  346. tirimancini (@tirimancini) 03/09/2015 alle 8:19 pm

    Julione uno di noi…altro che la sedia che vuole andare a giocare la Champions…chiedete a Julione di andare a giocare con le Merde rubentine….

  347. papagnolo 03/09/2015 alle 8:04 pm

    É chiaro che le amichevole le schifiamo
    Lecco e Real Madrid, le illudiamo tutte ugualmente.

  348. poetadialettaleamicodibobdylan 03/09/2015 alle 7:56 pm

    “Eh, ma il Lecco è più avanti con la preparazione..”

  349. papagnolo 03/09/2015 alle 7:55 pm

    Acquaementale anche per me!
    Della banda grassoni alcolici del 2010, uno solo mi ha fatto piangere quando ci ha salutato, quello a cui forse ho voluto più bene.
    Oggi é il suo compleanno e io gli voglio ancora un bene infinito.
    AUGURI JULIONE!!
    Quel rigore parato al minuto 92 davanti ai miei occhi sotto il primo blu, in 9 contro 11, mi fa ancora jizzare nei pantaloni.
    Che bello che eri quando esultavi correndo per tutto il campo col tuo sorrisone (proprio come Borsonevic di oggi).
    Ti voglio bene assaissimo!
    Unico grande acchiappasogni!
    P.s. E ora goombade Ues piangerà per noi tutta la sera

  350. poetadialettaleamicodibobdylan 03/09/2015 alle 7:54 pm

    Col Lecco calcio champagne.. Montoya non ne salta uno. Affare.

  351. madddeee 03/09/2015 alle 7:49 pm

    Montoya quasi 2 goal confezionati al Lecco.

  352. poetadialettaleamicodibobdylan 03/09/2015 alle 7:48 pm

    noi ridiamo tanto per Romagnoli e Bertolacci ma Guarin e Montoya non scherzano eh..

  353. seymourcaulfield 03/09/2015 alle 7:27 pm

    Grazie a tutti, troppo buoni…davvero.
    Sono contento di avervi offerto un piccolo diversivo. Per ragioni che non vale la pena di enumerare non ho mai raccontato a nessuno quell’aneddoto, mi piace l’idea di averlo potuto condividere con voi.
    Devo però confessarvi che non è la prima volta che un certo numero di goombadies mostra di gradire un mio intervento.
    @Borlini
    Amo tutte le poche centinaia di pagine vergate da J.D.S., ma in assoluto ciò che preferisco tra gli scritti di quel signore è “Nove racconti”.

  354. Angelo Farina 03/09/2015 alle 6:43 pm

    alinghi sei l’enciclopedia delle occasioni perse

  355. alinghi2 03/09/2015 alle 6:40 pm

    A proposito,visto che e’ settembre,un acquaementale non ci starebbe bene?
    Cosi’,tanto per rivedervi,anche se non siete delle belle fighe.

  356. alinghi2 03/09/2015 alle 6:38 pm

    Ripubblico
    @Crush
    Quello di di seymour vale sicuramente come papiro.

    Da quello che ho capito il suo urlo non ha contribuito a riappacificare il rapporto…almeno quella sera.
    Spero in una riunione diella coppia,ma il punto B e’ Bibbia.

