Interistiorg

Il sito che vi amerebbe tutti, se solo ne avesse il tempo

Archivi delle etichette: balotelli

Milanhalloween

Ibra in love

“Qualcuno sa cosa regalarti a Natale…”

Ibra: “Milan la maglia più bella“. Segnatevi questa: ‘sto qui non fa un cazzo.

Ibra: “Robinho è un mago“. Ci sta provando, anche noi siamo vissuti per anni sulla stessa battuta: “Adesso io entro in questa cassa e tu mi seghi“.

Parte il progetto loro sono troppo stupidi e l’occasione è troppo ghiotta“. Si segnala il divieto di lettura ai dirigenti e/o responsabili marketing della Juventus.

Obinna chiede pazienza ai tifosi del West Ham: in caso di fallimento potrebbe comunque andare al Milan.

Galliani cerca di farci un dispettone: “Balotelli al Milan? Sì, mi piacerebbe“. Se non ci arrabbiamo smette anche di respirare finché non diventa viola.

Il Milan su Balotelli. Brr, che paura: al sol pensiero ci ritroviamo con un frappé nel pannolone.

Galliani ai tifosi interisti: “Dolcetto o Balotelli al Milan?”

Piersilvio ringrazia il padre per Ibrahimovic. Se sperava di cavarsela solo con il pacchetto di maggioranza di Mediaset in regalo, il vecchio sbagliava di grosso.

Berlusconi: “Ho riscoperto la passione“. A Palazzo Grazioli se ne erano accorti senza bisogno che lo dicesse.

Berlusconi: “Ho riscoperto la passione“. A scanso di equivoci: sta parlando del Milan.

Balotelli al Milan: ecco le prove

“Ammiro molto Robinho”


Ibrahimovic: “La Champions è questione di dettagli e fortuna”. Sì, ma non segnare da un metro col Manchester è questione che sei un coniglio.

Aldo Grasso sugli stadi vuoti: “Così imparano gli ultrà a credersi padroni assoluti degli spalti, a usare gli stadi per dispiegare violenza e inciviltà, a condizionare società e giocatori“. Massì, continuiamo ad avvalorare la favola che la gente non vada più allo stadio per colpa delle mattanze tra tifosi.

Perché Grasso non ci scrive anche un bell’articolo di astrofisica?

Che bei ricordi negli anni ’80, quando gli stadi erano oasi di civiltà, Maradona e Platini giocavano tra gli applausi ed era praticamente impossibile finire dentro ai mitici tafferugli.

Gli stadi negli anni ’80 erano pieni grazie all’ordine pubblico. Ce ne ricordiamo bene noi che allo stadio ci andiamo tutte le domeniche da trent’anni.

Goombade Mancius: “AH. I vecchi stadi degli anni 80! che sbaciucchioni! ricordo chiaramente quando, quindicenne, al Del Duca di Ascoli, in un ascoli inter 1 a 0, alla mia ingenua imprecazione per l’ennesimo gol sbagliato da Ciocci (poi tardivamente ceduto proprio all’ascoli credo) venni aggredito ed insultato nel settore distinti da uno sciame di sessantenni ascolani inferociti e portato in salvo a fatica da uno zio.

Goombade Psycho: “Bisognerebbe capire che sono proprio gli intelligentoni del calcio (e quelli come Grasso, che non c’entrano un cazzo) ad allontanare la gente dallo stadio! A parte gli stadi che fanno schifo (anche San Siro, sì), mi girano i coglioni quando leggo dalla newsletter di Inter.it questa cosa: “La Lega Calcio ha ufficializzato gli anticipi e posticipi relativi alla Serie A Tim dalla 2°alla 9°giornata compresa. Per i nerazzurri sette gare su nove in notturna e un anticipo alle 12.30″.

Infatti trovare un biglietto per Inter-Barcellona, senza avere parenti all’Inter, è impossibile grazie alla garanzia di un ottimo ordine pubblico.

Tessera del tifoso: i primi esperimenti di fidelizzazione del tifoso funzionano benissimo.

Provare a fidelizzare i tifosi non è come pretendere di battezzare il Papa?

Il giornalino di agosto del Manchester City parla chiaro: Balotelli vuole giocare con Robinho. E’ l’unico al mondo che lo dice senza mentire.

Galliani vuole Balotelli per completare il progetto: trasformare il Milan in “Vecchie glorie dell’Inter“.

Non si stava tutti meglio quando si limitavano a giocare alla P2?

Kuyt si spacca in mille pezzi: Galliani vola a Liverpool per trattare il forte sconto.

Il penta è partito, il bi è tornato.

Ibra in loveChe colpa ne ha, se il cuore è uno zingaro e va.

Un bravo però gli va detto per l’impegno ecologista: il Milan gioca solo con calciatori riciclati.

Noi lo avevamo detto subito: è stato un errore esonerare Mourinho.

Ti senti incompreso? Durante l’Impero Ottomano hai vissuto un momento di gloria e adesso provi a parlarne in giro ma nessuno ti ascolta? Per questo cerchi una catapecchia qualsiasi in cui ritrovare l’affetto in mezzo ai tuoi simili? Telefona all’Associazione Calcio Milan e un incaricato ti contatterà immediatamente.

Rivaldo, Ronaldo, Oliveira, Vieri, Senderos, Huntelaar, Ibrahimovic: per l’ennesimo anno consecutivo il Milan si conferma pitale d’Europa.

Supercoppa Europea, sfuma il quintuplete e per i media è subito crisi-Inter. Già, perché quelli che han fallito anche l’unoplete stanno da fragola, invece.

Neanche il tempo di rammaricarsi un pochino, ed ecco che subito gioca la Juventus e torna il sorriso.

Supercoppa Italiana, il quarto successo del 2010 arriva contro una squadra che per rinforzarsi ha acquistato Adriano. Avrebbero avuto maggiori possibilità di colmare il divario ingaggiando un ippopotamo.

Mercato: Adriano alla Roma, Balotelli al Manchester City, Ibrahimovic al Milan. Mancano soltanto Ciocci al Real e Garlini al Bayern e avremo piazzato uno scarto in tutte le squadre europee di secondo piano.