  357. alinghi2 03/09/2015 alle 6:37 pm

    Ripubblico
    @seymourcaulfield
    Nel 1992 ero in vacanza a Creta,con la prima moglie.
    C’era nel negozietto del villaggio una ragazza splendida,della mia eta’ di allora.Non era bella…..era uno spettacolo della natura.Bionda,alta,occhi azzurri.Nel tempo delle vacanze si era instaurato un bel rapporto.Insomma,ci eravamo di gradimento.(ero molto meglio di adesso,anche se nessuno ci crede)Tutti i giorni passavo una trentina di minuti dentro il negozio,in attesa del giornale,e li passavamo sempre chiacchierando piacevolmente.Per farla breve,l’ultima sera vado oltre orario a prendere una cosa.Era chiuso,ma lei era dentro ,stava tirando giu’ le tendine e mi faceva cenno sorridendo che non poteva farmi entrare e che era arrabbiata perche’ con me perche’ sarei partito il giorno dopo.
    2/3 minuti di false suppliche e finte resistenze,le mi apre e facendomi l’occhiolino mi dice in inglese:only for your eyes.Subito richiude la porta a chiave.
    Poteva essere il pallone da spingere in rete dalla linea della porta.Come ogni bel sogno che si infrange subito sul piu’ bello arriva il mio amico a vedere dove ero finito.Lei lo fulmina con lo sguardo,mi dice che e’ un rompiballe,io rimango con un principio di entusiasmo in basso.
    Morale,4 mesi dopo mettevo in piedi la separazione,siccome c’e’ giustizia a questo mondo,anche il mio amico rompicoglioni si e’ separato l’anno successivo.La sensazione ‘ che quella sera avrei dovuto disfare i bagagli e restare,caricando la moglie sul traghetto e mandandola affanculo con 4 mesi di anticipo.
    Questo per dire…..se ti separi o rimani insieme,non e’ certo perche’ hai esultato per una rete dell’Inter.

  358. Chun-Li Chung 03/09/2015 alle 6:36 pm

    Rabah e Doggolo sono due facce della stessa Medelia: dover scegliere è un crimine! 🙂

  359. Chun-Li Chung 03/09/2015 alle 6:35 pm

    “22anni, troppo giovane, continuerò ad amarla di nascosto”
    @doggolo: c’è il premio-valorizzazione dell’Uefa per quella fascia d’età li! 😀

    @qingdao: grazie, ma troppo buono. quando avrò limato alcuni difetti nella scrittura sarò il nuovo Gadda, Ma mica lo scrittore: lui proprio —->

  360. Matteo Crippa (@Crippone4) 03/09/2015 alle 6:28 pm

    Ripubblico qui le risposte che devo a Papagnolo per l’ammissione nel club dei Goombady.

    Papagnolo, eccoti le risposte:

    1) Alvarez – uno dei due o tre argentini al quale manca del tutto la cosiddetta garra. Ha provato a fare il duro tatuandosi, ma risulta credibile come un Samuel ballerino classico. Peccato visti i piedi educati.
    2) Kovacic – come sopra. Senza tatuaggi pero’. Credo sia stato venduto perche’ non avrebbe potuto gestire le rivalita’ balcaniche dell’inter di oggi. Anche lui ha la stessa faccia cattiva: ad ogni azzoppamento ricevuto si scusava per aver lasciato li la gamba con la frase presidenziale “e’ una cosa poco simpatica nel suo complesso”.
    3) Handanovic – MAH. Bravo…ma boh…l’acchiappasogni e il ragno erano di un altro pianeta
    4) Calooleft vs resto del mondo – uno bravo a suonare consigliava che nella lotta tra te e il mondo,
    ti dovresti schierare dalla parte del mondo. Chi sono io per dargli torto?
    5) chi ha ragione tra Rabah e Doggolo – Qui riporto in auge l’equidistanza dei tempi migliori, quando la politica italiana era dominata si da furfanti, ma furfanti di un certo livello, non i moggi di oggi.
    6) quale carro hai costruito (Hernanes, Alvarez, Jonhatan, Stramacció): I believed in Strama…ad oggi agnostico. Non salgo su carri: vado a piedi o in Buell.
    7) Mou é Dio o é lo stronzo che ci ha abbandonato? La prima che hai detto. E’ la visione maschile della cosa. Sei finito a casa della piu pregiatamente piumata di tutte le fagiane, ci sei finito a letto e vi siete stropicciati le piume a piu non posso con reciproco enorme piacere, l’hai fatta riaddormentare e non c’eri a colazione. Lei ti dara’ dello stronzo, in realta’ tu hai evitato di rovinare un bellissimo ricordo.

    ciauz

  361. aug966 03/09/2015 alle 6:23 pm

    Settimo
    Non esser juventino

  362. dinaminter 03/09/2015 alle 6:17 pm

    6. Come Dj rubemmerda

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: